I repubblicani radicali disposti a chiudere Washington

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulla chiusura del governo degli Stati Uniti

Una è un’ex ristoratrice di 36 anni che ha guadagnato notorietà per aver portato una pistola al Congresso per affermare il suo diritto costituzionale di portare armi. Un altro è un avvocato della Florida che ha ottenuto una nuova prospettiva di vita politica dopo che le autorità federali hanno abbandonato un’indagine di lunga data sul presunto traffico sessuale.

Poi c’è la georgiana lealista di Donald Trump, che negli ultimi mesi ha attenuato la sua retorica infuocata e si è avvicinata alla leadership del partito, ma all’improvviso è di nuovo in agitazione a Capitol Hill.

Insieme a una dozzina circa di repubblicani meno conosciuti alla Camera dei Rappresentanti – per lo più conservatori convinti con opinioni intransigenti su tutto, dall’immigrazione alla spesa federale – queste sono le persone disposte a portare l’America sull’orlo di un’altra crisi di bilancio bloccando i finanziamenti per il governo della più grande economia del mondo.

I ribelli sono l’equivalente del moderno partito repubblicano dei conservatori del Tea Party che hanno portato gli Stati Uniti a diverse crisi di bilancio sotto Barack Obama, incluso uno shutdown governativo di 16 giorni nell’ottobre 2013.

Alcuni dicono che siano una versione repubblicana della “squadra” di rappresentanti di sinistra del Partito Democratico. Ma mentre quel gruppo ha cercato di trascinare il Partito Democratico in una direzione politica più radicale, non ha usato la sua influenza per fermare il governo.

See also  Quasi 2,5 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione negli Stati Uniti verranno chiusi per manutenzione autunnale

Ciò potrebbe accadere entro domenica. Milioni di persone rimarrebbero non pagate. I finanziamenti per la guerra in Ucraina potrebbero essere ridotti. Le operazioni di base in tutto, dai parchi federali e musei statunitensi alla raccolta di dati sul mercato del lavoro cesserebbero.

Goldman Sachs ritiene che la chiusura ridurrebbe dello 0,2% la crescita trimestrale annualizzata del PIL per ogni settimana di durata. L’ultimo, da fine dicembre 2018 a fine gennaio 2019, è durato 35 giorni.

I meccanismi che potrebbero fermare il governo degli Stati Uniti questo fine settimana sono arcani e la politica complessa. Il Congresso e la Casa Bianca devono rinnovare i finanziamenti per il prossimo anno fiscale, che inizierà domenica. Ma i legislatori non sono riusciti a trovare un accordo sulla legislazione, e nemmeno su una misura tampone per mantenere gli attuali livelli di finanziamento nel prossimo anno fiscale.

I repubblicani intransigenti chiedono enormi tagli alle agenzie governative, così come grandi incrementi nel controllo delle frontiere e meno aiuti all’Ucraina in cambio del loro sostegno. Ma questo sarebbe sgradevole ai democratici e anche ad alcuni repubblicani tradizionali, e la situazione di stallo deve ancora essere risolta.

Per Kevin McCarthy, il presidente della Camera repubblicana, è il momento della verità. Potrebbe dover decidere se schierarsi con i ribelli, portando a una chiusura prolungata che potrebbe danneggiare la reputazione nazionale del partito, o stringere un accordo con i democratici che potrebbe spingere i sostenitori della linea dura a estrometterlo dalla carica di portavoce.

Con una risicata maggioranza repubblicana alla Camera, i ribelli hanno il potere. E McCarthy ha uno spazio di manovra molto limitato.

Venerdì mattina, ha promesso di non arrendersi nello stallo di bilancio, mentre ha fatto un disperato tentativo di unire i repubblicani della Camera attorno al proprio disegno di legge, piuttosto che avviare negoziati con i democratici e la Casa Bianca.

See also  Le misure di austerità minano i diritti umani, afferma un nuovo rapporto

“Se vuoi lottare per l’opinione pubblica americana, per proteggere i nostri confini e mantenere aperto il governo, che problema c’è?” ha detto ai giornalisti.

Leave a Comment