I grandi hedge fund pagano soldi “sciocchi”, afferma il fondatore del più grande gestore europeo

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Secondo il cofondatore del più grande hedge fund europeo, l’ascesa degli hedge fund multi-manager ha portato ad una “giostra” di gestori di portafoglio a cui vengono offerte “sciocche” somme di denaro.

Sir Paul Marshall, co-fondatore di Marshall Wace, ha dichiarato mercoledì in una conferenza sugli investimenti a Hong Kong che il predominio delle piattaforme multi-manager ha rimodellato il settore perché “pagavano incredibili quantità di denaro per prendere di mira le persone”.

“Tutti vogliono avere Cristiano Ronaldo nella propria squadra, ma non ci sono molti Cristiano Ronaldo”, ha detto Marshall, che ha co-fondato il gruppo londinese nel 1997 con Ian Wace. “Quello che sta succedendo è che tutti vengono pagati come Cristiano Ronaldo.”

Marshall, che sta tentando di acquistare il Telegraph Group del Regno Unito attraverso il suo gruppo di media digitali UnHerd, non ha nominato alcuna singola azienda. Ma i suoi commenti riflettono come il predominio di piattaforme multi-manager come Citadel, Millennium Management e Point72 Asset Management abbia scatenato una feroce guerra di offerte per i talenti.

Con un patrimonio di 64 miliardi di dollari, Marshall Wace è il più grande hedge fund d’Europa, alla pari di Citadel e Millennium in termini di dimensioni.

Le piattaforme multi-manager, che in genere allocano il capitale tra decine o centinaia di team di trader specializzati, tendono a utilizzare un modello tariffario diverso rispetto agli hedge fund tradizionali.

Piuttosto che lo standard del settore degli hedge fund “due e 20” – una commissione di gestione del 2% e una commissione di performance del 20% – una caratteristica distintiva delle piattaforme multi-manager è che invece di una commissione di gestione utilizzano un “pass-through” “modello di spesa.

See also  Microsoft è pronta ad acquistare più carburante pulito rispetto alla maggior parte delle compagnie aeree

Con questo modello, il gestore trasferisce tutti i costi – compresi gli affitti degli uffici, la tecnologia e i dati, gli stipendi, i bonus e persino l’intrattenimento dei clienti – agli investitori finali. L’idea è che i manager investano molto in aree come il talento e la tecnologia, con il costo più che compensato dalle prestazioni risultanti. Inoltre tendono ad addebitare una commissione di performance del 20-30%.

Il modello pass-through alimenta pratiche come bonus di iscrizione che ammontano a milioni o decine di milioni di dollari, anni sabbatici retribuiti e pagamenti ai singoli gestori di portafoglio che possono rappresentare dal 20 al 30% dei profitti, tutti progettati per attirare e trattenere i top performer.

Alcuni contratti e pagamenti multi-manager si sono addirittura avvicinati al contratto da 200 milioni di dollari di Ronaldo con la squadra di calcio dell’Arabia Saudita Al Nassr.

La competizione per i talenti ha costretto i tradizionali attori degli hedge fund come l’azienda di Marshall ad adattarsi. Il suo hedge fund Eureka, il suo fiore all’occhiello, quest’anno ha aggiunto un “supplemento di compensazione” pari allo 0,75% del valore del fondo, da utilizzare per premiare i soggetti ad alte performance, una decisione che Marshall all’epoca disse era stata presa perché “le piattaforme multi-manager stanno guidando una guerra di offerte per il talento”.

Il modello degli hedge fund della piattaforma ha consentito ad alcuni trader di ricevere bonus di accesso “molto stupidi”, anche se venivano licenziati dopo due o tre anni e si trasferivano altrove, ha detto alla conferenza di Hong Kong. Questa pratica è conosciuta nel settore come “surfare la garanzia”.

Marshall ha affermato che alcuni hedge fund di piattaforme gestivano “una specie di giostra per l’allevamento di galline in batteria” e il loro modello ad alta retribuzione “non era il modo giusto per costruire grandi imprese o addirittura per costruire una grande industria per i nostri clienti”.

See also  Mercato azionario oggi: azioni asiatiche contrastate dopo la svendita guidata dai tassi di interesse a Wall Street

Chris Gradel, co-fondatore del gruppo di investimento PAG con sede a Hong Kong, ha affermato durante la stessa tavola rotonda che ad alcuni dipendenti dell’unità hedge fund della sua azienda erano stati offerti bonus di iscrizione a otto cifre per passare ai rivali, una pratica da lui descritta come “follia assoluta”. Ridendo, ha aggiunto: “Noi diciamo: faresti meglio a prenderlo”.

La tendenza è “una fase temporanea, è una fase molto brutta”, ha aggiunto Gradel. “Va bene per certe persone, suppongo. . . ma non va bene per il cliente, non va bene per l’industria”.

Albert Goh, uno dei quattro responsabili degli investimenti presso l’Autorità monetaria di Hong Kong, la banca centrale di fatto e fondo sovrano del territorio, ha dichiarato durante la stessa sessione di essere grato per i commenti perché “non ci piace pagare commissioni”. L’HKMA è un importante investitore a livello globale, con quasi 4 trilioni di dollari di Hong Kong (511 miliardi di dollari) nel suo fondo di scambio.

Leave a Comment