Il ridisegno della mappa del Congresso della Louisiana bloccato dalla corte d’appello: NPR

Le persone si mettono in fila per votare alla Dr. Martin Luther King Jr. Charter Elementary School di New Orleans nel 2020.

Gerald Herbert/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Gerald Herbert/AP


Le persone si mettono in fila per votare alla Dr. Martin Luther King Jr. Charter Elementary School di New Orleans nel 2020.

Gerald Herbert/AP

Una corte d’appello federale ha fermato il ridisegno della mappa dei distretti elettorali del Congresso della Louisiana, complicando ulteriormente una lunga battaglia legale sulla forza di voto degli elettori neri dello stato.

Il caso rientra tra i numerosi tentativi da parte di funzionari statali repubblicani del Sud di rimodellare il modo in cui i tribunali federali interpretano la protezione contro la discriminazione razziale ai sensi dello storico Voting Rights Act, e la sua risoluzione potrebbe aiutare a determinare gli equilibri di potere nel prossimo Congresso.

Un collegio di tre giudici della quinta corte d’appello degli Stati Uniti ha votato 2 a 1 per annullare l’udienza di un tribunale di grado inferiore per la selezione di un nuovo piano di riorganizzazione distrettuale che il giudice distrettuale americano Shelly Dick aveva programmato per iniziare il 3 ottobre.

“Il tribunale distrettuale non ha seguito la legge della Corte Suprema o di questa corte. La sua azione di riorganizzazione distrettuale affrettata tramite una mappa ordinata dal tribunale è un chiaro abuso di discrezione per il quale non esistono mezzi di appello alternativi”, ha dichiarato il giudice della circoscrizione statunitense Edith Jones. , nominato da Reagan, ha scritto nell’opinione della maggioranza, alla quale si è unito il giudice distrettuale James Ho, nominato da Trump.

See also  Il co-fondatore di FTX Sam Bankman-Fried prende posizione nel processo per frode

Il giudice circoscrizionale Stephen Higginson, nominato da Obama, ha dissentito.

La loro sentenza, che potrebbe essere rivista dall’intera corte del 5° Circuito o dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, ritarda il processo per la creazione di una nuova mappa del Congresso per sostituire quella che secondo Dick probabilmente viola la Sezione 2 del Voting Rights Act diluendo il potere di voto dei neri. Louisianani.

La mappa approvata dalla legislatura statale controllata dai repubblicani include solo un distretto su sei in cui i neri della Louisiana – che costituiscono quasi un terzo della popolazione dello stato – hanno una realistica opportunità di eleggere il loro candidato preferito per la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. Dick, tuttavia, ha stabilito che per allinearsi al Voting Rights Act, dovrebbero esserci due distretti di opportunità per gli elettori neri.

Considerando la polarizzazione razziale del voto in Louisiana, quei distretti probabilmente eleggerebbero candidati democratici, che potrebbero aiutare i democratici a riprendere il controllo della Camera degli Stati Uniti dopo le elezioni del prossimo anno.

La sentenza del collegio è l’ultima svolta in una causa di riorganizzazione distrettuale che potrebbe finire nuovamente davanti alla Corte Suprema. Lo scorso anno i funzionari statali del GOP hanno presentato ricorso contro il caso alla più alta corte del paese. La corte ha consentito che la mappa cancellata da Dick fosse utilizzata nelle elezioni di medio termine dello scorso anno, mentre i giudici hanno esaminato sia il caso della Louisiana che un caso simile di riorganizzazione distrettuale del Congresso in Alabama.

See also  Nuovo chef in città: White Castle porta qui i robot per cucinare nei fast food

L’alta corte alla fine ha rinviato il caso della Louisiana ai tribunali di grado inferiore per la revisione a giugno “prima delle elezioni del Congresso del 2024 in Louisiana”.

La prossima settimana, un gruppo separato di giudici del 5° Circuito ascolterà le argomentazioni orali sul fatto che la sentenza di ingiunzione preliminare di Dick contro la mappa approvata dal legislatore statale sia stata emessa in modo errato.

A cura di Benjamin Swasey

Leave a Comment