Il Regno Unito porta avanti i piani per regolamentare il mercato delle criptovalute

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il Regno Unito sta portando avanti i piani per regolamentare il settore delle criptovalute, a partire dalle stablecoin, nel tentativo di rafforzare la supervisione del mercato degli asset digitali.

Lunedì il Tesoro ha pubblicato la sua risposta a una consultazione sul futuro delle regole del settore delle criptovalute, che arriva mentre il governo cerca di rafforzare le protezioni per gli investitori attirando allo stesso tempo investimenti in token digitali a Londra.

Le stablecoin sostenute da Fiat sono un tipo di token crittografici ancorati a una valuta esistente e possono essere utilizzati per effettuare pagamenti digitali.

Il primo ministro Rishi Sunak ha sostenuto il Regno Unito come hub globale di criptovalute, ma si trova ad affrontare crescenti tensioni con la Financial Conduct Authority mentre l’ente regolatore cerca di rafforzare le tutele per i consumatori.

Nell’ultimo anno, la richiesta di una regolamentazione più severa è cresciuta in seguito al crollo dell’exchange di alto profilo FTX, che ha comportato enormi perdite finanziarie per migliaia di investitori.

Il Tesoro ha affermato che le sue proposte sono state informate dai recenti eventi “incluso il fallimento di FTX” e che prevede di elaborare una legislazione secondaria per le nuove regole all’inizio del 2024.

Secondo le proposte, le stablecoin saranno regolamentate sotto lo stesso ombrello delle norme esistenti per i tradizionali fornitori di servizi di pagamento note come Regolamento sui servizi di pagamento.

Il token USDT di Tether, legato al dollaro, è la più grande stablecoin al mondo in circolazione con un’attuale capitalizzazione di mercato di 85 miliardi di dollari.

See also  Gli investitori perdono Rs 7.59 Lakh Crore in mezzo alle crescenti tensioni in Medio Oriente

L’emissione e la custodia delle stablecoin, nei casi in cui la moneta venga emessa dal Regno Unito, rientreranno nel perimetro normativo del Financial Services and Markets Act.

“Alcune stablecoin hanno il potenziale per diventare un mezzo diffuso di pagamento al dettaglio, guidando la scelta e l’efficienza dei consumatori”, ha affermato il Tesoro.

Il governo sta anche cercando di regolamentare il settore delle criptovalute in generale, compresi i custodi che detengono asset crittografici per conto degli investitori, e imponendo agli scambi di divulgare tutti i token che elencano.

Ma alcuni esperti di regolamentazione finanziaria hanno sollevato dubbi sulla fattibilità delle nuove proposte. “È improbabile che la regolamentazione delle criptovalute venga facilmente inserita nel quadro normativo esistente. Sarà necessario dedicare tempo, denaro e riflessione su come raggiungere questo obiettivo rapidamente”, ha affermato Jonathan Cavill, partner dello studio legale Pinsent Masons.

Ha aggiunto che le regole “probabilmente creeranno un cambiamento nel modo in cui il settore sarà strutturato e sviluppato”, aggiungendo che “diventare regolamentati e mantenere la regolamentazione e la conformità è incredibilmente costoso e richiede tempo”.

L’industria delle criptovalute “dovrebbe seguire gli standard previsti per attività simili di servizi finanziari esistenti, commisurati ai rischi che comportano”, ha affermato il governo.

Ha aggiunto che i regolamenti “stimoleranno la crescita e l’innovazione nel settore. . . mitigando i rischi per la stabilità finanziaria e garantendo la tutela dei consumatori”.

Leave a Comment