Quali regioni europee hanno i tassi di occupazione più alti?

Secondo i nuovi dati di Eurostat, il tasso di occupazione nell’UE ha raggiunto il massimo storico del 74,6% nel 2022. Ma quali regioni se la passano meglio di altre?

ANNUNCIO

Osservando i tassi di occupazione europei su una mappa, è facile vedere la divisione tra gli stati del nord e quelli del sud.

Eurostat, l’ufficio statistico della Commissione europea, ha rilevato che dopo aver diviso i paesi in 242 regioni di base (NUTS 2), due quinti delle aree avevano un tasso di occupazione pari o superiore al 78%.

Queste aree erano concentrate prevalentemente in Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Estonia, Malta, Paesi Bassi e Svezia.

Nell’arcipelago finlandese delle Åland, Eurostat ha rilevato il tasso di occupazione più alto, pari all’89,7%, e il secondo tasso più alto è stato registrato nella regione della capitale polacca, Varsavia, dove l’occupazione era all’85,4%.

Dietro queste due aree si collocano la regione olandese di Utrecht e la regione della capitale svedese Stoccolma, entrambe con un tasso di occupazione dell’85,1%.

All’estremità opposta della scala, in tre regioni del Sud Italia, Eurostat ha rilevato che meno della metà della popolazione era occupata nel 2022.

Queste aree erano la Sicilia (46,2%), la Calabria (47,0%) e la Campania (47,3%).

In alcune parti della Turchia, il tasso di occupazione è sceso addirittura al di sotto di quello italiano, attestandosi complessivamente al 32,8% nelle città di Mardin, Batman, Şırnak e Siirt.

Quanto sono cambiati i tassi di occupazione?

Tra le regioni studiate, Eurostat ha rilevato che 9 su 10 hanno registrato un aumento dei tassi di occupazione tra il 2021 e il 2022.

Le prime cinque aree con il tasso di crescita più elevato includono quattro regioni greche: Epiro (+7,7 punti percentuali), Egeo meridionale (+5,8), Creta (+5,7) e Grecia centrale (+5,4).

See also  La “Burp Tax” provoca indignazione in Nuova Zelanda: ma ciò potrebbe avere un impatto sulle elezioni?

Una crescita elevata è stata osservata anche nelle Isole Canarie spagnole, con un aumento di 5,5 punti percentuali.

Detto questo, non è stato notato un aumento del tasso di occupazione a tutti i livelli, poiché una minoranza di stati ha visto un calo nel numero dei propri cittadini che lavorano.

La regione polacca del Voivodato di Opole ha registrato un calo di 1,5 punti percentuali, seguita dalla regione spagnola di Melilla (-1,3), dalla regione tedesca della Bassa Franconia (-1,2), e dalle regioni francesi del Limosino (-1,0), della Bretagna, e Guadalupa (entrambi -0,9).

La disoccupazione diminuisce, i posti di lavoro vacanti restano elevati

Oltre a un aumento dell’occupazione, gli ultimi dati di agosto 2023 mostrano anche che la disoccupazione è in diminuzione nell’UE.

Le due cifre sono chiaramente collegate ma possono anche essere influenzate dal numero di persone che non rientrano in nessuna delle due categorie, come gli studenti o gli accompagnatori.

Il tasso di disoccupazione dell’UE era al 5,9% nell’agosto 2023, in calo rispetto al 6,0% di luglio 2023 e al 6,1% di agosto 2022.

Eppure, nonostante questa tendenza promettente, William Mitchell, professore di economia all’Università di Newcastle in Australia, ha dichiarato a Euronews che “i posti vacanti non sono stati occupati segnalando ora una debolezza imminente”.

A seguito della pandemia di COVID-19, che ha rimodellato radicalmente il mercato del lavoro, la maggior parte degli Stati membri dell’UE ha registrato un forte aumento dei posti di lavoro vacanti.

ANNUNCIO

A metà del 2022, i posti vacanti nell’UE hanno ricominciato a diminuire lentamente, ma sono ancora molto più alti dei livelli pre-pandemia.

Ciò suggerisce che esistono discrepanze tra le competenze del lavoratore e le esigenze del datore di lavoro, il che porta a un rischio di diminuzione della produttività e della competitività.

See also  Il Texas giustizia l'uomo che ha messo in dubbio le prove del furto d'auto mortale di una donna anziana: NPR

Per affrontare questo problema, l’UE si è impegnata ad anticipare meglio i cambiamenti nel mercato del lavoro, facilitare la mobilità professionale e migliorare l’adattabilità dei lavoratori.

Il professor Mitchell ha anche sottolineato la serie di aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea (BCE).

Ha affermato che i forti dati sull’occupazione suggeriscono che “i cambiamenti della politica monetaria non hanno avuto l’impatto che molti economisti credevano”, aggiungendo che “l’economia reale non è molto sensibile alle variazioni dei tassi di interesse all’interno del range che abbiamo osservato”.

ANNUNCIO

Alcuni temevano che l’aumento dei tassi potesse causare una maggiore disoccupazione provocando una riduzione della spesa dei consumatori e degli investimenti, uno scenario che finora è stato evitato.

La BCE dovrebbe annunciare la sua prossima decisione di politica monetaria giovedì, con gli analisti che si aspettano che la banca metta fine alla sua lunga serie di rialzi dei tassi di interesse.

Leave a Comment