Gli investitori stranieri continuano a evitare la Cina nonostante i segnali di ripresa

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulle azioni cinesi

Gli investitori stranieri hanno venduto altri 23 miliardi di Rmb (3,15 miliardi di dollari) di azioni cinesi questo mese, dopo i deflussi record di agosto, nonostante i timidi segnali di miglioramento nella seconda economia mondiale.

Le vendite attraverso i programmi cinesi Stock Connect, che consentono agli investitori stranieri di negoziare azioni onshore, sono state finora a un ritmo più lento rispetto al mese precedente, quando attraverso di essi erano stati venduti titoli azionari per un valore di 12 miliardi di dollari. Eppure i mercati azionari cinesi sono ancora sulla buona strada per uno dei maggiori deflussi netti mensili di quest’anno.

L’indice cinese CSI 300 dei principali titoli azionari è rimasto invariato questa settimana, nonostante i dati migliori del previsto per le vendite al dettaglio e la produzione industriale riportati venerdì della scorsa settimana, e un moderato miglioramento dell’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti manifatturieri (PMI) pubblicato alla fine del mese scorso. . Questa settimana l’indice Hang Seng China Enterprises di Hong Kong ha perso il 2%.

“Riteniamo che l’economia abbia già toccato il fondo, come confermato dai dati”, ha affermato Dong Chen, responsabile della ricerca macro asiatica presso Pictet Wealth Management. “In termini di mercato. . . quello che stiamo vedendo è che il sentiment generale continua ad essere molto pessimistico.”

Ad agosto la produzione industriale è aumentata del 4,5% su base annua. Le vendite al dettaglio, un indicatore della spesa rimasto costantemente debole, sono aumentate del 4,6%. Entrambe le misure sono state superiori a quanto previsto dagli analisti e hanno superato i tassi di crescita riportati a luglio rispettivamente del 3,7 e del 2,5%.

See also  L'esperto di finanza rivela come la tendenza virale del cash stuffing può aiutarti a rispettare un budget

Anche il PMI del settore manifatturiero per agosto è stato leggermente superiore alle aspettative, salendo a 49,7 da 49,3, avvicinandosi alla lettura di 50 punti che separa l’espansione dalla contrazione. Dati separati mostrano che anche le nuove emissioni di prestiti da parte delle banche cinesi sono aumentate notevolmente in agosto, battendo le previsioni.

“Di solito gli investitori globali nei cicli precedenti tendono a muoversi prima”, ha aggiunto Chen, riferendosi alla risposta ritardata del mercato azionario ai numeri migliori.

Diversi investitori hanno affermato che, mentre la performance economica mostrava segni di toccare il fondo, il cosiddetto “picco del pessimismo” per gli investitori stranieri potrebbe trascinare qualsiasi miglioramento della performance economica, date le preoccupazioni sulle relazioni USA-Cina e la repressione normativa di Pechino contro il settore privato in Cina. anni recenti.

Altri investitori hanno segnalato le problematiche interne, come il crollo dei prezzi delle case e gli alti livelli di debito pubblico locale, come segnali che le difficoltà economiche potrebbero continuare.

Dato che gli immobili rappresentano circa il 70% della ricchezza delle famiglie, il rallentamento delle vendite immobiliari e dei prezzi delle case impedirebbe qualsiasi ripresa trainata dai consumi, ha affermato Prashant Bhayani, responsabile degli investimenti per l’Asia presso BNP Paribas Wealth Management.

“Senza il raggiungimento del livello minimo della proprietà, le persone non si sentono a proprio agio nel spendere, perché rappresenta la percentuale più grande della loro ricchezza”, ha affermato.

Ha aggiunto che, mentre le speranze di uno stimolo “bazooka” dopo la riunione del Politburo cinese di luglio sono state deluse, il governo dovrà continuare a svelare “misure incrementali” per sostenere le azioni, come maggiori sforzi per rilanciare il mercato immobiliare e incentivi per aumentare i consumi.

See also  Come dare un senso al mercato del lavoro straordinariamente forte del paese: NPR

“Sembra che stiamo toccando il fondo, la domanda è: qual è il lato positivo?” Bhayani ha detto.

Nonostante mesi di scarsa performance economica quest’anno e una serie di promotori immobiliari che non hanno pagato le obbligazioni internazionali, Pechino ha finora limitato il sostegno immobiliare a misure come la riduzione dei requisiti di pagamento e dei tassi ipotecari.

Ha inoltre presentato misure per sostenere direttamente i mercati azionari, tagliando un prelievo sulla negoziazione di azioni per la prima volta dalla crisi finanziaria del 2008 e consentendo una maggiore leva finanziaria nel trading azionario.

Sunil Tirumalai, direttore esecutivo della strategia azionaria GEM di UBS con sede a Mumbai, ha affermato che gli investitori stanno aspettando un sostegno politico sostenuto da Pechino dopo che la ripresa post-Covid è svanita.

“In ogni caso, le azioni cinesi sono convenienti”, ha detto. “Penso che il mercato stia prendendo la situazione in modo molto scettico: vediamo più cose sul campo che ci diano fiducia prima di iniziare a comprare.”

Leave a Comment