Il prezzo del petrolio balza a 89 dollari al barile in seguito all’attacco di Hamas a Israele

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Lunedì i prezzi del greggio sono saliti fino a 89 dollari al barile a causa dei timori che l’attacco di Hamas a Israele possa aumentare la tensione in tutto il Medio Oriente e influenzare la produzione dei principali produttori di petrolio.

Il Brent, il benchmark internazionale del petrolio, è balzato fino al 5,2% nei primi scambi in Asia, prima di stabilizzarsi con un rialzo del 3,8% a 87,83 dollari. Il WTI, il suo omologo statunitense, è cresciuto del 4% a 86,07 dollari.

I balzi hanno ravvivato i timori di un altro periodo prolungato di prezzi elevati che alimenterebbe l’inflazione in molte parti del mondo. I tagli all’offerta da parte dei principali produttori, Arabia Saudita e Russia, avevano spinto il Brent sopra i 97 dollari al barile alla fine di settembre, prima che i prezzi crollassero dell’11% la scorsa settimana a causa delle preoccupazioni per il rallentamento della crescita globale.

I futures del WTI e del Brent sono crollati questo mese – scendendo di circa 10 dollari al barile prima dell’attacco a Israele – poiché le preoccupazioni per gli alti tassi di interesse e il rallentamento della crescita hanno offuscato le prospettive della domanda. Questi timori hanno messo in ombra l’atteggiamento rialzista che ha innescato un forte rally nel terzo trimestre, quando i saldi fisici si sono inaspriti a causa dei prolungati tagli alla produzione di greggio guidati dall’Arabia Saudita.

Israele non è un produttore di petrolio, ma si teme che il conflitto possa innescare una maggiore incertezza nella regione e portare a un’applicazione più severa delle sanzioni sul petrolio iraniano, il cui ministero degli Esteri ha sostenuto le azioni di Hamas come atto di autodifesa.

See also  I rialzisti dei bond europei ripongono le speranze in un forte rallentamento dell'inflazione

In aggiunta all’incertezza, Israele ha sospeso la produzione nel suo giacimento di gas offshore Tamar, facendo salire i prezzi dei futures del gas europeo di circa il 13%.

Il conflitto potrebbe anche complicare gli sforzi dell’amministrazione Biden per mediare un accordo con l’Arabia Saudita per normalizzare i legami con Israele, il che potrebbe anche influenzare la volontà del regno di aumentare la propria produzione di petrolio.

“Il governo israeliano sta promettendo una risposta senza precedenti ed è difficile immaginare come i colloqui di normalizzazione saudita possano procedere parallelamente a una feroce controffensiva militare”, ha affermato Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime presso RBC Capital Markets.

La Casa Bianca ha adottato un “approccio morbido” per imporre le sanzioni sulla produzione petrolifera iraniana, ha aggiunto, ma questo sarebbe “difficile” da mantenere se Israele accusasse Teheran di fornire sostegno ad Hamas.

Pierre Andurand, un gestore di hedge fund specializzato nel commercio di energia, ha affermato che, sebbene ci sia poca minaccia immediata per le forniture, il mercato potrebbe restringersi. “Negli ultimi sei mesi abbiamo assistito a un notevole aumento dell’offerta iraniana a causa della debole applicazione delle sanzioni”, ha scritto sul sito di social media X, ex Twitter. “C’è una buona probabilità che l’amministrazione americana inizi ad applicare le sanzioni sulle esportazioni di petrolio iraniano in modo più severo”.

I guadagni fanno seguito a un rapporto del Wall Street Journal che citava affermazioni di membri senior di Hamas secondo cui ufficiali della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana avevano contribuito a pianificare l’attacco a sorpresa del gruppo militante contro Israele.

I funzionari statunitensi devono ancora confermare tale connessione, e domenica il segretario di stato americano Antony Blinken ha detto alla CNN che “non abbiamo ancora visto prove che l’Iran abbia diretto o fosse dietro questo particolare attacco”.

See also  Il ministero della Sanità gestito da Hamas pubblica un video all'interno dell'ospedale Al-Shifa mentre le forze israeliane circondano il nord di Gaza

Vivek Dhar, analista di materie prime minerarie ed energetiche presso la Commonwealth Bank of Australia, ha dichiarato: “Il nostro punto di preoccupazione riguarda soprattutto l’offerta di petrolio e le esportazioni dall’Iran”.

Dhar ha affermato che la conferma da parte degli Stati Uniti del coinvolgimento della Guardia rivoluzionaria nell’attacco stimolerebbe un’applicazione più vigorosa delle sanzioni esistenti contro l’Iran, che sono state applicate debolmente quest’anno a causa delle preoccupazioni per gli alti prezzi del carburante. Ciò potrebbe spingere il Brent sopra i 100 dollari al barile, ha aggiunto.

“Se vedessimo la colpa attribuita dagli Stati Uniti all’Iran per questo, potremmo vedere un’inversione di tendenza nell’aumento delle esportazioni di petrolio iraniane registrato quest’anno”, ha detto Dhar. “L’impatto sul mercato sarebbe pari a circa lo 0,5-1% dell’offerta globale: un dato considerevole”.

Gli attacchi del fine settimana hanno provocato un ritiro più ampio di altri asset. In ribasso le azioni europee, con l’indice Stoxx Europe 600 in ribasso dello 0,1%. Il Dax tedesco ha perso lo 0,7%. Il dollaro è aumentato dello 0,5% rispetto a un paniere di valute simili.

I prezzi dell’oro sono saliti dell’1% a 1.850 dollari per oncia troy, rimbalzando dai minimi di sette mesi. Gli investitori tendono a correre verso il metallo prezioso durante i periodi di incertezza.

Leave a Comment