Il processo di SBF non può competere con l’entusiasmo dell’ETF

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il crollo del colosso degli scambi di criptovalute FTX ha segnato la profondità della crisi delle criptovalute. Tuttavia, il successivo processo contro il fondatore Sam Bankman-Fried, accusato di aver frodato i clienti, non ha fatto scendere ulteriormente i prezzi delle criptovalute. Nonostante la pubblicità negativa, il prezzo del bitcoin è raddoppiato nell’ultimo anno.

Ciò è stato attribuito a due cose. All’inizio del 2024, si prevede che i premi per i minatori di bitcoin diminuiranno del 50%. Il risultato è una riduzione dell’offerta che potrebbe far aumentare i prezzi. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti potrebbero essere sul punto di intraprendere un’azione normativa che conferisca nuova legittimità alle risorse digitali.

L’anno prossimo, gli acquirenti di bitcoin si aspettano che la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti conceda a BlackRock e ad altre società finanziarie il permesso di lanciare fondi negoziati in borsa che investono direttamente in bitcoin. Ciò, a loro avviso, potrebbe stimolare una maggiore adozione da parte degli investitori istituzionali e fungere da sfida alle piattaforme crittografiche nefaste e non regolamentate.

Entrambe le ipotesi sono sbagliate, anche se la SEC stringesse i denti e concedesse l’approvazione. Gli ETF possono essere più allettanti rispetto alla creazione di portafogli e all’acquisto di token direttamente da scambi non regolamentati, ma la loro esistenza non elimina le truffe e la volatilità che gli investitori trovano scoraggianti. Quando ProShares ha lanciato il primo ETF che seguiva i contratti che speculavano sul prezzo futuro del bitcoin alla fine del 2021, i prezzi del bitcoin sono aumentati. L’ETF ha terminato il suo primo giorno di negoziazione a quasi 42 dollari. Ora viene scambiato a $ 17,50.

See also  L'indice globale delle criptovalute di HKVAC dà il benvenuto a Hedera, Maker e Quant

La capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute è scesa da una capitalizzazione di mercato di 3 trilioni di dollari a circa 1,3 trilioni di dollari. Elon Musk, un chiaro sostenitore delle risorse digitali, non ha deciso di esporre la sua società di auto elettriche Tesla a ulteriori oscillazioni dei prezzi. Tesla ha investito 1,5 miliardi di dollari in bitcoin all’inizio del 2021 per “massimizzare i rendimenti sulla nostra liquidità”. All’ultimo conteggio, le sue risorse digitali ammontavano a soli 184 milioni di dollari.

La liquidità scarseggia. Le restanti piattaforme sono sotto pressione da parte dei regolatori. I volumi degli scambi su Coinbase, la più grande piattaforma di asset digitali degli Stati Uniti, sono diminuiti del 55% nei primi sei mesi dell’anno. Senza un’offerta di nuova moneta, l’ultimo rally dei prezzi è insostenibile.

Se sei abbonato e desideri ricevere avvisi quando vengono pubblicati articoli Lex, fai semplicemente clic sul pulsante “Aggiungi a myFT”, che appare nella parte superiore di questa pagina sopra il titolo.

Leave a Comment