Israele preme su Gaza mentre le proteste filo-palestinesi si diffondono in tutto il mondo: NPR

Un ragazzo a Khan Younis siede su un carro trainato da un asino carico di un serbatoio d’acqua, mentre l’acqua potabile e il carburante diventano sempre più scarsi a Gaza.

Mahmud Hams/AFP tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Mahmud Hams/AFP tramite Getty Images

Un ragazzo a Khan Younis siede su un carro trainato da un asino carico di un serbatoio d’acqua, mentre l’acqua potabile e il carburante diventano sempre più scarsi a Gaza.

Mahmud Hams/AFP tramite Getty Images

TEL AVIV, Israele – L’intensificazione delle operazioni di terra dell’esercito israeliano a Gaza è proseguita lunedì per il quarto giorno come parte della cosiddetta “seconda fase” della guerra contro il gruppo militante Hamas.

Da quando l’operazione intensificata è iniziata venerdì sera, gli attacchi aerei israeliani hanno colpito più di 600 obiettivi di Hamas, inclusi depositi di armi e siti di lancio di missili anticarro, ha detto Israele. Le truppe israeliane hanno ucciso dozzine di combattenti di Hamas solo domenica, ha detto l’IDF. Le dichiarazioni dell’esercito israeliano hanno descritto diversi “scontri” tra soldati israeliani e combattenti di Hamas.

Tra gli obiettivi di Israele c’è Yahya Sinwar, il leader di Hamas a Gaza, ha detto il portavoce militare israeliano, contrammiraglio, Daniel Hagari, in una conferenza stampa domenica sera. Gli israeliani affermano che Sinwar è stato il principale architetto dell’attacco del 7 ottobre contro Israele che ha provocato 1.400 morti.

“Inseguiremo Yahya Sinwar finché non lo troveremo”, ha detto Hagari.

Un soldato israeliano è stato ucciso durante la notte quando un carro armato si è ribaltato a Gaza, hanno detto lunedì i militari. In totale, 312 soldati israeliani sono stati uccisi, la maggior parte il 7 ottobre.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, da venerdì circa un migliaio di palestinesi sono morti a Gaza, portando il bilancio complessivo delle vittime a oltre 8.000.

See also  Il senatore Marco Rubio vuole un credito d'imposta ampliato per i figli - con requisiti di lavoro: NPR

Dopo due notti e un giorno di interruzione del servizio internet e del telefono, domenica le comunicazioni palestinesi sono tornate. In tutta Gaza e oltre, i palestinesi hanno espresso sollievo nel vedere le famiglie riuscire a raggiungere i propri cari.

Israele ha continuato a sollecitare l’evacuazione del nord di Gaza, compresi gli ospedali, dove i letti sono completamente pieni di feriti e i corridoi si affollano ogni notte di palestinesi in cerca di rifugio dagli attacchi aerei. Almeno un terzo degli ospedali di Gaza sono stati costretti a chiudere a causa della mancanza di carburante per far funzionare i generatori, afferma l’ONU.

All’ospedale Ah-Ahli Arab, i funzionari dell’ospedale hanno evacuato gli sfollati, ma il personale sta ancora curando i pazienti, ha affermato il dottor Fadel Naim, un chirurgo ortopedico che lavora lì. L’ospedale è stato teatro di un’esplosione mortale il 17 ottobre che ha ucciso almeno 100 persone, secondo le stime dei servizi segreti statunitensi.

“Stanno cercando di spingere la gente a evacuare l’ospedale”, ha detto Naim alla NPR. “Ci stanno ancora avvertendo.”

Lunedì la distruzione del campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza.

Mohammed Abed/AFP tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Mohammed Abed/AFP tramite Getty Images

Lunedì la distruzione del campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza.

Mohammed Abed/AFP tramite Getty Images

Circa 117 camion che trasportavano aiuti sono stati ammessi a Gaza attraverso il confine di Rafah con l’Egitto. La maggior parte di questi camion trasportava forniture mediche e circa la metà trasportava cibo. Nessuno trasportava carburante, che Israele ha bloccato per paura che potesse essere rubato da Hamas.

È stato difficile procurarsi il cibo a Gaza. La mancanza di elettricità e di carburante per i generatori ha messo fuori servizio molti fornitori di cibo. I palestinesi che vivono a Gaza hanno raccontato a NPR di ricerche infruttuose di venditori aperti o di attese in fila per ore per avere pane per la loro famiglia.

