Il governo giapponese chiede a un tribunale di revocare lo status religioso legale della Chiesa dell’Unificazione

Contenuto dell’articolo

TOKYO (AP) – Venerdì il governo giapponese ha chiesto a un tribunale di revocare lo status legale della Chiesa dell’Unificazione dopo che un’indagine del Ministero dell’Istruzione ha concluso che il gruppo per decenni ha sistematicamente manipolato i suoi seguaci inducendoli a donare denaro, seminando paura e danneggiando le loro famiglie.

La richiesta presentata alla Corte distrettuale di Tokyo chiede che venga emessa un’ordinanza di scioglimento che revochi alla chiesa lo status di organizzazione religiosa. I funzionari del Ministero dell’Istruzione hanno presentato alla corte 5.000 documenti e prove in scatole di cartone a sostegno della sua richiesta.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Il processo prevede udienze e ricorsi da entrambe le parti e richiederebbe del tempo. Se l’ordine venisse approvato e il suo status legale venisse revocato, la chiesa potrebbe ancora operare ma perderebbe il privilegio di esenzione fiscale come organizzazione religiosa e si troverebbe ad affrontare difficoltà finanziarie.

La richiesta è stata avanzata il giorno dopo che il ministro dell’Istruzione Masahito Moriyama aveva annunciato che un gruppo di esperti aveva approvato la richiesta di revoca sulla base dei risultati dell’indagine del ministero sulle tattiche di raccolta fondi della chiesa e su altre accuse.

La filiale giapponese della chiesa con sede in Corea del Sud, che ufficialmente si autodefinisce Federazione delle famiglie per la pace e l’unificazione mondiale, aveva già condannato la decisione del governo.

“È il nostro più profondo rammarico che il governo giapponese abbia preso la grave decisione sulla base di informazioni distorte fornite da un gruppo di avvocati di sinistra formato con lo scopo di distruggere la nostra organizzazione”, ha detto la chiesa in una dichiarazione giovedì scorso. “Sarà una macchia nella storia costituzionale del Giappone”.

Nell’ambito dell’indagine del Ministero dell’Istruzione, i funzionari hanno intervistato più di 170 persone presumibilmente danneggiate dalle tattiche di raccolta fondi della chiesa e da altri problemi. La chiesa non ha risposto a dozzine di domande durante le sette inchieste, ha detto giovedì Moriyama.

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

La chiesa ha cercato di guidare il processo decisionale dei suoi seguaci, usando tattiche manipolative, costringendoli ad acquistare beni costosi e a donare oltre le loro capacità finanziarie e causando paura e danni a loro e alle loro famiglie, ha detto giovedì Moriyama.

Questa tattica si discosta gravemente dalla legge sui gruppi religiosi, secondo la quale lo scopo dello status giuridico delle chiese è quello di dare tranquillità alla gente, ha detto. “Le attività costituiscono condotte illecite ai sensi del codice civile e i danni che comportano sono immensi”.

L’Agenzia per gli Affari Culturali ha riscontrato 32 casi di cause civili che hanno riconosciuto danni per un totale di 2,2 miliardi di yen (14,7 milioni di dollari) per 169 persone, mentre l’importo degli accordi raggiunti all’interno o all’esterno del tribunale ammonta a 20,4 miliardi di yen (137 milioni di dollari) e ha coinvolto 1.550 persone, ha detto Moriyama. .

Il Giappone ha posto ostacoli alla limitazione delle attività religiose a causa delle lezioni apprese dall’oppressione della libertà di religione e di pensiero prima e durante la guerra.

L’indagine è seguita a mesi di indignazione pubblica e domande sulle tattiche di raccolta fondi e reclutamento del gruppo dopo l’assassinio dell’ex primo ministro Shinzo Abe lo scorso anno. L’uomo accusato di aver sparato ad Abe sarebbe stato motivato dai legami dell’ex primo ministro con la chiesa che accusava di aver mandato in bancarotta la sua famiglia.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

Decenni di stretti legami tra la Chiesa e il Partito Liberal Democratico al governo in Giappone sono emersi dopo l’assassinio di Abe e hanno eroso il sostegno al governo del primo ministro Fumio Kishida. Kishida ha detto giovedì ai giornalisti che la decisione del governo di chiedere l’ordine di revoca è stata presa attentamente sulla base dei fatti e non era politica, negando le speculazioni secondo cui era intesa a sostenere il calo del sostegno pubblico.

See also  La Russia accusa un giornalista di non essersi registrato come "agente straniero": NPR

La Chiesa dell’Unificazione ottenne lo status legale di organizzazione religiosa in Giappone nel 1968 nel mezzo di un movimento anticomunista sostenuto dal nonno di Abe, l’ex primo ministro Nobusuke Kishi.

La chiesa ha riconosciuto le donazioni eccessive, ma afferma che il problema è stato attenuato da più di un decennio. Ha anche promesso ulteriori riforme.

Gli esperti affermano che ai seguaci giapponesi viene chiesto di pagare per i peccati commessi dai loro antenati durante il dominio coloniale giapponese della penisola coreana dal 1910 al 1945, e che la maggior parte dei finanziamenti mondiali della chiesa provengono dal Giappone.

Se lo status della chiesa venisse revocato, sarebbe il primo secondo il diritto civile. Due casi precedenti riguardavano accuse penali: il culto del giorno del giudizio Aum Shinrikyo, che ha effettuato un attacco con gas nervino nella metropolitana di Tokyo, e il gruppo Myokakuji, i cui dirigenti sono stati condannati per frode.

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Leave a Comment