Sam Bankman-Fried di FTX ammette “errori” durante la gestione dell’impero crittografico

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Sam Bankman-Fried ha ammesso di aver commesso “una serie di errori più gravi” durante la gestione del suo exchange di criptovalute FTX, ma ha negato di aver frodato i clienti mentre prendeva posizione davanti a una giuria di New York in sua difesa.

Dopo aver prestato giuramento poco prima delle 10:00, ora locale, Bankman-Fried ha spiegato che lui e i suoi cofondatori pensavano che “potrebbero essere in grado di costruire il miglior prodotto sul mercato” e di “muovere il mercato”. [cryptocurrency] ecosistema in avanti” fondando la società.

Alla domanda se tale ambizione sia stata realizzata, il 31enne ha affermato che l’exchange FTX “si è rivelato sostanzialmente l’opposto”, aggiungendo che “molte persone si sono fatte male” quando l’azienda è crollata lo scorso novembre con un buco di 8 miliardi di dollari nel suo bilancio. foglio.

Bankman-Fried, l’ex magnate delle criptovalute che rischia decenni dietro le sbarre se condannato con le accuse contro di lui, tra cui frode telematica e riciclaggio di denaro, sarà interrogato dai pubblici ministeri più tardi venerdì. Si è dichiarato non colpevole.

Indossando un abito grigio e una cravatta viola, Bankman-Fried ha parlato con calma alla giuria della fondazione delle sue due società – FTX e una società commerciale affiliata, Alameda Research – con amici universitari del MIT ed ex colleghi della società commerciale di New York Jane Street Capital. La giuria ha già ascoltato le testimonianze di alcuni di loro, tra cui Gary Wang, Nishad Singh e Caroline Ellison, che stanno collaborando con l’accusa.

See also  La recente vittoria di Ripple sulla SEC non è l'unica cosa rialzista per il prezzo di XRP

“Ho commesso una serie di piccoli errori e una serie di errori più grandi”, ha detto Bankman-Fried della sua gestione di FTX. Ha aggiunto che “l’errore di gran lunga più grande è stato quello di non avere un team dedicato alla gestione del rischio. . . e ci sono state sviste significative”.

Fondando Alameda nel 2017, Bankman-Fried ha affermato di aver intravisto un’opportunità per fare trading di criptovalute perché c’era “un sacco di entusiasmo, una tonnellata di domanda” per l’acquisto e la vendita di valute digitali, ma “le banche non erano coinvolte, i broker non sono stati coinvolti”.

Nonostante all’epoca non avessi “assolutamente idea di come [cryptocurrencies] ha funzionato”, Bankman-Fried ha detto di aver notato che “potrebbero esserci opportunità di arbitraggio davvero, davvero grandi” da sfruttare per Alameda.

Bankman-Fried aveva dato un’anteprima della sua testimonianza, senza la presenza della giuria, giovedì, rispondendo a domande su una serie di questioni in modo che il giudice potesse decidere se gli argomenti fossero ammissibili come prova nell’ambito del caso della difesa.

Venerdì mattina, il giudice Lewis Kaplan, che sta supervisionando il caso, ha stabilito che Bankman-Fried non poteva rispondere a domande progettate per ottenere testimonianze in cui affermava di aver seguito il consiglio degli avvocati nell’attuazione di determinate politiche a FTX e Alameda.

Leave a Comment