Il fondatore di FTX si è presentato come un criminale e una vittima nelle argomentazioni conclusive

Gli avvocati del governo e della difesa hanno presentato le loro argomentazioni conclusive nel caso Stati Uniti contro Sam Bankman-Fried, il processo sul crollo multimiliardario di FTX in cui i pubblici ministeri sostengono che il fondatore ha costruito il suo impero crittografico su una “piramide di bugie”.

La giuria riceverà il caso per la deliberazione il 2 novembre, ha detto il giudice distrettuale Lewis A. Kaplan che presiede il caso. Gli spettatori del processo hanno ipotizzato che un verdetto potrebbe essere annunciato prima piuttosto che dopo.

L’assistente procuratore degli Stati Uniti (AUSA) Nicholas Roos ha riassunto il caso del governo in punti diretti: l’imputato Bankman-Fried ha ingannato e defraudato migliaia di clienti FTX che hanno depositato miliardi nel defunto exchange di criptovalute, ha affermato InnerCityPress.

Bankman-Fried avrebbe creato FTX come entità feeder per Alameda molto prima che Ellison entrasse come capo del trading e in seguito fosse nominato amministratore delegato unico dopo le dimissioni di Sam Trabucco.

Il pubblico ministero ha sottolineato le risposte evasive di Bankman-Fried sul banco dei testimoni e la sua piena conoscenza delle decisioni di Alameda Research, la società di trading di criptovalute di cui possedeva il 90%. Diversi resoconti hanno descritto il fondatore di FTX dicendo “Non ricordo” circa 140 volte in tribunale.

AUSA Roos ha detto che il laureato del MIT era favorevole alle probabilità di rubare i soldi dei clienti e farla franca, come confermato da testimoni a tre stelle: Caroline Ellison, Gary Wang e Nishad Singh.

Bankman-Fried ha corteggiato leader mondiali e politici per rafforzare la sua immagine pubblica come azienda legittima, mentre orchestrava intenzionalmente operazioni illegali a porte chiuse, attirando clienti con schemi di marketing fraudolenti e sponsorizzazioni di celebrità, secondo l’accusa.

See also  Jameson Lopp dubita del collegamento tra Hal Finney e Satoshi Nakamoto

I pubblici ministeri federali hanno sostenuto che il parere dell’avvocato e le accuse di ignoranza di Bankman-Fried non sono riusciti a soddisfare l’onere della prova, aggiungendo che solo il fondatore di FTX aveva l’accesso necessario alle decisioni di via libera che alla fine hanno fatto precipitare le sue società gemelle di criptovaluta in bancarotta.

Bankman-Fried ha raddoppiato le spese e il saccheggio delle criptovalute dei clienti quando il suo team lo ha informato dei crescenti rischi, ha continuato Roos, implorando la giuria di concentrarsi sulle prove piuttosto che sulle tattiche di narrazione.

Come ha ricordato AUSA Roos alla corte, il fondatore di FTX è accusato di sette capi di imputazione basati su quattro reati: frode dei clienti di FTX, frode sugli investitori di FTX, frode sugli istituti di credito di Alameda e riciclaggio di denaro.

Difesa: altri dirigenti responsabili del crollo di FTX

L’avvocato difensore Mark Cohen ha posizionato l’argomentazione conclusiva di Bankman-Fried come la storia di due casi: uno in cui il governo ha diffamato l’ex CEO di FTX e un altro in cui l’imputato è stato vittima del suo impero crittografico in rapida crescita.

Cohen ha sostenuto che le azioni di Bankman-Fried non erano fraudolente e che la sua decisione di ripagare i finanziatori piuttosto che scomparire con milioni dimostrava buona fede. L’avvocato difensore ha insistito sul fatto che Ellison e altri ex dirigenti non hanno lanciato alcun allarme fino al completo collasso della FTX, sottolineando che i testimoni del governo hanno testimoniato solo per ottenere patteggiamento e sfuggire al carcere.

See also  Sam Bankman-Fried testimonia di aver commesso "errori più grandi" alla FTX

“Sam ha fatto del suo meglio. Alcune decisioni sono andate molto bene. Alcune decisioni sono andate male. Ma non è un crimine”, ha detto Cohen, che ha concluso sottolineando che gli ex capitani di compagnia come Ellison non hanno adempiuto ai loro compiti e hanno scelto come capro espiatorio Bankman-Fried.

Le udienze di confutazione sono previste per il giorno 16 del processo, seguite da un verdetto. Anche se una decisione è attesa a breve, non esiste un periodo di tempo ferreo per la deliberazione della giuria.

Seguici su Google News

Leave a Comment