L’Europa promette sostegno a Israele e congela gli aiuti ai palestinesi: NPR

La bandiera di Israele viene proiettata sulla facciata del palazzo del governo britannico al 10 di Downing St. in segno di sostegno domenica a Londra.

Justin Palmer/Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Justin Palmer/Getty Images

LONDRA – Edifici simbolo in tutta Europa, compresi 10 Downing Street a Londra e la Porta di Brandeburgo a Berlino, si sono illuminate con la bandiera israeliana – e alcune città hanno visto proteste filo-palestinesi – mentre i governi di tutto il continente hanno convocato riunioni di emergenza per rispondere al conflitto in Israele e Gaza.

La preoccupazione cresce anche dopo le notizie secondo cui tra le vittime o i dispersi ci sarebbero cittadini provenienti dal Regno Unito, dalla Francia e forse da altri paesi europei.

Ecco alcuni dei modi in cui alcuni paesi europei hanno risposto da quando i combattimenti sono iniziati sabato mattina.

Supporto costante

Il primo ministro britannico, Rishi Sunak, ha registrato domenica ad Aylesbury, in Inghilterra, un videomessaggio sulla situazione in Israele.

Suzanne Plunkett/Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Suzanne Plunkett/Getty Images


Il primo ministro britannico, Rishi Sunak, ha registrato domenica ad Aylesbury, in Inghilterra, un videomessaggio sulla situazione in Israele.

Suzanne Plunkett/Getty Images

Nel Regno Unito, il primo ministro Rishi Sunak ha affermato che il suo governo è “pronto” a fornire sostegno diplomatico, di intelligence o di sicurezza, se richiesto, a Israele. Il Regno Unito è uno dei “più forti alleati” di Israele, ha affermato. Il governo non ha escluso l’evacuazione dei suoi cittadini dalle aree colpite, affermando che la sicurezza dei cittadini britannici è la sua “massima priorità”. Domenica Sunak ha avuto una telefonata con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

See also  Pembina Pipeline ha bisogno di certezze per Trans Mountain prima di valutare un'offerta: amministratore delegato

Il vice primo ministro Oliver Dowden ha detto lunedì sera che il suo governo lo era rivedere i suoi aiuti ai territori palestinesi.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che la Germania “è fermamente al fianco di Israele”.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha condannato gli attacchi e ha affermato di aver avuto colloqui con il primo ministro Netanyahu, con il presidente palestinese Mahmoud Abbas e con il primo ministro ad interim del Libano, Najib Mikati.

La bandiera israeliana sarà proiettata sulla Porta di Brandeburgo a margine del Festival delle Luci in segno di solidarietà.

Fabian Sommer/dpa/picture Alliance/Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Fabian Sommer/dpa/picture Alliance/Getty Images


La bandiera israeliana sarà proiettata sulla Porta di Brandeburgo a margine del Festival delle Luci in segno di solidarietà.

Fabian Sommer/dpa/picture Alliance/Getty Images

L’esecutivo dell’Unione Europea ha annunciato la sospensione di tutti gli aiuti ai territori palestinesi.

“In quanto maggiore donatore dei palestinesi, la Commissione europea sta stanziando tutti i suoi aiuti allo sviluppo, per un valore totale di 691 milioni di euro [$728 million] sotto esame”, Oliver Varhelyi, commissario europeo per i Paesi vicini e l’allargamento, detto in un post su Xprecedentemente noto come Twitter.

“La portata del terrore e della brutalità contro Israele e il suo popolo rappresenta un punto di svolta. Non si può più andare avanti come prima”, ha affermato.

Martedì l’UE terrà una riunione straordinaria dei suoi ministri degli Esteri a Muscat, in Oman, per discutere della situazione.

Cittadini europei morti e dispersi

La BBC ha riferito che si teme che più di 10 cittadini britannici siano morti o dispersi in Israele, citando una fonte ufficiale britannica anonima. Tra le persone uccise in Israele c’era un ventenne britannico, Nathanel Young, che prestava servizio nelle forze di difesa israeliane, secondo diversi notiziari britannici.

See also  Il presidente del sindacato dei lavoratori del settore automobilistico che ha indossato la maglietta "mangia i ricchi" è nel 5% dei percettori più ricchi

Il Foreign, Commonwealth and Development Office del Regno Unito non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento della NPR.

Domenica il governo francese ha dichiarato che una donna francese è stata uccisa e che diversi altri cittadini francesi sono scomparsi le Monde giornale.

Lunedì il deputato francese Meyer Habib lo ha twittato almeno otto cittadini francesi erano dispersi, morti o presi in ostaggio dopo che sabato è iniziato l’attacco di Hamas contro Israele. Ha detto di aver parlato con un uomo che ha confermato che suo figlio, un francese di 26 anni che viveva in Israele, è stato preso in ostaggio da Hamas.

Il Ministero degli Esteri tedesco ha affermato di presumere che tra le persone rapite da Hamas ci siano cittadini tedeschi le Monde.

In Francia e Germania, la sicurezza è stata rafforzata nelle istituzioni ebraiche, nelle sinagoghe e nelle scuole ebraiche. Anche la polizia metropolitana di Londra ha intensificato le pattuglie dopo che sono emersi video dei festeggiamenti nella città per gli attacchi contro Israele.

I manifestanti lanciano razzi durante una manifestazione filo-palestinese a Londra, lunedì, due giorni dopo che i combattenti di Hamas hanno lanciato un attacco su più fronti senza precedenti contro Israele.

Kirsty Wigglesworth/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Kirsty Wigglesworth/AP


Il sostegno pubblico ai diritti dei palestinesi e la simpatia per la causa palestinese, secondo i sondaggi, sono stati più forti in alcuni paesi europei che negli Stati Uniti. Un sondaggio pubblicato a luglio dalla società YouGov ha rilevato che, tra le persone nei paesi europei che hanno opinioni sul conflitto israelo-palestinese, c’era una maggiore tendenza a schierarsi con i palestinesi. L’eccezione è rappresentata dalla Germania, dove gli intervistati sono stati quasi equamente divisi sulla questione.

Questa settimana ci sono state proteste filo-palestinesi LondraBerlino e alcune città degli Stati Uniti.

Parenti del leader scozzese a Gaza

Il leader scozzese, il primo ministro Humza Yousaf, è uno di coloro che hanno trovato la sua famiglia colpita dal conflitto. Lunedì ha detto ai giornalisti scozzesi che i suoi suoceri sono attualmente intrappolati a Gaza. I genitori della moglie di Yousaf, Nadia El-Nakla, di origine palestinese, erano stati in visita a parenti a Gaza quando si sono trovati intrappolati mentre Israele iniziava i suoi attacchi sul territorio questo fine settimana. Il primo ministro scozzese ha detto che ai suoi suoceri è stato detto dalle autorità israeliane di andarsene perché “Gaza sarà effettivamente cancellata”, ma che nessuno può garantire loro un passaggio sicuro.

“Sono in una situazione in cui, francamente, notte dopo notte, giorno dopo giorno, non sappiamo se mia suocera e mio suocero – che non hanno nulla da fare, come la maggior parte degli abitanti di Gaza sa con Hamas o con qualsiasi attacco terroristico, sia che sopravvivano alla notte oppure no,” ha detto Yousaf.

Leave a Comment