Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche crollano in vista della decisione della Fed sui tassi

TOKYO (AP) – Le azioni asiatiche sono scese mercoledì mentre i mercati attendono una decisione sui tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Il Nikkei 225 giapponese è sceso dello 0,1% nelle contrattazioni mattutine a 33.200,34. L’indice S&P/ASX 200 australiano è scivolato dello 0,6% a 7.152,70. Il Kospi sudcoreano è sceso dello 0,1% a 2.556,20. L’Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,4% a 17.932,24, mentre lo Shanghai Composite ha ceduto lo 0,3% a 3.115,10.

I dati commerciali per il Giappone hanno mostrato che le esportazioni sono diminuite dello 0,8% il mese scorso rispetto a un anno fa, segnando il secondo mese consecutivo di calo, mentre le esportazioni verso la Cina sono rimaste indietro, scendendo dell’11%. Le esportazioni del Giappone verso gli Stati Uniti sono aumentate del 5,1%, mentre quelle verso l’Europa sono aumentate del 12,7%. Secondo i dati del Ministero delle Finanze, per categoria di prodotto, le esportazioni di automobili sono aumentate del 40,9%, mentre quelle di semiconduttori sono aumentate dell’8,1%.

“Riteniamo che la debole ripresa in Cina continuerà ad avere un impatto negativo sulle esportazioni per un po’, ma i semiconduttori sembrano aver toccato il fondo del ciclo di ribasso”, ha affermato in un comunicato Robert Carnell, responsabile regionale della ricerca Asia-Pacifico presso ING. un report.

Secondo lui, il forte contributo alla crescita economica nel trimestre aprile-luglio dovrebbe indebolirsi in questo trimestre.

In un aggiornamento sull’economia cinese, i funzionari di Pechino hanno riconosciuto le sfide nel rilanciare la crescita della seconda economia mondiale, ma hanno detto ai giornalisti di essere fiduciosi che una ripresa sia in corso e che abbiano la capacità di garantire la stabilità dei mercati finanziari.

See also  Assunzione ritardata per il nuovo CEO di Eskom dopo la controversia sull'età dei potenziali candidati

A Wall Street l’indice S&P 500 scivola dello 0,2% a 4.443,95. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,3% a 34.517,73, e il Nasdaq composite ha perso lo 0,2% a 13.678,19.

Per settimane i mercati hanno oscillato sull’incertezza riguardo al fatto se la Fed avesse terminato i suoi aumenti dei tassi di interesse che avrebbero scosso il mercato. Portando il tasso di interesse principale al livello più alto degli ultimi due decenni, la Fed ha aiutato l’inflazione a raffreddarsi rispetto al picco dello scorso anno, ma al prezzo di danneggiare i prezzi degli investimenti e danneggiare alcuni settori dell’economia.

La Fed ha iniziato la sua ultima riunione sui tassi di interesse martedì, con un annuncio previsto per mercoledì. L’aspettativa schiacciante è che la Fed non annunci alcuna modifica ai tassi. Maggiore attenzione sarà posta sulle proiezioni aggiornate fornite dai funzionari della Fed riguardo all’andamento dei tassi nei prossimi anni.

I trader sono divisi sulla possibilità che la Fed aumenti nuovamente i tassi quest’anno, ma si aspettano in gran parte che la Fed inizi a tagliare i tassi l’anno prossimo. Tali tagli possono agire come steroidi per i mercati finanziari, dando impulso a tutti i tipi di investimenti.

Un atterraggio morbido, in cui l’inflazione ritorni all’obiettivo del 2% della Fed senza una dolorosa recessione, “è ancora possibile, ma non probabile a nostro avviso”, secondo Joe Davis, capo economista globale e capo del gruppo di strategia di investimento di Vanguard.

Tassi elevati hanno già colpito l’industria manifatturiera e quella immobiliare. Un rapporto di martedì ha mostrato che i costruttori di case hanno costruito meno nuove case in agosto di quanto gli economisti si aspettassero. Il calo dell’11,3% rispetto al livello di luglio è stato molto peggiore dello 0,8% previsto. Ma l’attività per i permessi di costruire, un possibile indicatore dell’attività futura, è aumentata più del previsto.

See also  ThinkOn si colloca al 181° posto nella quinta classifica annuale delle aziende canadesi in maggiore crescita stilata da The Globe and Mail

A Wall Street, azioni di Instagram è salito del 12,3% nel loro primo giorno di negoziazione. La società ha raccolto 660 milioni di dollari nella sua offerta pubblica iniziale, che ha valutato le azioni a 30 dollari per azione.

È arrivata sulla scia di un’altra attesissima IPO da parte del designer di chip Arm Holdings. Le offerte potrebbero segnare un clima di riscaldamento per le IPO, che sono diminuite drasticamente dopo il crollo delle azioni lo scorso anno a causa delle preoccupazioni per i tassi di interesse più elevati. Giovedì Arm ha registrato un balzo nel suo primo giorno di negoziazione, ma da allora ha registrato tre giorni di perdite.

La Walt Disney Co. è scesa del 3,6% per una delle maggiori perdite dell’indice S&P 500 dopo aver annunciato un grande piano di investimenti per i suoi parchi a tema e le compagnie di crociera. Prevede di raddoppiare i propri investimenti nei parchi, nelle esperienze e nel business dei prodotti portandoli a 60 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni rispetto al decennio precedente.

A vincere a Wall Street è stata US Steel, in rialzo del 3,7%. La società prevede di produrre ottimi risultati per l’estate, superiori alle aspettative degli analisti. Ciò vale anche considerando l’impatto previsto sulla domanda di acciaio lo sciopero limitato della United Autoworkers contro le 3 grandi case automobilistiche di Detroit.

Ford e General Motors hanno resistito meglio dopo la caduta del giorno prima, mentre lo sciopero contro di loro continua. Il leader della UAW ha detto lunedì sera che il suo sciopero limitato potrebbe espandersi a meno che non si realizzino “seri progressi” verso un nuovo accordo sul lavoro entro venerdì a mezzogiorno. Ford è cresciuta dell’1,8% e GM dell’1,9%.

See also  Israele preme su Gaza mentre le proteste filo-palestinesi si diffondono in tutto il mondo: NPR

Nel commercio energetico, il greggio americano di riferimento ha perso 10 centesimi a 91,10 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Martedì è sceso di 28 centesimi a 91,20 dollari. Quest’anno è aumentato di circa il 13% poiché i paesi produttori di petrolio hanno ridotto la produzione. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è sceso di 36 centesimi a 93,98 dollari al barile.

Nel commercio valutario, il dollaro USA è salito a 147,86 yen giapponesi da 147,81 yen. L’euro è costato 1,0686 dollari, rispetto a 1,0681 dollari.

___

Ha contribuito Stan Choe, scrittore di AP Business.

Leave a Comment