Il Regno Unito apre la porta delle stablecoin

Ciao e benvenuto all’ultima edizione della newsletter di FT Cryptofinance. Questa settimana daremo uno sguardo alle grandi autorità del Regno Unito che regolamentano le stablecoin.

Parte del lavoro di un regolatore è quello di osservare il mercato e capire di quali poteri avrà bisogno se in futuro dovesse accadere qualcosa di grosso, come il fallimento di una banca importante o di un gestore patrimoniale.

Questa “scansione dell’orizzonte” viene spesso applicata alle innovazioni finanziarie che, secondo le previsioni dell’autorità, richiederanno supervisione e regole una volta che l’innovazione sarà ampiamente utilizzata.

Un esercizio degno di nota, ma che può rapidamente sprecare le risorse di un regolatore e indebolire il suo entusiasmo se ciò che stai osservando non diventa mai mainstream. Dovrei saperlo. In una fase noiosa e fortunatamente breve della mia vita lavorativa, questo era il mio lavoro.

Questo ricordo mi è tornato in mente questa settimana quando il Regno Unito ha definito le linee guida per regolamentare le stablecoin, i token digitali ancorati alla moneta sovrana.

Sono simili a una valuta internazionale come il dollaro o anche ai vecchi pezzi da otto spagnoli: una forma di denaro che può essere utilizzata per transazioni nel mondo crittografico senza confini, ma senza il fastidio di lasciare una traccia digitale in conti bancari tracciabili.

Lunedì la Banca d’Inghilterra e la Financial Conduct Authority hanno presentato proposte per introdurre le stablecoin nell’economia come valido mezzo di pagamento per beni e servizi di uso quotidiano.

Sheldon Mills della FCA ha affermato che le stablecoin potrebbero rendere i pagamenti “più rapidi ed economici”, mentre Sarah Breeden della Banca ha affermato che le stablecoin potrebbero “migliorare i pagamenti digitali al dettaglio”.

I due regolatori hanno compiti leggermente diversi: la FCA propone di esaminare la regolamentazione delle società che emettono stablecoin mentre la Banca propone di esaminare principalmente come regolerebbe gli operatori dei sistemi di pagamento che le utilizzano.

La mia domanda era semplicemente: perché? In questo non ero solo. “Queste proposte non sono il risultato di alcuna domanda dei consumatori al dettaglio, per quanto ne so”, ha affermato Harvey Knight, responsabile britannico del gruppo di regolamentazione dei servizi finanziari di Withers.

See also  Sam Bankman-Fried viene ritenuto colpevole di 7 capi d'accusa di frode e cospirazione

Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che oggi nessuna stablecoin esistente rientrerebbe nel regime della Banca, poiché vengono utilizzate prevalentemente per i pagamenti crittografici piuttosto che per la spesa quotidiana dei consumatori al dettaglio.

È anche difficile immaginare quale problema risolvano le stablecoin per i consumatori del Regno Unito, la maggior parte dei quali è abituata a pagamenti digitali istantanei tramite carte di credito e debito contactless.

“Il Regno Unito dispone già di un’efficiente infrastruttura di pagamento per gestire i pagamenti al dettaglio nazionali, quindi la necessità di stablecoin. . . non è convincente”, mi ha detto Arun Srivastava, partner di Paul Hastings.

“Con i consumatori soddisfatti della relativa velocità e delle rimesse dei metodi di pagamento più tradizionali, insieme alla complessità della criptovaluta, potrebbe volerci del tempo prima che le stablecoin supportate da valuta fiat possano diventare una forma diffusa di pagamento dei consumatori”, ha aggiunto Hannah Ross, responsabile della regolamentazione dei servizi finanziari. avvocato presso Pinsent Masons.

Dando una visione più ampia, ci sono solo cinque stablecoin con più di 1 miliardo di dollari di token in circolazione e nessuna di loro considera il Regno Unito la propria casa.

Tether, che gestisce token eponimi per un valore di 86 miliardi di dollari, domina il mercato, seguito da USDC, gestito dalla società statunitense Circle. Ma quel token ha causato un’emorragia di quote di mercato da quando Circle ha dichiarato un’esposizione di 3,3 miliardi di dollari alla Silicon Valley Bank, ora crollata. Il resto della top five include una stablecoin con il marchio Binance che è diventata insignificante da quando quest’anno è entrata in conflitto con i regolatori di New York.

Allora, cosa resta? Ebbene, è risaputo che i sistemi di pagamento e regolamento dei cambi non sono tutto ciò che potrebbero essere.

“Metto in evidenza il cambio estero perché è la parte peggiore del sistema finanziario esistente oggi”, ha affermato Varun Paul, che ha trascorso 14 anni alla BoE prima di diventare direttore delle infrastrutture di mercato presso la piattaforma blockchain Fireblocks.

See also  Air India Express introdurrà 50 nuovi aerei Boeing 737 MAX entro dicembre 2024

Una “stablecoin in sterline consentirebbe a qualcuno di inviare denaro dagli Stati Uniti al Regno Unito, dalle Filippine al Regno Unito o altrove, utilizzando i binari blockchain che sono più economici e veloci”.

È vero, ma non è certo che una stablecoin britannica (Britcoin?) vedrà la luce, e tanto meno arriverà al punto in cui potrebbe diventare un’opzione praticabile per i pagamenti transfrontalieri su una scala significativa.

Anche così, come ha notato Paul, esiste una questione dell’uovo e della gallina. Senza linee guida legali, la maggior parte delle persone non lo utilizzerà.

E come esercizio, non si sa mai. Potrebbe arrivare un punto in cui le autorità di regolamentazione del Regno Unito desidererebbero avere determinati poteri per intervenire o avere una migliore lungimiranza.

Qual è la tua opinione sulle proposte delle stablecoin del Regno Unito? Come sempre, scrivetemi a scott.chipolina@ft.com.

Highlights settimanali

  • Fantasmi del passato: la Lender Celsius Network ha ottenuto l’approvazione del tribunale per un piano di ristrutturazione che le permetterà di uscire dalla bancarotta e restituire i soldi ai clienti, che aspettavano da luglio dello scorso anno. Il nuovo Celsius è gestito da un consorzio che comprende Arrington Capital e si fa chiamare Fahrenheit. Ma certo.
    Nel frattempo, si vocifera che anche l’exchange FTX verrà resuscitato; il token FTT al centro del crollo di FTX è raddoppiato di valore questa settimana arrivando a $ 2,84, ma è ancora molto lontano dall’ormai famigerato prezzo di $ 22 che il vecchio management di FTX si era offerto di pagare per questo.

  • La società dietro la serie Bored Ape Yacht Club ha affermato che la luce UV emessa da uno spettacolo ospitato a Hong Kong la scorsa settimana è stata la probabile causa del “bruciore agli occhi” che hanno subito diversi partecipanti. “Continuiamo a incoraggiare chiunque manifesti sintomi a rivolgersi a un medico”, ha affermato giovedì.

  • Gli Stati Uniti hanno continuato il loro implacabile blitz contro le criptovalute quando i legislatori Zach Nunn (R-Iowa) e Abigail Spanberger (D-VA) hanno scritto insieme un disegno di legge che cerca di vietare l’esposizione del governo degli Stati Uniti alla “rete di servizi basata su blockchain della Repubblica popolare di Cina”. Nella lista, il disegno di legge inserisce Ifinex, la società madre con sede a Hong Kong dietro il più grande emittente di stablecoin al mondo: Tether.

See also  Flare integra Subsquid tramite l'espansione dell'accesso ai dati open source

Morso della settimana: l’ex capo della CFTC critica la politica statunitense sulle criptovalute

Chris Giancarlo, ex presidente della Commodity Futures Trading Commission, il principale regolatore statunitense dei derivati, è intervenuto all’evento Global Boardroom del FT questa settimana. Sostenitore delle possibilità offerte dalle criptovalute, non era un fan dello stallo a Washington.

“Se guardi cosa è successo nell’ultima settimana, [the UK] presentando un documento che intende rendere il Regno Unito il centro dell’attività crittografica nel mondo, l’UE sta implementando attivamente la legislazione Mica, quindi due dei nostri maggiori concorrenti economici non stanno seguendo l’approccio di questa amministrazione di cercare di sopprimere le criptovalute. In realtà stanno approfittando della soppressione delle criptovalute qui negli Stati Uniti per promuovere i loro interessi economici.”

Per inciso, questa settimana la CFTC ha affermato che il 49% delle azioni esecutive avviate nel suo anno finanziario terminato a settembre avevano coinvolto asset digitali.

Data mining: crescono le speranze per un ETF spot sull’Ethereum negli Stati Uniti

Il prezzo del bitcoin è salito di nuovo questa settimana a quasi $ 38.000 nella speranza che BlackRock, il gestore patrimoniale statunitense, ottenga l’approvazione normativa per lanciare un cash bitcoin exchange traded fund, un veicolo del mercato azionario statunitense che investe direttamente in bitcoin.

Giovedì sera BlackRock è andato oltre, presentando la richiesta di quotare un ETF in contanti che investe direttamente in ethereum, la seconda criptovaluta più grande.

Ethereum è leggermente diverso dal bitcoin in quanto è più comunemente utilizzato come elemento costitutivo per altri progetti crittografici.

Com’era prevedibile, il prezzo di Ethereum è salito alle stelle alla notizia, fino al 10% nei minuti successivi. La pressione sulla SEC per gli ETF crittografici non si allenterà presto.

Grafico a linee di $ per token che mostra il prezzo di Ethereum in rialzo sulle speranze dell'ETF spot

FT Cryptofinance è curato da Philip Stafford. Si prega di inviare eventuali pensieri e feedback a criptofinanza@ft.com.

Leave a Comment