I pacificatori lavorano per prevenire la violenza armata nel sud della Florida: colpi

I pacificatori tengono un debriefing prima di concludere il lavoro della giornata presso il complesso di appartamenti Lincoln Fields a Miami, Florida. Lamont Nanton (secondo da sinistra) è il manager del gruppo e Shameka Pierce (terza da sinistra) lavora con il gruppo.

Veronica Zaragovia/WLRN


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Veronica Zaragovia/WLRN


I pacificatori tengono un debriefing prima di concludere il lavoro della giornata presso il complesso di appartamenti Lincoln Fields a Miami, Florida. Lamont Nanton (secondo da sinistra) è il manager del gruppo e Shameka Pierce (terza da sinistra) lavora con il gruppo.

Veronica Zaragovia/WLRN

In un recente giorno di settembre, Shameka Pierce si è fermata a Lincoln Fields, un complesso residenziale a basso reddito a Miami per consegnare pannolini. È stata accolta da una ragazza che si prendeva cura dei suoi fratelli più piccoli mentre la mamma lavorava.

“Ti ho portato dei Pampers per le tue sorelle,” disse Pierce. “Fai sapere a tua madre che le forniremo di più probabilmente nella prossima settimana.”

Pierce è qui con Peacemakers, un gruppo di prevenzione della violenza armata nel sud della Florida. Consegnare i pannolini potrebbe non sembrare un modo ovvio per fermare la violenza armata. Ma per i Peacemakers, soddisfare i bisogni primari come pannolini, cibo o assistenza medica è una parte fondamentale della loro strategia.

L’obiettivo del gruppo è l’intervento contro la violenza nella comunità, una scorciatoia per ridurre l’uso delle armi nelle comunità in cui le persone vengono regolarmente ferite o uccise dai proiettili. Quando c’è una sparatoria, spesso vengono sulla scena e forniscono supporto. Ma una parte importante del loro aiuto è aiutare le persone con le loro necessità quotidiane, migliorare il benessere e creare fiducia.

“Se pianti i semi adesso, prima che accada qualcosa, quando succede qualcosa sarà molto più facile impegnarsi e lasciarsi coinvolgere perché sei un volto familiare”, afferma il manager di Peacemakers, Lamont Nanton. “Se ti presenti sulla scena, dopo una sparatoria, e non ti conoscono, sei proprio come la polizia.”

Nanton dice che si presentano a complessi come questo a Liberty City, uno storico quartiere nero, ogni settimana, cercando di capire di cosa ha bisogno la gente qui.

See also  Milioni di airbag devono essere richiamati negli Stati Uniti. E l’Europa?

L’anno scorso, il loro lavoro ha ricevuto un sostegno di 2 milioni di dollari da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. E quest’anno, i Peacemakers hanno ricevuto altri 290.000 dollari dalla Health Foundation of South Florida, un gruppo che in passato non aveva finanziato la prevenzione della violenza armata.

“Quando si pensa alla nostra missione volta a migliorare la salute e il benessere, e poi al fatto che la violenza armata è davvero un problema di salute pubblica, ci si rende conto che se ci si preoccupa di affrontare le disparità sanitarie, bisogna affrontare la violenza armata”, afferma Loreen Chant, Amministratore delegato e presidente della Health Foundation of South Florida.

Ridurre la violenza armata è qualcosa che Lamont Nanton vuole fare non solo dal punto di vista della salute pubblica, ma per esperienza personale. Da giovane portava armi da fuoco a Opa-Locka, una città nella contea di Miami-Dade, a circa sei miglia a nord degli appartamenti di Lincoln Fields.

Riconosce ai mentori il merito di avergli insegnato che era più grande di una vita criminale – e ora vuole ripagarlo.

“Questo è il mio modo di riconciliarmi con la vita che conducevo una volta e di raggiungere altri giovani che stanno seguendo lo stesso percorso e far loro sapere che c’è un altro modo di vivere, c’è un altro modo di pensare”, dice.

I membri dei Peacemakers vogliono rendere questo un posto più sicuro in cui vivere per i residenti come Karen Roberson e i suoi figli.

“[My son] Un giorno stava tornando a casa e gli hanno sparato, solo perché viviamo in questa zona”, ha ricordato Roberson. “Grazie a Dio è sopravvissuto. La gente qui fa gang bang, violenza di gruppo. Prendono di mira chiunque.”

Roberson si sente bloccata a Lincoln Fields, dove è anche alle prese con un problema cronico di muffa. Miami, come le città di tutti gli Stati Uniti, mancano di alloggi di qualità a prezzi accessibili.

