Michelle Griego esplora il Movimento Chicano di Denver in “The Border Crossed Us”

Michelle Griego esplora il Movimento Chicano di Denver in “The Border Crossed Us”


Michelle Griego esplora il Movimento Chicano di Denver in “The Border Crossed Us”

17:45

Molto prima che il Colorado fosse il Colorado, le tribù indigene vivevano sulla terra, poi arrivarono i coloni spagnoli. La guerra d’indipendenza messicana combattuta all’inizio del 1800 significò che diventarono cittadini messicani. Poi arrivò la guerra messicano-americana che portò al Trattato di Guadalupe Hidalgo del 1848 in cui il Messico cedette il 55% del suo territorio agli Stati Uniti per porre fine alla guerra.

Ciò significava che il confine si spostava a sud, attraversando quelle famiglie e proprietari terrieri che vivevano nella zona da generazioni.

border-crossed-us.png
Michelle Griego di CBS News Colorado esplora la ricca storia chicana in Colorado mentre approfondisce il suo rapporto speciale, “The Border Crossed Us”.

“C’erano famiglie e persone che vivevano in queste comunità e in sostanza dicevano loro: puoi diventare cittadino degli Stati Uniti o andare in Messico”, ha spiegato Lucha Martínez de Luna, storica chicana di History Colorado.

“Naturalmente, molte di queste famiglie vivevano lì già da centinaia di anni, quindi sono rimaste.”

Ma hanno dovuto affrontare difficoltà e sfollamenti, soprattutto quando il Senato degli Stati Uniti ha rinnegato una promessa contenuta nel Trattato di Guadalupe Hidalgo secondo cui avrebbero mantenuto la loro terra.

Ad aggravare il problema, tutti i documenti legali erano in inglese senza interpreti forniti quando i proprietari terrieri cercavano di andare in tribunale.

Dopo oltre 100 anni, i chicanos si ritrovarono a lottare per riconquistare la propria cultura e garantire l’uguaglianza sul lavoro e a scuola, soprattutto negli anni ’60.

See also  La svendita di obbligazioni rafforza l’idea che la Fed prenderà tempo per gli aumenti dei tassi

“La discriminazione è diventata più diffusa”, ha sottolineato Antonio Esquibel, un educatore chicano. “C’erano cartelli nei ristoranti che dicevano che i messicani non erano ammessi, quindi la gente cominciava a dire ‘Ebbene, ehi, perché stiamo sopportando tutta questa schifezza?'”

Una Chicana ha guidato le proteste per ottenere migliori condizioni nella fattoria dei garofani di Kitiyama. Gli studenti uscirono dalla West High School protestando contro un insegnante e con un elenco di richieste che includeva che venisse loro insegnata la propria storia. Un prete cattolico ha combattuto per salvare un quartiere latino dopo l’alluvione del 1965.

In tutto questo, gli attivisti hanno usato la frase “Il confine ci ha attraversato” come grido di battaglia.

“Per me, il chicano è un modo per abbracciare le mie radici indigene in questo emisfero”, ha spiegato Rudy Gonzales, un attivista chicano. “Che non siamo stati noi ad attraversare il confine, è il confine ad attraversare noi.”

Leave a Comment