Dianne Feinstein, senatrice statunitense, 1933-2023 | Financial Times

Il 27 novembre 1978, Dianne Feinstein disse ai giornalisti che stava rinunciando alle sue speranze di diventare sindaco di San Francisco dopo aver subito due sconfitte alle urne. Nel giro di poche ore, tuttavia, il lavoro le sarebbe stato affidato in seguito agli omicidi di George Moscone, il sindaco, e del suo collega nel consiglio di vigilanza, Harvey Milk.

In qualità di presidente del consiglio, Feinstein si ritrovò improvvisamente a ricoprire il ruolo di sindaco ad interim e toccò a lei annunciare la notizia scioccante alla città. “È stato uno dei momenti più difficili, se non il momento più difficile, della mia vita”, ha detto.

Quel momento ha spinto la pionieristica Feinstein, morta questa settimana all’età di 90 anni, sotto i riflettori nazionali, che ha occupato per i successivi quattro decenni e mezzo.

La sua è stata una vita di primati: la prima donna ad essere eletta presidente del consiglio di vigilanza di San Francisco e il suo primo sindaco donna. Nel 1992, è diventata la prima donna a rappresentare la California al Senato degli Stati Uniti, dove era nota per la sua esperienza in settori dominati dagli uomini, tra cui la difesa e l’intelligence, e per aver ottenuto una vittoria significativa, anche se di breve durata, sul controllo delle armi.

Dianne Feinstein è diventata la prima donna sindaco di San Francisco dopo che George Moscone è stato ucciso a colpi di arma da fuoco © AP

Più recentemente, tuttavia, ha attirato critiche per non essersi fatta da parte mentre diventava visibilmente fragile e soffriva di errori mentali durante le udienze. Quest’anno è stata assente dal Senato per tre mesi dopo un attacco di herpes zoster, che ha spinto alcuni membri del suo partito a chiedere le sue dimissioni. Ha rifiutato, ma ha detto che non avrebbe cercato la rielezione al termine del suo mandato nel 2024.

See also  Gisele Bündchen: "Prima sopravvivevo di più, ora vivo"

Feinstein, nata il 22 giugno 1933, è morta giovedì poche ore dopo aver espresso il suo voto finale al Senato. Il voto aveva lo scopo di prorogare una scadenza per mantenere il governo in funzione nel mezzo di una lotta per la chiusura con i repubblicani di estrema destra sulla spesa.

Figlia di un importante chirurgo, Feinstein e le sue due sorelle sono cresciute nel ricco quartiere Presidio Terrace di San Francisco. Secondo quanto riferito, hanno frequentato scuole private e preso lezioni di equitazione, tennis e pianoforte Non lasciare mai che ti vedano piangereuna biografia di Feinstein del giornalista Jerry Roberts.

Ma la loro madre, Betty, soffriva di un disturbo cerebrale non diagnosticato ed era incline a scoppi di rabbia, anche violenti. Una volta ha cercato di annegare una delle ragazze nella vasca da bagno. “Vivevamo sulle spine”, ricordava Feinstein. “Non ne hai parlato, perché non puoi fare niente.”

Nella sua vita adulta, Feinstein ha mostrato resilienza attraverso battute d’arresto elettorali e personali, incluso il divorzio dal suo primo marito che l’ha lasciata madre single. È sopravvissuta agli altri coniugi, Bertram Feinstein, morto nel 1978, e Richard Blum, nel 2022. Lascia una figlia, Katherine, 66 anni, avvocato ed ex giudice.

Feinstein rimase sindaco di San Francisco per quasi 10 anni turbolenti, un periodo che comprendeva l’esplosione della crisi dell’AIDS, l’aumento della popolazione dei senzatetto e drammatici cambiamenti demografici. Feinstein gestiva la città liberale come centrista ed era nota per il suo approccio pratico alla governance. Secondo il libro di Roberts, una volta eseguì la respirazione bocca a bocca su un uomo nello squallido quartiere di Tenderloin.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street fatica mentre le preoccupazioni per la guerra si scontrano con la speranza di profitti più forti

Nonostante a volte abbia irritato i liberali della città, ha lasciato l’incarico con un indice di gradimento del 70% in città – e un profilo nazionale. Era considerata da Walter Mondale come sua compagna di corsa nella sua fallita campagna presidenziale del 1984 contro Ronald Reagan, anche se alla fine scelse Geraldine Ferraro.

Dopo aver lasciato la carica di sindaco, Feinstein si candidò senza successo alla carica di governatore nel 1990, ma fu eletto al Senato due anni dopo, in quello che divenne noto come “l’anno della donna”. Una volta eletta, ottenne una vittoria anticipata scrivendo un disegno di legge federale per vietare le armi d’assalto a seguito di una sparatoria di massa a San Francisco. La proposta ha attirato gli attacchi dei repubblicani sostenuti dalla National Rifle Association.

Feinstein sembrava fragile quando tornò al Senato dopo un’assenza di tre mesi © AP

“La gentildonna californiana ha bisogno di acquisire un po’ più di familiarità con le armi da fuoco”, ha detto Larry Craig dell’Idaho.

Feinstein ha risposto raccontando gli omicidi dei suoi colleghi a San Francisco. “Sono diventata sindaco a seguito di omicidi”, ha detto. “So qualcosa su cosa possono fare le armi da fuoco.” Il suo divieto sulle armi d’assalto è entrato in vigore nel 1994 ma è scaduto dopo 10 anni e non è stato rinnovato – un fatto ancora lamentato dai sostenitori del controllo delle armi.

Ha ricoperto ruoli di alto livello al Senato, incluso quello di presidente del comitato di intelligence. I suoi istinti erano spesso a destra del suo partito su grandi questioni, ma era anche disposta a ripensarli. Dopo essersi opposta al matrimonio tra persone dello stesso sesso, si è espressa a favore e ha annullato il suo sostegno alla pena di morte. Feinstein votò a favore dell’invasione dell’Iraq ma in seguito spinse per la pubblicazione di un rapporto di 6.700 pagine sulle pratiche della CIA durante la “Guerra al terrorismo”. “Le mie parole non mi danno alcun piacere”, ha detto dopo la pubblicazione del rapporto.

See also  Le etichette di avvertenza in stile sigaretta potrebbero ridurre il consumo di carne?

Era tipico di Feinstein: instancabile ed esigente. “Non ho l’ulcera”, si vantava una volta. “Li do.”

Leave a Comment