Le aziende non europee non devono temere la nuova carbon border tax dell’UE

Ricevi aggiornamenti gratuiti sui cambiamenti climatici

L’autore è commissario Ue per l’Economia

Un’altra estate di incendi e inondazioni catastrofiche ha fornito un’ulteriore triste prova del peggioramento del collasso climatico che il nostro mondo sta affrontando. I politici di tutto il mondo sanno che combattere questo fenomeno richiede scelte difficili. Eppure il rischio più grande che corriamo è quello di fare troppo poco e troppo tardi.

L’UE è da tempo in prima linea negli sforzi globali per combattere il cambiamento climatico. In particolare, siamo stati pionieri per quanto riguarda la tariffazione del carbonio: il sistema di scambio delle quote di emissione dell’UE (ETS) è operativo da quasi due decenni. Questa domenica inizieremo ad attuare un’altra misura innovativa che nel tempo estenderà gli stessi principi di prezzo a tutti i prodotti ad alta intensità di carbonio venduti sul mercato dell’UE, ovunque nel mondo provengano.

Il nuovo meccanismo di adeguamento alle frontiere del carbonio (CBAM) ha due obiettivi: incoraggiare l’industria in tutto il mondo ad abbracciare tecnologie più verdi; e per prevenire la cosiddetta rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, ovvero la delocalizzazione della produzione al di fuori dei nostri confini verso paesi con standard ambientali più bassi.

Pienamente compatibile con le norme dell’Organizzazione mondiale del commercio, la CBAM non riguarda la protezione del commercio, ma la tutela delle ambizioni climatiche dell’UE.

L’UE sta introducendo la CBAM in modo graduale e prevedibile. Per una fase transitoria che durerà fino alla fine del 2025, gli importatori dell’UE di beni CBAM – acciaio e ferro, alluminio, cemento, idrogeno, fertilizzanti ed elettricità – da paesi extra-UE dovranno solo fornire dati sull’intensità di carbonio dei loro prodotti.

See also  L'amministratore delegato di Bumble, Whitney Wolfe Herd, si dimette

Quindi, a partire dal 2026, le aziende inizieranno ad acquistare e a restituire i certificati CBAM in base all’impronta di carbonio delle loro importazioni. I pagamenti nell’ambito della CBAM saranno introdotti gradualmente nell’arco di un decennio fino al 2035. Per i settori interessati, ciò avverrà parallelamente alla prevista eliminazione graduale delle quote gratuite attualmente disponibili nell’ambito dell’ETS, garantendo la parità di trattamento tra i produttori extra-UE e quelli dell’UE.

La Commissione Europea ha fornito ampie linee guida all’industria su come funzionerà la CBAM durante la fase di transizione. Durante questo periodo manterremo un dialogo stretto e costruttivo con le imprese, le altre parti interessate e i partner commerciali.

A metà del 2025 trarremo insegnamento da questo periodo e utilizzeremo le informazioni raccolte per perfezionare il quadro prima dell’inizio dei pagamenti CBAM, esaminando in particolare il suo impatto sulle esportazioni dell’UE e la sua probabile estensione a più settori. Attraverso il Fondo europeo per l’innovazione, rafforzato dalla graduale eliminazione delle quote gratuite ETS, forniremo anche sostegno finanziario per aiutare le aziende dell’UE nei settori coperti da CBAM nei loro sforzi di decarbonizzazione.

Voglio rassicurare le aziende extra-UE che non chiederemo mai loro più di quanto chiediamo ai produttori europei. I prezzi del carbonio già pagati nel paese di produzione possono essere detratti dal pagamento CBAM. Non ci sarà alcuna fattura dovuta nel caso in cui il prezzo del carbonio fosse superiore al prezzo dell’ETS dell’UE.

Abbiamo visto che i nostri piani per introdurre il CBAM sono già stati un catalizzatore per i paesi del G20 e non solo, affinché intensificassero il proprio lavoro sulla fissazione del prezzo del carbonio. Questa è una buona notizia per il nostro pianeta assediato. Resteremo pienamente impegnati nelle discussioni in questo settore, sia a livello bilaterale che multilaterale: in seno all’OCSE, al Club per il clima del G7, all’OMC e alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Accogliamo con favore anche il fatto che i governi e l’industria di tutto il mondo stiano trovando modi nuovi e innovativi per decarbonizzare. Una caratteristica intrinseca del CBAM è che qualsiasi sforzo efficace di decarbonizzazione ridurrà le tariffe sulle importazioni.

See also  La segretezza del credito privato fa preoccupare i cani da guardia: Credit Weekly

Man mano che questa nuova importante misura climatica entra in vigore, ci impegniamo a lavorare fianco a fianco con le imprese nell’UE e oltre, nonché con i governi di tutto il mondo, per farla funzionare. Perché la battaglia per salvare il nostro pianeta dal disastro sarà vinta a livello globale, o non sarà vinta affatto.

Leave a Comment