Il partito dei contadini olandesi guadagna popolarità in vista delle elezioni di novembre: NPR

L’agricoltore Wilbert van der Post è preoccupato che le nuove norme del governo olandese sulla riduzione dell’azoto costringano lui, agricoltore di quarta generazione, a chiudere l’attività. Ha intenzione di votare per il Movimento dei Cittadini-Contadini, conosciuto nei Paesi Bassi con l’acronimo BBB, il giorno delle elezioni di novembre.

Rob Schmitz/NPR


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Rob Schmitz/NPR


L’agricoltore Wilbert van der Post è preoccupato che le nuove norme del governo olandese sulla riduzione dell’azoto costringano lui, agricoltore di quarta generazione, a chiudere l’attività. Ha intenzione di votare per il Movimento dei Cittadini-Contadini, conosciuto nei Paesi Bassi con l’acronimo BBB, il giorno delle elezioni di novembre.

Rob Schmitz/NPR

LEIDEN, Paesi Bassi — Su una striscia di terra tra i canali che attraversano la piatta campagna olandese si trovano 50 mucche Holstein bianche e nere, a testa bassa, che masticano un pranzo a base di fieno servito loro dal loro proprietario, l’agricoltore Wilbert van der Post .

“Sono la quarta generazione in questa fattoria”, dice van der Post mentre sparge il fieno sul pavimento della stalla. “Il mio bisnonno venne qui intorno al 1900.”

Van der Post ora teme di poter essere l’ultima generazione di agricoltori della sua famiglia. Il letame e l’urina prodotti dalle sue mucche sono ricchi di composti di azoto che contribuiscono allo smog, danneggiando i polmoni dei 17,5 milioni di residenti del suo paese. Le mucche di Van der Post sono tra le decine di milioni di animali a livello nazionale che stanno contribuendo a quella che gli ambientalisti chiamano crisi dell’azoto.

I Paesi Bassi, grandi solo quanto il Maryland, sono il secondo maggiore esportatore mondiale di prodotti alimentari. È uno dei paesi più intensamente coltivati ​​al mondo e il suo suolo presenta alti livelli di composti azotati dannosi per l’ambiente provenienti sia dal letame animale che dai fertilizzanti.

Una serie di sentenze dei tribunali ha costretto il governo olandese a trovare soluzioni per ridurre l’inquinamento da azoto, tra cui il dimezzamento delle mandrie di animali entro la fine di questo decennio.

“Se ogni allevatore dovesse ridurre il 50% della propria mandria, per me sarebbe un problema”, afferma van der Post. “Non è possibile guadagnare soldi da questo.”

See also  L'ex villa da 26,5 milioni di dollari di Jackie Kennedy è andata all'asta

Van der Post afferma di essersi già rivolto ad altri modi per fare soldi. Sta organizzando gite scolastiche alla sua fattoria e ritiri aziendali.

“Facciamo le coccole alle mucche”, spiega. “È allora che la gente viene qui e ci paga per mentire contro una mucca.”

Ma a circa 50 dollari per ogni sessione di coccole con la mucca, dice che non gli bastano ancora per ottenere un reddito costante con le nuove regole di riduzione dell’azoto.

Una resa dei conti ambientale impone un cambiamento nell’agricoltura olandese

Queste regole, dicono gli ambientalisti, vengono implementate per un motivo.

“Abbiamo un’enorme quantità di letame e un’enorme quantità di emissioni che difficilmente si trovano da qualche altra parte nel mondo”, afferma Natasja Oerlemans, responsabile dell’alimentazione e dell’agricoltura per il World Wildlife Fund dei Paesi Bassi.

“Fondamentalmente, un ex ministro si è espresso così: importiamo tutto questo mangime, produciamo carne e latticini ed esportiamo dal 70 all’80% di carne e latticini”, afferma. “E la merda rimane qui, letteralmente.”

Natasja Oerlemans, responsabile del settore alimentare e agricolo presso il World Wildlife Fund dei Paesi Bassi, afferma che il paese ha il più alto livello di emissioni di composti dell’azoto in Europa.

Rob Schmitz/NPR


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Rob Schmitz/NPR


Natasja Oerlemans, responsabile del settore alimentare e agricolo presso il World Wildlife Fund dei Paesi Bassi, afferma che il paese ha il più alto livello di emissioni di composti dell’azoto in Europa.

Rob Schmitz/NPR

Oerlemans afferma che gli agricoltori olandesi importano la maggior parte dei loro animali e mangimi ricchi di azoto. La piccola nazione produce ogni anno carne, latticini e uova da 4 milioni di mucche, 13 milioni di maiali e 104 milioni di polli. Dice che l’urina e il letame prodotti da questi animali emettono alti livelli di composti di azoto.

“Se guardi le mappe europee delle emissioni di azoto nei Paesi Bassi, non è nemmeno rosso scuro, non è nemmeno viola, ma è nero”, dice Oerlemans. “È il valore più alto in Europa per quanto riguarda le emissioni di azoto.”