See also  I venezuelani superano per la prima volta i messicani negli attraversamenti illegali della frontiera statunitense: NPR

Sabato, migliaia di persone hanno fatto irruzione in diversi magazzini gestiti dall’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, per rubare farina di grano e altri beni di prima necessità.

“Questo è un segnale preoccupante che l’ordine civile sta iniziando a crollare dopo tre settimane di guerra e uno stretto assedio su Gaza. La gente è spaventata, frustrata e disperata”, ha detto sabato Thomas White, massimo funzionario dell’UNRWA per Gaza, in una dichiarazione.

Il ritmo dei camion degli aiuti che attraversano Gaza è “insufficiente” e “destinato a fallire”, ha detto.

“Pochissimi camion, processi lenti, ispezioni rigorose, forniture che non soddisfano i requisiti dell’UNRWA e delle altre organizzazioni umanitarie, e soprattutto l’attuale divieto di carburante, sono tutti la ricetta per un sistema fallito”, ha detto.

Israele ha detto domenica che riprenderà la fornitura di acqua al centro di Gaza e autorizzerà l’Autorità Palestinese per l’Acqua a riparare le condutture danneggiate nel conflitto. L’ONU ha riferito che l’approvvigionamento idrico nel sud di Gaza ha registrato un “miglioramento significativo” negli ultimi giorni poiché le sue agenzie hanno fornito piccole quantità di carburante agli impianti di desalinizzazione e alle stazioni di pompaggio.

Tuttavia, con gran parte della popolazione di Gaza, pari a 2,3 milioni di persone, ammassata nella metà meridionale del territorio, l’acquisizione di acqua pulita rimane difficile.

“Abbiamo adottato misure estreme per riservare tutta l’acqua che ci era rimasta. Ad esempio, le docce sono qualcosa del passato”, ha detto Abood Okal, un palestinese-americano residente nel Massachusetts che era in visita alla famiglia a Gaza quando è iniziata la guerra e da allora ha rimasto incagliato.

See also  Due casinò di Las Vegas sono stati vittime di attacchi informatici, mandando in frantumi l'immagine di impenetrabile sicurezza dei casinò

Lui, sua moglie e il figlio di un anno si stanno rifugiando in una casa nel sud di Gaza con circa altre 40 persone, ha detto. I membri della famiglia si recano ogni giorno a una stazione di filtraggio per riempire qualche gallone da portare a casa per tutti.

Giovedì scorso, la stazione di filtraggio è rimasta senza diesel per far funzionare i suoi generatori, ha detto Okal giovedì sera. “Siamo quasi senza acqua potabile oggi. Penso che ne abbiamo abbastanza per stasera, poi domani saremo praticamente senza acqua”, ha detto.

Migliaia di persone si sono radunate sabato a Londra per una marcia filo-palestinese.

Henry Nicholls/AFP tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Henry Nicholls/AFP tramite Getty Images

Migliaia di persone si sono radunate sabato a Londra per una marcia filo-palestinese.

Henry Nicholls/AFP tramite Getty Images

A New York, Londra, Madrid, Casablanca, Istanbul, Islamabad e in altre città del mondo, decine di migliaia di persone hanno preso parte alle proteste filo-palestinesi lo scorso fine settimana, chiedendo un cessate il fuoco.

Un aeroporto nella regione russa del Daghestan, a maggioranza musulmana, ha chiuso domenica notte dopo che i manifestanti filo-palestinesi hanno preso d’assalto l’aeroporto all’arrivo di un volo da Tel Aviv.

Il video pubblicato sui social media mostrava una folla sulla pista attorno all’aereo, che è atterrato all’aeroporto di Makhachkala intorno alle 19:15 ora locale.

“Tutti i daghestani si immedesimano nella sofferenza delle vittime delle azioni di persone e politici ingiusti e pregano per la pace in Palestina. Ma quello che è successo nel nostro aeroporto è oltraggioso e dovrebbe ricevere una valutazione adeguata da parte delle forze dell’ordine”, ha detto Sergey Melikov, capo della la Repubblica del Daghestan, in un post su Telegram.

Liz Baker ha contribuito con un reportage da Tel Aviv e Majd Al-Waheidi ha contribuito con un reportage da Washington.

Leave a Comment