Il primo ministro portoghese António Costa si dimette mentre esplode la crisi di corruzione

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il primo ministro portoghese António Costa si è dimesso poche ore dopo che i pubblici ministeri hanno emesso mandati di arresto e fatto irruzione in edifici governativi in ​​un’indagine sulla corruzione che ha raggiunto la sua cerchia ristretta.

Costa, un socialista alla guida del Portogallo dal 2015, ha dichiarato martedì che si dimetterà dopo che la procura avrà rivelato l’intera portata di un’indagine su possibili reati di corruzione, illeciti e traffico di influenza tra titolari di cariche pubbliche.

I pubblici ministeri hanno affermato che il potenziale illecito riguardava diverse iniziative imprenditoriali di alto profilo, inclusi progetti di estrazione del litio che erano centrali sia per i piani economici a lungo termine del Portogallo che per la fornitura di materie prime per l’industria europea dei veicoli elettrici.

Hanno affermato che nel corso delle loro indagini gli indagati hanno invocato “il nome e l’autorità” del primo ministro e hanno affermato che avrebbe effettuato interventi per “sbloccare le procedure”.

Costa ha detto di non essere stato a conoscenza delle indagini e di avere la coscienza pulita.

“Ma nonostante ciò, la dignità del ruolo di primo ministro e la fiducia che il popolo portoghese ha nelle istituzioni sono assolutamente incompatibili con [having] un primo ministro che deve affrontare sospetti sulla sua integrità”, ha aggiunto.

I pubblici ministeri hanno emesso un mandato di arresto per Vítor Escária, capo di stato maggiore e confidente di Costa, e hanno affermato che stavano trasformando il ministro delle infrastrutture João Galamba in un sospetto formale poiché hanno effettuato un totale di 43 raid contro edifici e case governative.

See also  Gold Resource Corporation riprogrammerà la pubblicazione dei risultati del terzo trimestre 2023

Le dimissioni di Costa spostano l’onere sul presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa, ex leader dei socialdemocratici all’opposizione, che ha accettato le dimissioni di Costa e deve ora decidere se sciogliere il parlamento e indire elezioni o nominare un altro primo ministro. Fino ad allora Costa resterà il leader provvisorio.

L’ufficio del presidente ha detto che Rebelo de Sousa parlerà mercoledì con i leader dei partiti politici, poi parlerà al paese giovedì dopo una riunione del consiglio di stato, un gruppo dei suoi consiglieri.

“Non mi candiderò di nuovo per diventare primo ministro”, ha detto Costa. “È una fase della mia vita che è finita.”

Costa ha aggiunto: “Sono disponibile a collaborare con la giustizia. Voglio dire che non sono consapevole di aver commesso alcun atto illegale e nemmeno alcun atto riprovevole. . . Parto a testa alta e con la coscienza pulita”.

Tra i progetti allo studio ci sono un impianto per la produzione di idrogeno e la costruzione di un data center, entrambi nella città di Sines. La Procura ha emesso mandati di arresto anche nei confronti del sindaco di Sines e di due amministratori di una società coinvolta nel data center.

Rui Rocha, il capo dell’Iniziativa Liberale, un piccolo partito di opposizione di destra, aveva detto all’inizio della giornata che il Portogallo era “sprofondato nel marciume” mentre invitava Costa a dimettersi.

Costa è stato rieletto con la maggioranza assoluta nel 2022. Ma da allora il suo governo è stato perseguitato da accuse di cattiva gestione e corruzione che hanno portato diversi ministri e alti funzionari a lasciare l’incarico.

Uno dei casi di più alto profilo è stato quello di una liquidazione irregolare versata a un ex membro del consiglio di amministrazione di TAP Air Portugal, una compagnia aerea di proprietà del governo, che ha portato alla partenza, tra gli altri, di un precedente ministro delle infrastrutture e amministratore delegato della compagnia.

See also  Donald Trump Jr. sarà il primo testimone della difesa nel processo per frode di New York

Reporting aggiuntivo di Carmen Muela a Madrid

Leave a Comment