Oerlemans sostiene la decisione del tribunale olandese del 2019 che ordina al governo di fare qualcosa per ridurre drasticamente queste emissioni, ma ritiene anche che gli agricoltori dovrebbero ricevere sussidi governativi mentre abbattono le loro mandrie e passano ad un’agricoltura meno intensiva.

See also  Come un forte inizio del 2023 per Wall Street è stato messo fuori rotta dall’impennata dei rendimenti obbligazionari

Gli agricoltori olandesi, però, preferirebbero mantenere lo status quo. Hanno chiuso le autostrade del paese con i loro trattori per protestare contro le norme proposte sull’azoto.

Negli ultimi quattro anni, queste manifestazioni si sono evolute in quello che viene chiamato Movimento dei Cittadini-Contadini, un partito politico che ha scioccato molti all’inizio di quest’anno quando ha vinto 16 dei 75 seggi al Senato olandese, più di qualsiasi altro partito.

Il partito ha raccolto consensi ben oltre i 50.000 agricoltori del paese e ora è al terzo posto nei sondaggi mentre il paese si prepara alle elezioni nazionali di fine novembre.

Le proteste degli agricoltori hanno avuto risonanza oltre i campi

“Gli olandesi hanno la sensazione che i bisogni del governo siano più importanti di quelli dei cittadini”, dice Caroline van der Plas, fondatrice del partito Movimento Contadini-Cittadini, conosciuto in olandese come BoerBurgerBeweging, o con il suo acronimo, il BBB.

Gli analisti politici e i media olandesi hanno etichettato il BBB come un movimento di protesta e un partito monotematico, ma van der Plas, che ha trascorso gran parte della sua carriera come giornalista ed è ora membro del parlamento – e non ha mai lavorato come agricoltrice – è veloce a dissentire.

“Ho la sensazione che le persone che temono che il BBB diventi più grande perché, ovviamente, colpisce i partiti tradizionali e le politiche tradizionali, quelle sono le persone che dicono che siamo un partito monotematico”, dice.

Nei suoi anni in parlamento, van der Plas è diventata popolare per il suo stile diretto e la sua capacità di andare oltre le regole sull’azoto per criticare in generale l’ingerenza del governo nella vita dei cittadini.

“Molte persone sono preoccupate per il loro futuro”, dice. “Sono preoccupati: ‘i miei figli potranno comprare una casa nei prossimi anni?’ Sono preoccupati per tutti i costi che stanno lievitando, per il cibo e per il gas. La gente non riesce più a pagare le bollette perché tutto diventa caro e trova in noi un partito di cui si fida”.

Van der Plas afferma di volere che il governo sia più accessibile ai cittadini, e non un’entità disincarnata che prende decisioni per conto dei cittadini senza il loro consenso.

See also  Il caldo torrido estivo ha avuto ripercussioni su molte aziende agricole statunitensi

Il politologo dell’Università di Amsterdam Wouter van der Brug afferma che van der Plas e il suo partito sono riusciti a sfruttare un più ampio senso di disagio tra gli elettori olandesi per il fatto che il governo non sta servendo i loro interessi.

“Probabilmente deriva da una sensazione più profonda che la società stia cambiando troppo velocemente e non nella direzione apprezzata dalle persone”, afferma van der Brug. “E anche che queste nuove misure, che probabilmente dovranno essere implementate per proteggere l’ambiente, vengono imposte anche a noi da forze esterne senza una buona ragione.”

Le mucche Holstein della fattoria di Wilbert van der Post mangiano fieno e si nutrono. Una serie di sentenze dei tribunali ha costretto il governo olandese a trovare soluzioni per ridurre l’inquinamento da azoto, tra cui il dimezzamento delle mandrie di animali entro la fine di questo decennio.

Rob Schmitz/NPR


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Rob Schmitz/NPR


Le mucche Holstein della fattoria di Wilbert van der Post mangiano fieno e si nutrono. Una serie di sentenze dei tribunali ha costretto il governo olandese a trovare soluzioni per ridurre l’inquinamento da azoto, tra cui il dimezzamento delle mandrie di animali entro la fine di questo decennio.

Rob Schmitz/NPR

Il contadino Wilbur van der Post, nella sua stalla con le sue mucche, è d’accordo. Secondo lui, il divieto proposto sull’azoto ridurrebbe le emissioni nei Paesi Bassi, ma non ridurrebbe le emissioni globali di azoto.

“Produciamo di più per ettaro rispetto ad altri paesi con la stessa quantità di letame”, afferma. “L’impronta è una delle più basse al mondo. Se riduciamo il settore agricolo qui nei Paesi Bassi, altri paesi dovranno produrre di più. Ma lì l’impronta è più alta.”

Ed è per questo che, dice, voterà per il Movimento dei Cittadini-Contadini il giorno delle elezioni, il 22 novembre. A meno che il suo partito non finisca al governo, dice, nessuna coccola alle mucche sarà in grado di calmare la sua rabbia. a coloro che occupano posizioni di potere.

Esme Nicholson ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment