Mercato azionario oggi: Wall Street recupera alcune perdite dopo essere sceso del 10% al di sotto del massimo estivo

NEW YORK (AP) – Wall Street sta recuperando alcune delle forti perdite recenti lunedì, in anticipo una settimana che potrebbe inviare oscillazioni più ampie nei mercati finanziari.

L’indice S&P 500 è salito dell’1% nella sua prima contrattazione, dopo essere sceso di oltre il 10% al di sotto del suo massimo dell’anno. Il Dow Jones Industrial Average era in rialzo di 299 punti, o dello 0,9%, alle 9:45 ora di New York, e il Nasdaq composito era in rialzo dell’1,3%.

Western Digital ha contribuito a sostenere il mercato dopo aver riportato risultati migliori per l’ultimo trimestre di quanto previsto dagli analisti. Ha inoltre annunciato l’intenzione di dividere la propria azienda in due, una focalizzata sui tradizionali hard disk e l’altra focalizzata sulle memorie flash. Le sue azioni sono balzate dell’8,4%.

Secondo FactSet, più di 3 società su 4 nell’indice S&P 500 hanno riportato nell’ultimo trimestre profitti più forti di quanto previsto da Wall Street. Con circa la metà dei rapporti in arrivo, sembrano anche essere sulla buona strada per realizzare la prima crescita complessiva degli utili per azione in un anno.

Ciò è generalmente incoraggiante per il mercato azionario, che tende a seguire l’andamento dei profitti aziendali nel lungo periodo. Ma Wall Street recentemente è stata in difficoltà a causa di un paio di grandi preoccupazioni. La prima è la reazione contrastante ai rapporti sugli utili di alcune influenti aziende Big Tech. I loro movimenti azionari hanno un peso aggiuntivo sull’S&P 500 perché sono i più grandi in termini di dimensioni.

Giovedì Apple pubblicherà i suoi ultimi risultati trimestrali. Poiché è il titolo più prezioso di Wall Street, è anche il titolo più influente sull’S&P 500. I bruschi cali per Alphabet e altri membri di Big Tech in seguito ai loro rapporti sugli utili hanno già scosso il mercato in questa stagione di riferimento.

See also  I venezuelani superano per la prima volta i messicani negli attraversamenti illegali della frontiera statunitense: NPR

All’inizio di quest’anno le Big Tech sono aumentate molto più del resto del mercato, il che ha contribuito a sollevare l’indice S&P 500 ma ha anche comportato grandi aspettative per una crescita continua. Quelle aspettative forse sono diventate troppo grandi.

Il secondo grande fattore che ha frenato il mercato azionario dal suo punto più alto dell’anno il 31 luglio è stato a forte rialzo dei rendimenti dei titoli del Tesoro. Quando le obbligazioni pagano rendimenti più elevati in questo modo, rendono gli investitori meno disposti a pagare prezzi elevati per azioni e altri investimenti. Inoltre, rendono i prestiti più costosi per tutti, dalle grandi aziende agli acquirenti di case, il che frena l’economia.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è salito al 4,90% dal 4,84% di venerdì scorso. È balzato da meno del 3,50% durante la primavera a più del 5% all’inizio di questo mese, il livello più alto dal 2007. Un’economia straordinariamente resiliente e altri fattori hanno portato il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni a raggiungere il tasso di interesse principale controllato dalla Federal Reserve, che è superiore al 5,25% e al livello più alto dal 2001.

La Fed ha aumentato il tasso dei fondi federali nella speranza di rallentare l’economia e i prezzi delle azioni abbastanza da privare l’elevata inflazione del suo carburante. La prossima riunione sui tassi di interesse inizierà martedì, con un annuncio in arrivo mercoledì.

L’aspettativa diffusa è che lascerà intatto il tasso dei fondi federali, che incide sui prestiti overnight delle banche. Ciò che sarà più importante saranno i suggerimenti che la Fed darà su cosa farà dopo. I funzionari della Fed hanno affermato che potrebbero mantenere i tassi elevati per un lungo periodo per garantire che l’elevata inflazione diminuisca, ma hanno anche affermato che il recente balzo dei rendimenti dei titoli del Tesoro a lungo termine potrebbe agire come un aumento dei tassi.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche seguono i guadagni di Wall Street in vista della decisione della Fed sui tassi di interesse

La banca centrale afferma che farà tutte le sue prossime mosse in base a ciò che dicono i dati in arrivo sull’economia e sull’inflazione. Ecco perché questa settimana potrebbe essere instabile per i mercati, con molti dati che potrebbero far cambiare idea ai funzionari.

Martedì il governo rilascerà i dati sui costi del lavoro da luglio a settembre. I lavoratori si sono battuti per ottenere aumenti più elevati, ma la Fed teme che aumenti salariali troppo elevati possano dare più carburante all’inflazione.

Mercoledì arriverà l’ultimo aggiornamento mensile sul numero di offerte di lavoro in tutto il Paese. Un modo in cui la Fed potrebbe portare a termine il delicato atto di equilibrio volto a rallentare l’economia senza creare una recessione sarebbe se il numero di posti di lavoro vacanti si raffreddasse senza richiedere ondate di licenziamenti.

E poi venerdì arriverà il rapporto sull’occupazione di ottobre, che in genere è uno dei dati economici più attesi ogni mese.

Nel corso di tutto ciò ci saranno altri aggiornamenti sull’economia e sui prestiti da parte del governo degli Stati Uniti, nonché i rapporti sui profitti di circa 150 società nell’S&P 500, tra cui CVS Health, Pfizer e Starbucks.

Riferiranno anche diversi produttori di petrolio e gas, tra cui Marathon Petroleum. Hanno beneficiato di un rialzo dei prezzi del greggio a partire dall’estate. Un barile di greggio americano è balzato da meno di 70 dollari a più di 93 dollari all’inizio di questo mese.

Ma i prezzi del petrolio sono instabili dall’inizio dell’ultima guerra tra Israele e Hamas. I commercianti lo sono ancora incerto se i combattimenti si riverserà nella politica della regione e influenzerà la produzione dell’Iran o di altri grandi fornitori.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street si allontana dalla riunione della Fed mentre i prezzi del petrolio continuano a salire

Lunedì un barile di greggio americano è sceso dell’1,7% a 84,08 dollari. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è crollato dell’1,5% a 87,83 dollari al barile.

Nei mercati azionari esteri, gli indici sono saliti in Europa dopo un finale più contrastato in Asia. Il Nikkei 225 giapponese è sceso dell’1%.

___

Hanno contribuito gli scrittori di AP Zimo Zhong e Matt Ott.

Leave a Comment