Mercato azionario oggi: Wall Street crolla dopo le relazioni sugli utili, e i prezzi del petrolio salgono sulle preoccupazioni di guerra

NEW YORK (AP) – Wall Street crolla dopo che le grandi società statunitensi hanno pubblicato una serie contrastante di rapporti sugli utili e l’aumento dei rendimenti del Tesoro ha stretto ulteriormente la morsa sul mercato azionario. Mercoledì sul mercato hanno pesato anche le preoccupazioni per la guerra in Medio Oriente. L’indice S&P 500 è crollato dell’1,3%. Il Dow Jones Industrial Average ha perso 332 punti e il Nasdaq composite è sceso dell’1,6%. I prezzi del petrolio greggio sono aumentati a seguito di un’esplosione mortale in un ospedale nella Striscia di Gaza. L’oro ha continuato a salire mentre gli investitori cercavano investimenti più sicuri. Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è salito fino a toccare il livello più alto dal 2007.

QUESTO È UN AGGIORNAMENTO DELL’ULTIMA NOTIZIA. La storia precedente di AP segue di seguito.

NEW YORK (AP) – Wall Street è scesa mercoledì dopo che le grandi società statunitensi hanno pubblicato una serie contrastante di rapporti sugli utili e l’aumento dei rendimenti del Tesoro ha stretto ulteriormente la morsa sul mercato azionario. Anche le preoccupazioni per la guerra in Medio Oriente hanno pesato sul mercato.

L’S&P 500 è sceso dell’1,1% nel late trading. Il Dow Jones Industrial Average era sceso di 240 punti, o dello 0,7%, alle 15:00 ora orientale, e il Nasdaq composito era inferiore dell’1,4%.

I prezzi del petrolio greggio sono aumentati bruscamente durante la notte dopo una esplosione mortale in un ospedale della Striscia di Gaza, che ha scatenato proteste in tutto il Medio Oriente. Ma i prezzi del petrolio hanno ridotto i loro guadagni nel corso della giornata. L’oro, nel frattempo, è salito mentre gli investitori continuano a cercare investimenti più sicuri dopo l’attacco a sorpresa del 7 ottobre contro Israele da parte di Hamas.

See also  Decine di persone si uniscono alla causa sostenendo che gli AirTag di Apple sono "l'arma preferita" di stalker e molestatori

A Wall Street, United Airlines è crollato del 9,4% dopo aver dimostrato l’entità del danno che potrebbe subire i profitti a causa dell’impennata dei prezzi del carburante e della sospensione dei voli per Tel Aviv. Ha fornito una previsione degli utili per gli ultimi tre mesi dell’anno che è stata ben al di sotto delle aspettative degli analisti.

La previsione ha messo in ombra il fatto che lo United avrebbe riportato un profitto per l’estate maggiore di quanto previsto da Wall Street. Le altre compagnie aeree sono scese di concerto, con American Airlines in calo del 5,2% e Delta Air Lines in calo del 4,7%.

Anche Morgan Stanley è crollata, in calo del 7,7%, anche se ha riportato un utile maggiore per l’ultimo trimestre di quanto previsto dagli analisti. Gli investitori si sono concentrati su un risultato più debole del previsto da parte dell’attività di gestione patrimoniale della società, hanno detto gli analisti.

Dal lato vincente di Wall Street c’era Procter & Gamble, il gigante dietro marchi come Charmin, Febreze e Oral-B. È aumentato del 2,6% dopo aver riportato profitti più forti del previsto per l’ultimo trimestre. Le sue entrate sono aumentate dopo aver aumentato i prezzi dei suoi prodotti.

Il Nasdaq è salito del 3,9% segnando uno dei maggiori guadagni del mercato azionario dopo aver riportato profitti più forti del previsto nell’ultimo trimestre. Ha beneficiato del debutto di titoli di alto profilo sulla sua borsa di scambio, nonché della crescita delle sue attività anti-crimine finanziario.

