Gli investitori perdono Rs 7.59 Lakh Crore in mezzo alle crescenti tensioni in Medio Oriente

Gli investitori perdono Rs 7.59 Lakh Crore in mezzo alle crescenti tensioni in Medio Oriente

Bajaj Finance e Mahindra & Mahindra sono stati i vincitori. (Rappresentativo)

Lunedì la ricchezza degli investitori è stata erosa di Rs 7,59 lakh crore mentre il mercato azionario ha subito un duro colpo a causa delle crescenti tensioni in Medio Oriente.

Il BSE Sensex, a 30 titoli, è crollato di 825,74 punti, ovvero dell’1,26%, attestandosi a 64.571,88 punti. Durante la giornata l’indice è crollato di 894,94 punti, ovvero dell’1,36%, a 64.502,68 punti.

Si tratta della quarta sessione consecutiva di calo per l’indice di riferimento e in quattro giorni il parametro di riferimento della BSE è sceso di 1.856,21 punti o del 2,79%.

In un contesto di debole tendenza dei titoli azionari, la capitalizzazione di mercato delle aziende quotate in borsa nella BSE è scesa di 12.51.700,73 crore di Rs in quattro giorni di crollo del mercato per raggiungere 3,11.30.724,40 crore di Rs.

Solo lunedì, la valutazione di mercato delle società quotate nella BSE è crollata di Rs 7,59,041,63 crore.

“Gli indici di riferimento hanno assistito a forti colpi negli scambi dell’ultima ora poiché la tensione geopolitica latente nella regione del Medio Oriente ha innescato un’ondata di pressione di vendita e ha spinto gli investitori a scaricare le partecipazioni azionarie.

“Gli investitori sono già preoccupati per un ulteriore rialzo dei tassi di interesse e per l’inflazione, e con l’aggiunta del conflitto Israele-Hamas, l’incertezza è aumentata ulteriormente, portando ad un debole sentiment nelle azioni globali”, Shrikant Chouhan, responsabile di Equity Research (Retail) presso Kotak Securities Ltd, ha affermato.

Tra le società Sensex, JSW Steel, Tata Steel, Tata Consultancy Services, Tata Motors, Wipro, IndusInd Bank, HCL Technologies, NTPC, State Bank of India e Larsen & Toubro sono stati i principali ritardatari.

See also  I luoghi che Sam Bankman-Fried si è lasciato alle spalle

Bajaj Finance e Mahindra & Mahindra sono stati i vincitori.

Il greggio Brent, benchmark petrolifero globale, è salito dello 0,04% a 92,18 dollari al barile.

Nel mercato più ampio, l’indice BSE delle società a piccola capitalizzazione è crollato del 4,18% e l’indice delle società a media capitalizzazione è sceso del 2,51%.

“La paura di un conflitto regionale in Medio Oriente e le preoccupazioni per ulteriori rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve americana per un lungo periodo sono stati la principale causa di preoccupazione nel mercato. Anche la stagione degli utili è stata finora contrastante, quindi non ha fornito resilienza al mercato. mercato”, ha affermato Siddhartha Khemka, responsabile della ricerca al dettaglio presso Motilal Oswal Financial Services Ltd.

Tutti gli indici hanno chiuso in ribasso, con le telecomunicazioni in calo del 3,82%, i settori industriali in calo del 3,26%, i servizi di pubblica utilità (3,10%), le materie prime (3,06%), i servizi (2,99%), il settore immobiliare (2,84%), l’energia (2,69%). %), beni di consumo voluttuari (2,25%), IT (2,14%) e petrolio e gas (1,88%).

In totale, 3.196 aziende sono diminuite, mentre 638 sono avanzate e 156 sono rimaste invariate sulla BSE.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Leave a Comment