Le case in alcune parti degli Stati Uniti sono “sostanzialmente non assicurabili” a causa dei crescenti rischi legati al cambiamento climatico

Milioni di proprietari di case americani come Mary Morse si ritrovano bloccati in difficoltà finanziarie, affrontando rischi crescenti derivanti da incendi e inondazioni legate al cambiamento climatico, mentre i loro tassi di assicurazione sulla casa salgono vertiginosamente. Sempre più spesso, il colpo finale arriva quando gli assicuratori ritirano la copertura, lasciando vulnerabili individui e persino intere comunità.

“Ho ricevuto una lettera dalla mia compagnia di assicurazioni che diceva: ‘Non serviremo più la tua zona'”, ha detto Morse, 75 anni, a CBS News della sua casa a Pine Cove, in California. “Ho anche mandato [the insurance agent] una foto del mio idrante. Non è servito a nulla.”

Il crescente rischio di incendi significa che alcune parti della California stanno diventando “sostanzialmente ‘non assicurabili’”, secondo una nuova analisi della First Street Foundation, un’organizzazione no-profit che studia i rischi climatici, condivisa per prima con CBS News. La ricerca ha implicazioni allarmanti per i proprietari di case negli Stati Uniti, con anche i residenti degli stati interni come Kentucky, South Dakota e West Virginia che si trovano ad affrontare costi assicurativi nettamente più elevati a causa dell’aumento dei danni derivanti da condizioni meteorologiche estreme che gli esperti attribuiscono in parte al cambiamento climatico.

Secondo l’analisi, circa 35,6 milioni di proprietà – un quarto di tutto il settore immobiliare statunitense – devono far fronte all’aumento dei prezzi delle assicurazioni e alla riduzione della copertura a causa degli elevati rischi climatici. Tuttavia, l’aumento dei costi assicurativi non è solo un duro colpo per i bilanci dei proprietari di case: i costi più elevati svalutano anche le loro proprietà, ha affermato First Street.

See also  Obbligazioni verdi (lavaggio) in Brasile: come le banche europee sono collegate alla deforestazione e alla schiavitù

“Assolutamente paralizzante”

“Si sta parlando di ricevere una lettera per posta che dice che tra il 60% e la metà dell’80% gli aumenti per le politiche,” ha detto Matthew Eby, CEO di First Street. “Questo è paralizzante. Assolutamente paralizzante. E quindi quelle case non sono, da uno scenario di investimento, qualcosa in cui investiresti.”

Morse ha detto di aver messo la sua casa sul mercato per un anno, ma non è stata venduta – un fallimento che attribuisce al recente aumento dei tassi ipotecari e al ritiro del suo assicuratore dalla sua regione.

“I tassi di interesse sono aumentati nello stesso momento in cui è stata abolita l’assicurazione contro gli incendi. E penso che una combinazione di questi fattori abbia reso davvero difficile per le persone acquistare case”, ha detto.

Secondo First Street, Pine Cove, situata nella contea di Riverside, in California, a poco più di 100 miglia a sud-est di Los Angeles, è uno dei 10 peggiori codici postali per i mancati rinnovi assicurativi negli Stati Uniti. L’azienda ha inoltre scoperto che la contea di Riverside è quella maggiormente a rischio di perdere case e altre proprietà a causa di incendi ogni anno.

Assicuratori di ultima istanza

Morse finì per ottenere un’assicurazione attraverso l ‘”assicuratore di ultima istanza” del suo stato, il piano California FAIR. Ma con un costo di quasi $ 2.000 all’anno sta pagando il doppio per una copertura che non è così ampia come la sua polizza precedente, e ha detto che è preoccupata che il tasso probabilmente continuerà a salire.

“Ho 75 anni e sto ancora lavorando per potermi permettere il mutuo”, ha detto. “Se questo continua ad aumentare nel modo in cui è aumentato, avrò un problema.”

See also  La UAW resiste all'espansione degli scioperi contro le Big Three di Detroit, citando i progressi con le case automobilistiche

Diversi importanti assicuratori hanno smesso di rinnovare le polizze negli stati colpiti dal clima, con Allstate e State Farm che hanno recentemente annunciato di esserlo lasciando cadere un po’ di copertura in California e optando per AAA da non rinnovare alcune politiche in Florida.

Quando ciò accade, i programmi statali di “assicuratori di ultima istanza” forniscono una certa copertura ai proprietari di case, anche se First Street ha osservato che il premio è spesso “più volte” il costo della polizza persa e fornisce una copertura inferiore.

Da parte sua, il settore assicurativo afferma che la frequenza e la gravità dei sinistri sono in aumento, rendendo gli assicuratori più cauti nel decidere dove offrire la copertura. “[T]il suo crescente costo dei sinistri verrà trasferito ai consumatori sotto forma di premi assicurativi più elevati”, ha dichiarato la National Association of Insurance Commissioners a CBS News in risposta ai risultati di First Street.

Nonostante tali sfide, milioni di americani continuano a trasferirsi in regioni soggette a condizioni meteorologiche estreme e disastri naturali.

“Gli esseri umani non sono così razionali. Quindi ci sono molte persone che vogliono vivere in Florida semplicemente perché è bella, è vicino all’oceano e c’è il sole”, ha detto Eby. “E quindi, finché ciò accadrà, la bolla del rischio, la bolla assicurativa che vediamo, continuerà a crescere.”

Quanto è grande il successo?

Una compagnia assicurativa che decide di non rinnovare la copertura contro rischi come incendi e allagamenti può svalutare istantaneamente un immobile.

First Street ha scoperto che un proprietario di casa in Florida lasciato da un assicuratore potrebbe vedere il valore della proprietà diminuire dal 19% al 40%. Questo perché il proprietario della casa avrebbe bisogno di ottenere la copertura dall’assicuratore statale di ultima istanza, la Citizens Insurance Agency. Tassi assicurativi più elevati per i cittadini abbasserebbero il valore della casa, ha osservato First Street.

See also  L’inflazione dell’Eurozona scende al livello più basso da ottobre 2021

Alcuni proprietari di case in regioni con un rischio più elevato di disastri climatici stanno facendo un ulteriore passo avanti rinunciando del tutto all’assicurazione contro le catastrofi.

Inondazioni improvvise colpiscono la California meridionale
Il fango circonda una casa danneggiata da un’alluvione improvvisa causata da un temporale monsonico che ha scaricato pioggia su una regione che si stava ancora riprendendo dalla tempesta tropicale Hilary il 2 settembre 2023 a Thermal, California.

David McNew/Getty Images


Prendi Jack Anderson di Key West, in Florida. Anderson ha detto a CBS News di aver abbandonato la copertura delle tempeste e delle inondazioni quando i prezzi sono diventati “pazzi”. Ha stimato che la sua casa avrebbe bisogno di 7.000 dollari all’anno per essere assicurata tramite Citizens. Di conseguenza, lui e sua moglie hanno deciso di abbandonare la copertura in caso di calamità, anche se ha notato che hanno un’assicurazione per i proprietari di casa, “solo così nessuno pensa che siamo veramente pazzi”.

Anderson ha detto che la sua casa di 115 anni ha attraversato molte tempeste.

“Come dicono gli investitori, le performance passate non sono garanzia di rendimenti futuri”, ha detto a CBS News. Ma, ha aggiunto, “Non sappiamo cosa succederà qui man mano che queste tempeste peggiorano sempre di più, ma sembra che abbia più senso per noi” mettere da parte i soldi nel caso in cui abbiano bisogno di effettuare riparazioni una tempesta.

Vivere in una bolla assicurativa

Il settore assicurativo sta aumentando le tariffe, richiedendo franchigie più elevate o addirittura ritirando la copertura nelle regioni duramente colpite dai cambiamenti climatici, come la Florida e la Louisiana, che sono soggette a inondazioni, e la California a causa del rischio di incendi.

Ma anche altre regioni degli Stati Uniti potrebbero ora trovarsi in una “bolla assicurativa”, il che significa che le case potrebbero essere sopravvalutate poiché l’assicurazione sta sottovalutando il rischio legato al cambiamento climatico in quelle regioni, ha affermato First Street.

Già, 6,8 milioni di proprietà sono state colpite da tassi assicurativi più alti, polizze annullate e valutazioni inferiori a causa dei maggiori costi di proprietà, e altri 35,6 milioni di proprietari di case potrebbero sperimentare problemi simili nei prossimi anni, ha osservato First Street.

“Alla fine, abbiamo costruito nelle aree sbagliate, con le norme edilizie sbagliate, e abbiamo abbassato le tariffe e detto alla gente che va bene per decenni”, ha detto Eby. “E tutto questo sta arrivando al culmine proprio ora perché l’assicurazione è al punto critico del costo di tutte quelle decisioni che abbiamo preso in passato.”

—Con la segnalazione di Ben Tracy di CBS News

Leave a Comment