La stagione dei rendiconti sugli utili per l’estate è ancora agli inizi e l’aspettativa generale è che le società S&P 500 affermino che i loro utili complessivi per azione sono aumentati nell’ultimo trimestre per la prima volta in un anno.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche crollano in vista della decisione della Fed sui tassi

Tale crescita dei profitti è essenziale affinché il mercato azionario continui a crescere, in particolare quando l’altro grande fattore che spinge i prezzi delle azioni spinge nella direzione opposta.

I rendimenti dei titoli del Tesoro nel mercato obbligazionario sono in costante aumento poiché gli investitori accettano una nuova normalità in cui è probabile che la Federal Reserve mantenga alti i tassi di interesse per tenere sotto controllo l’inflazione. Tassi e rendimenti elevati danneggiano i prezzi delle azioni e di altri investimenti.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è salito al 4,91% dal 4,84% di martedì scorso e da meno del 3,50% durante l’estate. Ha toccato ancora una volta il livello più alto dal 2007.

I rendimenti sono saliti mentre l’economia americana è rimasta straordinariamente resiliente, anche dopo che la Federal Reserve ha alzato il suo tasso di interesse principale al livello più alto dal 2001. Questa forza ha spinto un ampio gruppo di investitori a credere che la Fed potrebbe riuscire a trovare un equilibrio nel rallentamento dell’economia. attraverso tassi elevati quanto basta per soffocare l’elevata inflazione, ma non tanto da provocare una dolorosa recessione.

Tuttavia, gli investitori rimangono cauti. Secondo l’ultimo sondaggio della Bank of America, i gestori di fondi globali detengono più liquidità per proteggersi, fino al 5,3% dei loro portafogli totali in ottobre dal 4,9%.

Una grande minaccia per l’economia globale è l’effetto dei prezzi del petrolio sull’inflazione nel contesto dell’ultima guerra tra Hamas e Israele.

Nel mercato petrolifero, un barile di greggio americano si è avvicinato ai 90 dollari nelle prime ore del mattino prima di ridurre i suoi guadagni. È salito di 1,66 dollari per attestarsi a 88,32 dollari al barile. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato di 1,60 dollari a 91,50 dollari dopo aver sfiorato i 93 dollari al barile.

See also  Noodles & Company offre prezzi speciali per il National Noodle Day: "La nostra vacanza di punta"

La scintilla per il salto è stata un’esplosione in un ospedale di Gaza che, secondo quanto riferito, ha ucciso centinaia di persone. Hamas ha attribuito la responsabilità a un attacco aereo israeliano, mentre l’esercito israeliano ha attribuito la colpa a un razzo lanciato male da membri di un altro gruppo militante palestinese. Il presidente Joe Biden sembrava suggerire che non fosse Israele.

Il timore nei mercati finanziari è che la guerra attiri i grandi paesi produttori di petrolio, come l’Iran, e porti a interruzioni delle forniture.

Mercoledì il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha invitato le nazioni musulmane a espellere i loro ambasciatori israeliani e a lanciare un embargo petrolifero contro Israele dopo l’esplosione nell’ospedale.

L’oro è salito di 32,60 dollari attestandosi a 1.968,30 dollari l’oncia mentre gli investitori cercavano beni più sicuri da possedere.

Nei mercati azionari esteri, gli indici sono crollati in gran parte dell’Europa dopo aver chiuso contrastati in Asia.

Lo ha riferito la Cina Mercoledì che la sua economia è cresciuta ad un ritmo annuo del 4,9% da luglio a settembre. Si tratta di una crescita inferiore rispetto al 6,3% del trimestre precedente, ma migliore di quanto gli economisti temessero per la seconda economia mondiale.

___

Hanno contribuito gli scrittori di AP Business Matt Ott, Elaine Kurtenbach e Zen Soo.

Leave a Comment