Il salvataggio del rublo avrebbe potuto costare parte dei profitti delle banche russe nel mese di settembre

Gli alti tassi di interesse hanno indebolito il credito al consumo e hanno influito negativamente sui profitti delle banche a settembre.

ANNUNCIO

I profitti delle banche russe sono diminuiti a settembre in quanto la crescita dei prestiti al consumo ha rallentato in modo significativo, ha detto venerdì la banca centrale del paese, mentre i russi si sono adattati ai forti aumenti dei tassi di interesse in agosto e settembre mentre le autorità cercavano per difendere il rublo.

La Banca di Russia ha effettuato un aumento di emergenza di 350 punti base al 12% a metà agosto, prima di aumentare nuovamente i tassi a settembre al 13%. Gli economisti si aspettano un altro aumento dei costi di finanziamento quando la banca centrale si riunirà la prossima settimana.

I profitti delle banche russe sono scesi a 296 miliardi di rubli (2,92 miliardi di euro) a settembre dai 353 miliardi di rubli di agosto.

Il secondo istituto di credito russo, VTB Bank, il mese scorso ha affermato che i tassi elevati avrebbero avuto un impatto negativo sui profitti delle banche nel 2024, sebbene il settore sia destinato a registrare profitti record quest’anno.

“Abbiamo circa 15 miliardi di rubli di interessi in calo per ogni punto percentuale di aumento del tasso di riferimento”, ha detto a Reuters il direttore finanziario della banca Dmitry Pyanov.

“Niente ci impedirà di chiudere il 2023 con cifre record”, ha detto Pyanov.

Il profitto complessivo del settore bancario in Russia nel periodo gennaio-settembre è stato di 2.400 miliardi di rubli e potrebbe raggiungere i 3.000 miliardi di rubli entro la fine dell’anno, ha affermato la banca centrale.

See also  L'ex villa da 26,5 milioni di dollari di Jackie Kennedy è andata all'asta

Le riserve di valuta estera stanno diminuendo

È probabile che i fondi in valuta estera delle aziende detenuti nelle banche diminuiscano nei prossimi mesi a causa dell’introduzione di nuovi controlli sui capitali questa settimana, ha affermato la banca.

Da lunedì è entrato in vigore il decreto del presidente Vladimir Putin sulle vendite obbligatorie di valuta estera, che obbliga 43 gruppi di esportatori a rimpatriare l’80% e vendere il 90% dei ricavi valutari.

Nel frattempo, i fondi in valuta estera delle famiglie hanno continuato a diminuire a settembre, scendendo di 900 milioni di dollari (850 milioni di euro).

“Ciò potrebbe essere stato causato dal desiderio di convertire la valuta estera in rubli a un tasso di cambio elevato”, ha affermato la banca in un rapporto.

Il rublo è crollato al minimo di oltre 18 mesi all’inizio di questo mese, prima che venissero imposti i controlli sui capitali, ma da allora ha recuperato terreno, rafforzandosi fino al massimo di oltre tre settimane venerdì.

Leave a Comment