Borsa oggi: le azioni asiatiche crollano per le preoccupazioni della Cina, le contrattazioni di Seul sono chiuse per ferie

TOKYO (AP) – Giovedì le azioni asiatiche hanno registrato un calo per lo più in un contesto di scambi moderati a causa delle incombenti preoccupazioni per i problemi immobiliari in Cina.

A Hong Kong sono state sospese le negoziazioni delle azioni del promotore immobiliare cinese China Evergrande Group, fortemente indebitato. Ciò ha fatto seguito alle notizie dei media secondo cui il presidente di Evergrande, Hui Ka Yan, era stato portato via all’inizio di questo mese e posto sotto sorveglianza della polizia.

Evergrande è lo sviluppatore immobiliare più indebitato al mondo ed è al centro di una crisi del mercato immobiliare che sta trascinando la crescita economica della Cina.

“Il calendario economico relativamente tranquillo di oggi potrebbe portare i sentiment su un tono più sommesso, mentre le riserve sull’assunzione di rischi potrebbero continuare a ruotare attorno agli sviluppi nel settore immobiliare cinese”, ha affermato Yeap Jun Rong, analista di mercato di IG.

L’indice Hang Seng è scivolato dell’1,4% a 17.364,86. L’indice composito di Shanghai avanza dello 0,1% a 3.110,48.

Le negoziazioni sono state chiuse in Corea del Sud per una vacanza. Il benchmark giapponese Nikkei 225 è sceso dell’1,6% a 31.872,52. L’indice S&P/ASX 200 di Sydney è scivolato di quasi lo 0,1% a 7.024,80.

A Wall Street, le azioni hanno chiuso in maniera contrastata dopo che l’aumento dei prezzi del petrolio e dei rendimenti obbligazionari ha aumentato ulteriormente la pressione sul mercato azionario.

Dopo diverse inversioni di rotta nel corso della giornata, l’S&P 500 è salito di 0,98, o meno dello 0,1%, a 4.274,51 e rimane vicino al livello più basso da giugno. Il Dow Jones Industrial Average è scivolato di 68,61 punti, o dello 0,2%, a 33.550,27 dopo aver rimbalzato in precedenza tra un guadagno di 112 punti e una perdita di 312. Il Nasdaq composite è salito di 29,24, o dello 0,2%, a 13.092,85.

See also  Bonus Blackjack Quest e Bitcoin al casinò Juicy Stakes

Settembre è sulla buona strada per essere il mese peggiore dell’anno per l’S&P 500, poiché il mercato azionario cerca di assorbire un balzo dei rendimenti del Tesoro a livelli mai visti in più di un decennio. Rendimenti elevati significano che le obbligazioni pagano di più in termini di interessi, il che rende gli investitori meno disposti a pagare prezzi elevati per azioni e altri investimenti più rischiosi.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è aumentato ulteriormente mercoledì, al 4,61% dal 4,55%. Si tratta di un aumento rispetto al 3,50% circa di maggio e allo 0,50% all’inizio della pandemia. È aumentato vertiginosamente mentre Wall Street accetta sempre più una nuova normalità i tassi di interesse rimarranno alti per più lungo.

Dopo più di un decennio in cui la Federal Reserve ha tagliato rapidamente i tassi per aiutare l’economia, l’inflazione ancora elevata sta ora scoraggiando la Fed dall’abbassare i tassi. Il suo tasso di interesse principale è già al livello più alto dal 2001, e la Fed ha indicato la settimana scorsa taglierà i tassi nel 2024 meno di quanto previsto in precedenza.

Gli strateghi della Bank of America affermano che i rendimenti potrebbero continuare a salire. Anche se la Fed avesse quasi finito di alzare il tasso di interesse overnight, potrebbe mantenerlo invariato per un lungo periodo.

Tutto ciò ha posto fine alla vecchia era degli investimenti in cui il mantra era “Non c’è alternativa” alle azioni perché le obbligazioni pagavano rendimenti così scarsi. Con le obbligazioni che ora pagano molto di più e forniscono alternative reali, i prezzi delle azioni potrebbero subire una pressione al ribasso per un po’.

See also  I piani di pagamento delle tasse universitarie possono mettere a rischio gli studenti: CFPB

Anche così, la “Fed non sarà eccessivamente reattiva” ai cali dei prezzi delle azioni perché l’economia complessiva rimane solida, hanno scritto gli strateghi guidati da Mark Cabana in un rapporto di BofA Global Research.

Un rapporto pubblicato mercoledì afferma che lo scorso mese gli ordini di beni manufatti di lunga durata sono stati più forti di quanto previsto dagli economisti. È l’ultimo segnale che l’economia complessiva rimane solida nonostante i tassi di interesse molto più alti.

Il lato positivo di tale forza significa che l’economia ha evitato una recessione a lungo prevista. Ma potrebbe anche mantenere una pressione al rialzo sufficiente sull’inflazione da incoraggiare la Fed a mantenere i tassi elevati.

Costco Wholesale è stato un altro vincitore, in rialzo dell’1,9% dopo aver riportato nell’ultimo trimestre profitti più forti di quanto previsto dagli analisti.

Oltre agli alti tassi di interesse, anche una lunga lista di altre preoccupazioni attanaglia i mercati finanziari. Il più immediato è la minaccia di un altro shutdown del governo americano mentre Capitol Hill minaccia una situazione di stallo che potrebbe interrompere i servizi federali in tutto il paese già questo fine settimana.

I prezzi delle azioni hanno resistito relativamente bene alle chiusure passate, ma questa volta le condizioni potrebbero essere leggermente diverse. Gli economisti di Goldman Sachs si aspettano che tutti i rapporti sui dati da parte del governo federale vengano rinviati durante lo shutdown. Ciò potrebbe complicare le cose per la Federal Reserve, che ha affermato più volte che prenderà le sue prossime decisioni sui tassi di interesse in base a ciò che dicono i rapporti sull’inflazione e sul mercato del lavoro.

See also  Shutdown del governo americano: cosa aspettarsi

Si prevede che nelle prossime settimane arriveranno diversi rapporti molto influenti. Il prossimo rapporto mensile sull’occupazione è previsto per il 6 ottobre, mentre due importanti rapporti sull’inflazione sono previsti per la settimana successiva.

Altre minacce che incombono su Wall Street includono le economie traballanti in tutto il mondo, uno sciopero dei lavoratori automobilistici statunitensi ciò potrebbe esercitare una maggiore pressione al rialzo sull’inflazione e una ripresa degli Stati Uniti rimborsi del prestito studentesco che potrebbe incidere sulla spesa delle famiglie.

Nel commercio energetico, il greggio di riferimento statunitense è aumentato di 61 centesimi a 94,29 dollari al barile. Mercoledì ha registrato un rally di 3,29 dollari, attestandosi a 93,68 dollari al barile, rispetto ai meno di 70 dollari di giugno. Minaccia di superare nuovamente i 100 dollari per la prima volta dall’estate del 2022. Il greggio Brent, lo standard internazionale, ha guadagnato 61 centesimi a 97,16 dollari al barile.

L’impennata del greggio ha aiutato i titoli delle industrie del petrolio e del gas a realizzare alcuni dei guadagni più significativi del mercato. Marathon Oil è salito del 4,2% e Devon Energy è salita del 4% mercoledì a Wall Street.

Nel commercio valutario, il dollaro USA è sceso a 149,32 yen giapponesi da 149,63 yen. L’euro è costato 1,0514 dollari, rispetto a 1,0509 dollari.

___

Gli scrittori di AP Business Stan Choe e Zen Soo hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment