Il giorno del giudizio di Sam Bankman-Fried

Questo articolo è una versione in loco della nostra newsletter di Cryptofinance. Iscriviti qui per ricevere la newsletter direttamente nella tua casella di posta ogni venerdì

Ciao e benvenuto all’ultima edizione della newsletter di FT Cryptofinance. Questa settimana reagiamo al verdetto di colpevolezza emesso nei confronti di Sam Bankman-Fried.

Sam Bankman-Fried, ex amministratore delegato dell’exchange di criptovalute FTX, è stato condannato giovedì sera per frode e riciclaggio di denaro in un verdetto che ha concluso il processo penale dell’anno contro le criptovalute.

Rimase praticamente immobile di fronte alla giuria – nove donne e tre uomini – che collettivamente emisero verdetti di colpevolezza su sette accuse, tra cui frode telematica, riciclaggio di denaro e associazione a delinquere finalizzata a commettere frodi finanziarie.

La regressione di Sam da boss delle criptovalute alle Bahamas a criminale condannato a New York in soli 12 mesi mostra con quanta rapidità il sistema giudiziario statunitense sia intervenuto dopo il più grande fallimento del settore delle criptovalute nei suoi circa 14 anni di storia.

“Non è interessante che quando c’è la volontà politica di perseguire i casi di frode, possiamo farlo in tempi record? Si tratta di una velocità leggera rispetto alla maggior parte degli altri casi: ci sono voluti solo 12 mesi”, ha affermato Aidan Larkin, fondatore e amministratore delegato di Asset Reality, una società che gestisce beni sequestrati per le forze dell’ordine.

“Se sei a favore dell’industria, potresti ritenere che questo sia un attore meno cattivo nel settore, ed è un avvertimento che migliorerà gli standard per le criptovalute. La posizione contraria è tipica delle criptovalute: la rapidità del verdetto ribadisce quanto sia rischioso l’intero settore”, ha aggiunto.

Almeno per il momento, l’ex capo della FTX continua a protestare contro la sua innocenza: “Rispettiamo la decisione della giuria. Ma siamo molto delusi dal risultato. Il signor Bankman-Fried sostiene la sua innocenza e continuerà a combattere vigorosamente le accuse contro di lui”, ha detto Mark Cohen, avvocato dell’ex miliardario del giornale.

Senza dubbio, il settore delle criptovalute sarà sottoposto a un’autopsia una volta che le acque si saranno depositate su Sam, ma nelle ultime settimane questa newsletter ha mirato a portarvi i colpi di scena dall’aula stessa del tribunale. Prima che venga espresso un giudizio a livello di settore, voglio considerare – per l’ultima volta – l’Ave Maria di Sam: prendere posizione lui stesso nel tentativo di influenzare la giuria a suo favore.

See also  Il processo Sam Bankman-Fried mette in luce la rivalità nel mondo delle criptovalute

Lo ha fatto affrontando quella che sembrava una serie infinita di testimonianze personali contro di lui. In particolare, tre dei suoi ex collaboratori più stretti – Caroline Ellison, Gary Wang e Nishad Singh – hanno tutti dichiarato sotto giuramento di aver commesso crimini finanziari insieme all’ex amministratore delegato.

Inizialmente, la sua decisione di presentarsi ha suscitato perplessità in quanto non è una strategia comune per un imputato: lo espone al controinterrogatorio da parte dell’accusa e, ovviamente, può comportare molti rischi. Ma, come mi ha detto Mark Kornfeld di Buchanan Ingersoll e Rooney PC, il fatto che Sam lo abbia fatto non avrebbe dovuto sorprendere.

“Molte, molte volte l’imputato non prende mai posizione. Sembrava qui [the decision] Si basava sulla valanga di testimonianze e prove presentate. . . l’imputato deve aver sentito il bisogno di testimoniare e non aveva nulla da perdere, ma molto da guadagnare nella sua mente.

Ora sappiamo, ovviamente, che la testimonianza di Sam non è riuscita a procurargli amici sul banco della giuria. L’accusa ha indicato le dichiarazioni precedentemente rilasciate da Sam – come chiamare un sottogruppo di investitori in criptovalute “stupidi figli di puttana” e scrivere “fanculo i regolatori” in un messaggio a un giornalista nel novembre 2022 – come prova delle sue vere intenzioni. Ha anche ammesso che la sua difesa della regolamentazione delle criptovalute era “solo PR”.

Gli è stato inoltre presentato un elenco di e-mail, testimonianze al Congresso e altre dichiarazioni scritte in cui rappresentava Alameda Research, la società commerciale sorella di FTX, come un’entità completamente separata da FTX.

Di fronte alle indagini dell’accusa, l’ex capo di FTX ha anche riconosciuto che Alameda aveva “regole distinte” per le sue posizioni su FTX. Inoltre, quando gli è stato chiesto se avrebbe reso pubbliche queste informazioni, Bankman-Fried ha detto di non pensarla così e che semplicemente “non ne era sicuro”.

See also  Il ministro della città sollecita l'autorità di regolamentazione del Regno Unito a mostrare moderazione sulle nuove regole sulla pubblicità delle criptovalute

Al contrario, quando Sam è stato interrogato dai suoi stessi avvocati la scorsa settimana (senza una giuria presente), ha fatto una figura completamente diversa: uno che ha offerto risposte lunghe e circospette che hanno persino suscitato commenti esasperati da parte del giudice.

Ma, soprattutto, quando interrogato dall’accusa, l’ex capo della FTX ha affermato di non riuscire a ricordare i dettagli relativi alle loro domande in circa 140 occasioni – un contrasto di comportamento che non avrebbe mai potuto ottenere il favore della giuria.

“Ironicamente, l’aspetto fiducioso di SBF durante l’interrogatorio dei suoi stessi avvocati faceva sembrare che fosse perfettamente in grado di ricordare dettagli complessi. Di conseguenza, la sua apparente incapacità di rispondere alle domande durante il controinterrogatorio sarebbe probabilmente apparsa ancora più sospetta”, ha affermato Yesha Yadav, professore di diritto alla Vanderbilt University Law School.

“Può SBF apparire fondamentalmente onesto e dignitoso, se non alla maggior parte della giuria, almeno a una persona?” ha aggiunto Yadav, parlando con me all’inizio di questa settimana prima del verdetto.

La risposta, ora lo sappiamo, era no.

Qual è la tua opinione sugli ultimi giorni del processo Bankman-Fried? Come sempre, scrivetemi a scott.chipolina@ft.com.

Highlights settimanali

  • Questa settimana il Regno Unito ha portato avanti i piani per regolamentare il settore delle criptovalute, quando lunedì il Tesoro ha pubblicato la sua risposta a una consultazione sul futuro delle regole che governano il settore. Secondo le proposte del Tesoro, le stablecoin saranno regolamentate dai regolamenti sui servizi di pagamento, che stabiliscono gli standard per i fornitori di servizi di pagamento tradizionali. L’aggiornamento arriva anche perché la FCA ha cercato di espandere le protezioni relative ai prodotti crittografici promossi al pubblico.

  • La Securities and Exchange Commission ha continuato a tenere d’occhio il settore delle criptovalute questa settimana quando ha presentato un mandato di comparizione contro PayPal in merito ai piani del colosso dei pagamenti per una stablecoin ancorata al dollaro. La citazione, depositata mercoledì, riguardava la “produzione di documenti”, ha detto PayPal, aggiungendo che sta collaborando con l’autorità di regolamentazione.

See also  BlockFi inizierà a saldare i debiti con i creditori dopo essere uscita con successo dal fallimento

Intervento della settimana: gli informatori sulle criptovalute e la CFTC

Solo quest’anno, la Commodity Futures Trading Commission ha pagato 16 milioni di dollari in premi agli informatori, secondo una dichiarazione rilasciata questa settimana dal commissario Christy Goldsmith Romero.

Il Commissario ha continuato descrivendo gli informatori come “vitali” e ha affermato che la CFTC non sarebbe in grado di proteggere completamente i consumatori senza di loro, ma il vero nocciolo della questione qui è che il nome di Romero ha abbandonato il settore delle criptovalute come quello che ha generato la maggior parte dei suggerimenti di denuncia quest’anno.

“La maggior parte dei suggerimenti ricevuti quest’anno riguardavano le criptovalute, un’area che continua ad essere caratterizzata da frodi pervasive e altre forme di illegalità.”

Data mining: Solana ritorna dalla morte

Una vittima di lunga data della crisi del mercato delle criptovalute del 22 è stata Solana, la rete crittografica che, durante il suo periodo di massimo splendore, fu presentata come l’innovazione in grado di mantenere tutte le nobili promesse di un settore pieno di mania: transazioni rapide e a basso costo che alimentavano nuovi settori come gli NFT, il metaverso e la finanza decentralizzata.

Niente di tutto ciò si è avverato, ovviamente: il mercato NFT è morto, poche persone menzionano più il metaverso (misericordiosamente) e ora ci sono meno soldi nei progetti di finanza decentralizzata rispetto ai primi giorni del 2021.

Solana soffriva anche di un problema reputazionale unico: era uno dei beniamini del settore, secondo Sam Bankman-Fried. Tuttavia, Solana ha sperimentato una ripresa, con un aumento di quasi l’80% nell’ultimo mese.

Grafico a linee del prezzo di Solana ($) che mostra il prezzo dei token Solana è salito alle stelle nelle ultime settimane

Newsletter consigliate

Divulgazione completa — Tenerti aggiornato sulle più importanti novità legali internazionali, dai tribunali alle forze dell’ordine e al mondo degli affari legali. Iscriviti qui

La newsletter della Lex — Lex è l’incisiva rubrica quotidiana sugli investimenti del FT. Iscriviti alla nostra newsletter sulle tendenze locali e globali di scrittori esperti in quattro grandi centri finanziari. Iscriviti qui


Cryptofinance è curato questa settimana da Laurence Fletcher. Si prega di inviare eventuali pensieri e feedback a criptofinanza@ft.com

I tuoi commenti sono benvenuti

Leave a Comment