Perché Napoleone è ancora importante | Financial Times

Ricevi aggiornamenti gratuiti su Life & Arts

Resta sulla fantascienza, amico. Oppure fai un Thelma e Luisa Continuazione. Lasciare Napoleone Bonaparte a un autore.

Tale fu il mio lamento sgraziato quando vidi che Ridley Scott aveva paragonato l’autore del Codice Civile, il grande decimalizzatore e costruttore di scuole, a Hitler e Stalin. Napoleone fece “un sacco di brutte cose”, come disse Scott Impero rivista, quel titolo appropriato, prima del suo film biografico. Ma non ci sono crimini su scala nazista nella sua fedina penale. E lo zio Joe non ha niente a che fare con i sistemi legali dalla Louisiana all’Oceano Indiano.

Dopo essermi calmato, posso vedere che Scott non è solo nella sua morale in bianco e nero. Poiché la Gran Bretagna e gran parte dell’“Anglosfera” sono entrate nell’era liberale con relativa tranquillità, le persone lì possono dimenticare quanto sia stata faticosamente conquistata altrove. C’è un particolare punto cieco per la nozione di autocrate necessario: il leader che centralizza per riformare.

Non è necessario accettare che lo stesso Napoleone fosse uno di questi (dopo tutto ripristinò la schiavitù) per riconoscere il tipo generale. Pietro il Grande di Russia: monarca assoluto, ma anche occidentalizzatore. Federico il Grande di Prussia: annessore di terre, ma anche meritocratico e appassionato di scienza. Mustafa Kemal Atatürk in Turchia e Lee Kuan Yew a Singapore si distinguono come modernizzatori top-down di tempi più recenti.

La Restaurazione Meiji del Giappone, una delle più drastiche inversioni di rotta mai registrate a livello nazionale, è più difficile da attribuire a un leader. Ma ancora una volta abbiamo quel mix di mezzi autoritari e fini illuminati: istruzione di massa, sviluppo industriale, un linguaggio standardizzato. Puoi accumulare potere per diffonderlo.

See also  Mercato azionario oggi: la migliore settimana del 2023 per Wall Street si avvia verso un traguardo senza macchia dopo il rapporto sul lavoro

L’anno scorso, Joe Biden ha definito il mondo moderno come una “battaglia tra democrazie e autocrazie”. È un bene che abbia desistito. In primo luogo, è difficile collocare molti paesi sull’asse. (Dov’è la Thailandia in un dato momento?) In secondo luogo, l’Occidente non ha il potere di affrontare tutte le autocrazie. Ciò che può fare è contrastare aggressori, come la Russia. In altre parole, il test deve essere ciò che uno Stato fa, non ciò che è.

Ma il problema più grande riguardo al tema tirannia-libertà è messo in luce dalla storia di Napoleone. Cosa succederebbe se una nazione dovesse utilizzare la prima modalità di governo per arrivare alla seconda? Lo scrittore-stratega Edward Luttwak ricordò una volta una lite infantile con suo padre sulla questione Bonaparte. “La Gran Bretagna era già sulla via della libertà e non aveva bisogno di Napoleone”, era il punto di vista dei genitori, “ma l’Europa sì, e la Gran Bretagna se lo portò via”.

Ciò sottovaluta le legittime ansie del Regno Unito. Anche i suoi fan devono ammettere che invadere la penisola iberica avrebbe messo il gatto tra i piccioni. Tuttavia, il dilemma centrale del liberalismo è: come realizzarlo in primo luogo, se non attraverso il diktat? – è ben detto.

La vita per cui a volte batto i tamburi in questa rubrica – quella della modernità razionale, commerciale e urbana – non avviene in modo naturale. Laddove esiste, è stato spesso il risultato della coercizione centrale e dell’eliminazione delle usanze più antiche, siano esse feudali o ecclesiastiche. Va bene essere tutti burkeani a riguardo e dire alla gente di lasciare che la storia segua il suo corso signorile. Ma l’esperienza anglo-americana non è universale. Alcune comunità politiche non riescono ad evolversi mentre grandi masse d’acqua le proteggono dalle minacce esterne. Anche gli Stati Uniti avevano Lincoln, che non sempre chiedeva gentilmente.

See also  Amazon investirà fino a 4 miliardi di dollari nella start-up di intelligenza artificiale Anthropic

Non spingerò troppo oltre questo tropo dell’assolutista illuminato. Era questo l’argomento sostenuto da Vladimir Putin nelle capitali occidentali all’inizio del millennio. (I suoi utili idioti lo stavano facendo più di recente.) E, essendo una dittatura benevola qualcosa che molti uomini istruiti pensano di avere in sé dopo il quarto drink, non riesco a vedere che offro al Regno Unito due termini benevoli di Janan the Grande.

Il fatto è che il dilemma napoleonico non scompare mai. Guardati intorno. Esiste un mondo in cui l’Arabia Saudita potrebbe attuare riforme liberali interne o aperture diplomatiche se non sotto un sovrano arrogante? E come lo valutiamo rispetto alle cose macabre?

Scott è un artista abbastanza bravo da darci un ritratto di Napoleone più strutturato di quanto suggeriscano lo stupido trailer e le prime interviste. Ma c’è una ragione, al di là dei costi, per cui questo argomento ha sventato persino Kubrick. Il liberatore di mostri è un concetto davvero imbarazzante, e per il pubblico dell’Anglosfera più che per la maggior parte. Coloro che sono arrivati ​​presto alla modernità possono essere incapaci di dare indicazioni sul luogo.

janan.ganesh@ft.com

Scopri prima le nostre ultime storie: segui @ftweekend su X

Leave a Comment