See also  La domanda di protezioni per il collo aumenta vertiginosamente dopo la morte del giocatore di hockey: NPR

I Peacemaker potrebbero non essere in grado di risolvere tutti i problemi che incontrano, ma vengono con la voglia di ascoltare. Collegano anche i residenti con le forniture. Durante la pandemia hanno distribuito beni di prima necessità come le mascherine. Inoltre informano i residenti sulle cure mediche accessibili di cui potrebbero non essere a conoscenza, come il team di Miami Street Medicine.

A volte è in corso una discussione mentre i Peacemaker sono in giro e cercano di separare le persone e allentare la tensione. Fanno da mentore a bambini e adolescenti e ospitano attività per loro.

“Lo sforzo di propaganda è quasi come mettere una mano premurosa su quel quartiere e quella comunità per quel giorno, facendo loro sapere quali risorse potrebbero essere disponibili”, dice Lyle Muhammad, direttore esecutivo del Circolo della Fratellanza, che è l’organizzazione no-profit che supervisiona il progetto. Pacificatori.

Muhammad ha affermato che la recente sovvenzione della Health Foundation of South Florida lo ha aiutato a far crescere il team di Peacemakers fino a raggiungere sei dipendenti a tempo pieno e un dipendente part-time.

“Gli operatori di pace sono in grado di ottenere un salario vivibile, nutrire le proprie famiglie e svolgere questo lavoro a tempo pieno: è straordinario”, afferma Muhammad. Secondo lui è “senza precedenti” che una fondazione sanitaria sostenga questo tipo di lavoro. “Essere in grado di tenere gli stivali a terra è una spinta enorme.”

La pacificatrice Olivia Eason si trova fuori dagli appartamenti Lincoln Fields a Miami, in Florida, dove si reca regolarmente per aiutare i residenti a mettere in contatto le risorse e diffondere la tensione in caso di conflitto.

Veronica Zaragovia/WLRN


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Veronica Zaragovia/WLRN


La pacificatrice Olivia Eason si trova fuori dagli appartamenti Lincoln Fields a Miami, in Florida, dove si reca regolarmente per aiutare i residenti a mettere in contatto le risorse e diffondere la tensione in caso di conflitto.

Veronica Zaragovia/WLRN

La fondazione non aveva mai finanziato interventi contro la violenza armata nei suoi 30 anni di storia. Poi è stato ascoltato da Roger McIntosh, professore associato di neuroscienze cognitivo comportamentali e psicologia della salute presso l’Università di Miami. Studia gli effetti dello stress sulla salute del cervello e afferma che le persone che vivono in povertà tendono a interiorizzare lo stress derivante dai loro problemi.

See also  Un altro espediente ipotecario non aiuterà il mercato immobiliare

“Si impara a reprimere invece che a esprimere le emozioni e questo ovviamente può portare ad un accumulo di frustrazioni”, dice.

Frustrazioni che le persone spesso non riescono a risolvere perché non possono accedere o permettersi l’assistenza sanitaria mentale. Invece, prendono una pistola, “pronta a estrarre e sparare a causa di quell’accumulo”, dice McIntosh. “Non sanno necessariamente come smaltire tutto quello stress tossico.”

Peacemakers mira ad aiutare con questo stress tossico – qualcosa che Olivia Eason, un’altra Peacemaker, conosce in prima persona.

“Crescere nelle aree urbane è stato difficile”, afferma Eason. “È difficile mentalmente, fisicamente, emotivamente. Tutto quello che cerchiamo di fare è costruire relazioni e fornire alla nostra comunità l’aiuto e le risorse di cui ha bisogno”.

Non è un lavoro facile e spesso viene svolto una persona alla volta. Si avvicina a un uomo in piedi fuori dal suo appartamento.

“Stai bene? È stato tutto tranquillo?” gli chiese. Poi voleva sapere se aveva mai sentito parlare del Circolo della Fratellanza, un’organizzazione comunitaria che tiene incontri settimanali di terapia di gruppo e mette in contatto le persone con i mentori. “Hanno un fenomenale incontro di gruppo maschile il martedì sera alle 18:30”, ha detto, indicando il centro comunitario dove si svolgono. “Una sessione ti cambierà la vita.”

La Health Foundation of South Florida vuole che Peacemakers raggiunga 1.200 persone al mese. Vogliono sapere se i residenti sono stati collegati ai servizi per affrontare problemi come l’insicurezza alimentare, le sfide nei trasporti, i bisogni di salute mentale, i problemi di abuso di sostanze.

A lungo termine la fondazione valuterà se c’è stato un calo della violenza. Chant, presidente della fondazione, dice che il gruppo ha deciso di finanziare Peacemakers perché ha visto che era già un gruppo fidato nelle zone di Miami che voleva raggiungere.

“Non entreremo in una comunità con soluzioni in cui crediamo, ma ascolteremo la comunità e sosterremo le soluzioni in cui credono”, afferma Chant.

Questa storia è stata prodotta come parte di una partnership tra NPR, WLRN di Miami e KFF Health News.

Leave a Comment