Il Regno Unito presenta proposte per portare le stablecoin nell’economia reale

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La Banca d’Inghilterra e la Financial Conduct Authority stanno presentando proposte che porteranno le stablecoin – un tipo di token digitale progettato per tracciare il prezzo delle valute forti – nell’economia reale come opzione di pagamento per beni e servizi.

Le proposte includono quella di attribuire alla BoE la responsabilità di supervisionare direttamente l’entità dietro la stablecoin. Chiedono inoltre che i sistemi di pagamento che utilizzano token digitali siano pienamente garantiti dai depositi delle banche centrali. Agli emittenti di stablecoin sarà inoltre richiesto di dimostrare come intendono gestire i rimborsi, in particolare durante i periodi di stress.

Le proposte sono l’ultimo passo nel tentativo del Regno Unito di affermarsi come hub per le risorse digitali tra le preoccupazioni che la Brexit minacci il dominio di Londra come principale centro finanziario europeo.

La settimana scorsa, il Tesoro ha pubblicato la sua risposta a una consultazione sul futuro della regolamentazione delle criptovalute nel Regno Unito e, secondo i suoi piani, le stablecoin saranno regolamentate secondo le norme esistenti per i fornitori di servizi di pagamento tradizionali. Ha affermato che le sue proposte sono state ispirate dai recenti eventi “incluso il crollo di FTX”.

“Le stablecoin hanno il potenziale per rendere i pagamenti più rapidi ed economici per tutti, ed è per questo che vogliamo offrire alle aziende la possibilità di utilizzare questa innovazione in modo sicuro e protetto”, ha affermato Sheldon Mills, direttore esecutivo di Consumers and Competition presso la FCA.

Sarah Breeden, vicegovernatrice per la stabilità finanziaria presso la Banca d’Inghilterra, ha aggiunto che le stablecoin possono “migliorare i pagamenti digitali al dettaglio” nel Regno Unito.

See also  I luoghi che Sam Bankman-Fried si è lasciato alle spalle

Tuttavia, le stablecoin spesso non sono riuscite a tenere traccia delle valute forti. Nel maggio dello scorso anno, il famigerato progetto di stablecoin Terra si è interrotto, scatenando una crisi del mercato delle criptovalute senza precedenti. A marzo, il token USDC di Circle, il secondo più grande in circolazione, è sceso fino a 88 centesimi dopo che la società ha ammesso un’esposizione di 3,3 miliardi di dollari alla Silicon Valley Bank, ora crollata.

Secondo una persona che ha familiarità con la questione, attualmente nessuna stablecoin esistente soddisferebbe i criteri di supervisione secondo il regime proposto dalla BoE poiché vengono utilizzate prevalentemente per pagamenti crittografici piuttosto che per pagamenti al dettaglio. “Ma la situazione potrebbe cambiare rapidamente, se le aziende crescessero rapidamente o se le stablecoin si collegassero a un’azienda esistente che ha già un’ampia base di clienti per i pagamenti”, ha aggiunto la persona.

Le proposte esplorano anche la prospettiva di consentire alle stablecoin estere l’accesso alla catena di pagamento del Regno Unito.

Secondo il punto di vista del Tesoro, gli “arrangiatori di pagamento” sarebbero entità autorizzate ai sensi delle normative sui servizi di pagamento esistenti nel Regno Unito e richiederebbero l’approvazione della FCA prima di poter valutare l’idoneità di una stablecoin estera per l’uso nel Regno Unito.

Nel suo documento di discussione, l’autorità di regolamentazione ha affermato che la proposta del Tesoro di accogliere le stablecoin estere nell’economia “potrebbe avere sia svantaggi che vantaggi”.

Il mese scorso la FCA ha presentato nuovi standard che vietano alle aziende non autorizzate di commercializzare prodotti crittografici, comprese potenzialmente le stablecoin, ai clienti del Regno Unito.

Video: la battaglia in corso per sconfiggere i ladri di criptovalute | FT Tech

Leave a Comment