Mercato azionario oggi: Wall Street chiude in ribasso, dando allo S&P 500 un’altra settimana perdente

Wall Street ha concluso una settimana altalenante di scambi con un ampio calo delle azioni venerdì, dando all’S&P 500 la seconda settimana consecutiva in perdita.

L’indice di riferimento è sceso dell’1,2%, la prima perdita in tre giorni. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,8% e il Nasdaq composite ha ceduto l’1,6%.

Successivamente i titoli automobilistici statunitensi si sono dimostrati resilienti membri della United Auto Workers il sindacato ha abbandonato il lavoro in diversi stabilimenti durante la notte. Ford è scesa dello 0,1% e General Motors è cresciuta dello 0,9%. Le azioni di Stellantis hanno guadagnato l’1,9% nelle negoziazioni alla Borsa di Milano in Italia.

Il mercato ha registrato alcuni guadagni all’inizio di questa settimana a seguito di diversi indicatori positivi sull’economia. Wall Street sta osservando gli aggiornamenti economici in vista della riunione sulla politica dei tassi di interesse della Federal Reserve della prossima settimana. Si prevede che la banca centrale mantenga i tassi di interesse stabili dopo aver trascorso gran parte degli ultimi due anni spingendo i tassi più in alto nel tentativo di domare l’inflazione.

A rafforzare il sentiment del mercato questa settimana è stato un rapporto di giovedì che affermava Gli acquirenti statunitensi hanno speso di più presso i rivenditori il mese scorso rispetto a quanto previsto dagli economisti. Lo dice un rapporto separato giovedì mattina la scorsa settimana hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione meno lavoratori del previsto.

Lo dice un terzo rapporto di giovedì i prezzi pagati a livello all’ingrosso sono aumentati il mese scorso più di quanto previsto dagli economisti. Ciò potrebbe essere un segnale scoraggiante per le famiglie se l’inflazione superiore alle attese venisse trasmessa agli acquirenti a livello di consumo.

See also  L’aumento dei tassi ipotecari negli Stati Uniti sta esercitando una pressione crescente sugli acquirenti di case

Nel frattempo, un sondaggio condotto da vicino dall’Università del Michigan ha mostrato che la fiducia dei consumatori è leggermente scesa a settembre. L’ultima lettura, tuttavia, mostra che il sentiment generale rimane forte. Ha inoltre affermato che i consumatori hanno abbassato le loro aspettative di inflazione per l’anno a venire al 3,1%, il valore più basso da marzo 2021.

“Le cose erano abbastanza in linea dal punto di vista dei dati”, ha affermato Matthew Stucky, senior portfolio manager presso Northwestern Mutual Wealth Management. “In realtà, il mercato è concentrato su ciò che avrà un impatto sull’attività della Federal Reserve”.

La banca centrale ha aumentato i tassi in modo aggressivo nel 2022 e nel 2023 nel tentativo di domare l’inflazione, ma ha mantenuto i livelli dei tassi di interesse nella sua ultima riunione. L’inflazione è generalmente tornata all’obiettivo del 2% fissato dalla banca centrale.

“Gran parte dell’ottimismo riguardo alla pausa della Fed è già scontato nei mercati”, ha detto Stucky.

L’inflazione a livello dei consumatori è stata più elevata del previsto ad agosto, ma il principale fattore trainante è stato il prezzo elevato della benzina. I prezzi del petrolio sono aumentati durante l’estate dopo che l’Arabia Saudita ha deciso di mantenere i tagli alla produzione. Ciò ha sollevato preoccupazioni per l’aumento dei prezzi della benzina e per l’aumento dell’inflazione.

Gli investitori scommettono in grande maggioranza che la Fed manterrà i tassi di interesse stabili quando chiuderà la riunione di due giorni mercoledì. Si aspettano inoltre che la banca centrale possa mantenere i tassi stabili per il resto dell’anno. La Fed ha affermato che resta disposta a continuare ad aumentare i tassi se ciò risulterà necessario per continuare a combattere l’inflazione.

See also  Toyota richiama quasi 1,9 milioni di RAV4 per riparare batterie che possono muoversi: NPR

Tutti i settori dell’S&P 500 hanno chiuso in rosso venerdì, con i titoli tecnologici che hanno rappresentato il maggiore freno all’indice. Microsoft è scesa del 2,5% e il produttore di chip Nvidia è scivolato del 3,7%.

Anche i rivenditori al dettaglio hanno pesato sull’indice. Amazon è scesa del 3%, Home Depot del 2,5% e Lowe’s Co. è crollata del 4,7%.

Nel complesso, l’S&P 500 ha perso 54,78 punti a 4.450,32. Quest’anno è aumentato di poco meno del 16%.

Il Dow Jones crolla di 288,87 punti a 34.618,24. Il Nasdaq, fortemente ponderato con titoli tecnologici, è scivolato di 217,72 punti a 13.708,33.

I rendimenti obbligazionari hanno guadagnato terreno. Il rendimento del Tesoro a 10 anni, che influenza i tassi di interesse su mutui e altri prestiti, è salito al 4,33% dal 4,29% di giovedì sera. Il rendimento dei titoli del Tesoro a 2 anni è rimasto stabile al 5,02%.

___

Yuri Kageyama e Matt Ott hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment