I mercati globali si preparano ad affrontare l’impatto dell’aumento delle tensioni in Medio Oriente

Tensioni in Medio Oriente i mercati globali si preparano all’impatto mentre gli investitori tengono conto dei rischi geopolitici che potrebbero far salire i prezzi del petrolio se altri paesi venissero coinvolti nella guerra di Israele contro Hamas.

Domenica Israele ha detto che continuerà a consentire ai residenti di Gaza controllata da Hamas di evacuare verso sud mentre le forze di difesa israeliane si preparano per un assalto di terra in risposta all’attacco terroristico senza precedenti di Hamas lo scorso fine settimana che ha ucciso oltre 1.300 israeliani.

Venerdì i prezzi del petrolio sono aumentati di quasi il 6% poiché gli investitori hanno scontato il rischio associato a un conflitto più ampio in Medio Oriente, mentre l’indice S&P 500 è sceso dello 0,5% nelle negoziazioni della giornata. Anche i prezzi europei del gas naturale sono saliti ai livelli più alti da marzo, poiché un giacimento di gas israeliano che rifornisce Egitto e Giordania è stato temporaneamente chiuso, sollevando preoccupazioni sull’offerta.

“Sembra che siamo diretti verso una massiccia invasione di terra di Gaza e una perdita di vite umane su larga scala”, ha affermato Ben Cahill, membro senior del Programma per la sicurezza energetica e il cambiamento climatico presso il Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS). . “Ogni volta che si verifica un conflitto di questa portata, si avrà una reazione del mercato.”

SCADE IL TERMINE PER LA FUGGIARE DEI PALESTINESI DA GAZA MENTRE LE TRUPPE ISRAELIANE SI RACCOGLANO AL CONFINE

Gli investitori si sono riversati sui beni rifugio, spingendo al rialzo i prezzi dell’oro di oltre il 3%, mentre il dollaro USA si è rafforzato fino al massimo di una settimana, e i prezzi dei titoli del Tesoro sono aumentati.

La reazione del mercato è stata relativamente contenuta nella prima settimana di guerra, anche se lo shekel israeliano è scambiato al minimo degli ultimi sette anni, pari a 3,87 rispetto al dollaro. La banca centrale di Israele la scorsa settimana ha venduto fino a 30 miliardi di dollari in riserve di valuta estera per contribuire a stabilizzare la propria valuta.

LA RISERVA DI PETROLIO STRATEGICA È VICINA AI MINIMI STORICI CON LO SCOPPIO DELLA GUERRA IN MEDIO ORIENTE

Martinetti per pompa dell'olio

I prezzi del petrolio e del gas sono aumentati la scorsa settimana poiché la guerra tra Israele e Hamas ha sollevato preoccupazioni sull’offerta. (Mario Tama/Getty Images)

Se il conflitto si espandesse probabilmente causerebbe inflazione in aumentoche spingerebbe le banche centrali ad accelerare i rialzi dei tassi di interesse per controllare l’impennata dei prezzi, secondo Bernard Baumohl, capo economista globale presso The Economic Outlook Group.

Ha osservato che mentre altri paesi vedrebbero probabilmente aumentare i tassi in questo scenario, gli Stati Uniti potrebbero rappresentare un’eccezione se gli investitori riversassero capitale nei titoli del Tesoro, il che causerebbe un calo dei tassi e un rafforzamento del dollaro.

OTTIENI FOX BUSINESS IN MOVIMENTO CLICCANDO QUI

“Non ho idea se i mercati manterranno un comportamento relativamente buono”, ha affermato Erik Nielsen, capo consulente economico del gruppo UniCredit. “Dipende quasi certamente dal fatto che quest’ultimo conflitto rimanga localizzato o che si trasformi in una più ampia guerra mediorientale”.

See also  Una coppia neozelandese arrabbiata perché un cane scoreggia su un volo di 13 ore riceve $ 1.400: rapporto

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment