Il figlio di Jimmy Lai teme che il magnate dei media di Hong Kong possa morire in detenzione in attesa del processo

Contenuto dell’articolo

LONDRA (AP) – Il figlio del magnate dei media di Hong Kong ed eminente attivista pro-democrazia Jimmy Lai, incarcerato, ha detto mercoledì che non voleva vedere suo padre morire in detenzione, poiché i suoi avvocati hanno sollevato la possibilità che il suo processo, a lungo ritardato, possa essere rinviato. indietro a tempo indeterminato.

Sebastien Lai ha anche criticato il governo britannico per la sua “vergognosa” mancanza di azione nell’aiutare suo padre, che è cittadino britannico.

Pubblicità 2

Contenuto dell’articolo

Contenuto dell’articolo

Jimmy Lai, il 75enne fondatore dell’ormai defunto quotidiano pro-democrazia Apple Daily, è in detenzione da quando è stato arrestato nel 2020 in base a una radicale legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino. Se condannato, l’uomo d’affari di Hong Kong rischia l’ergastolo. È già stato condannato a cinque anni e nove mesi in un caso separato.

Il suo processo avrebbe dovuto iniziare lo scorso dicembre, ma è stato rinviato più volte dai giudici. Ora l’inizio è previsto per il 18 dicembre.

Suo figlio Sebastien Lai, 28 anni, e i suoi avvocati hanno descritto il caso come un “processo farsa”. Hanno suggerito che le autorità di Hong Kong potrebbero ritardare ulteriormente la data del processo non solo perché hanno una causa debole, ma anche perché non c’è alcun vantaggio per Lai nel esprimere le sue opinioni durante un’udienza pubblica che dovrebbe durare due o tre mesi.

Sebastien Lai, che si è recato negli Stati Uniti, nel Regno Unito e alle Nazioni Unite per fare pressione sui leader internazionali affinché aiutassero suo padre, mercoledì ha criticato il governo britannico per il suo linguaggio sommesso nel condannare la lunga detenzione di suo padre.

Ha anche definito incoerente l’approccio del Regno Unito alla Cina perché mentre alcuni funzionari governativi si esprimono contro la situazione dei diritti umani di Pechino, altri sostengono che sia fondamentale mantenere la Cina dalla parte come partner commerciale.

See also  Kim Kardashian sceglie Nick Bosa, pezzo forte della NFL, per la provocatoria campagna maschile di Skims

Contenuto dell’articolo

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

“Se sono disposti a sacrificare i diritti umani per il commercio, penso che sia un grande passo falso”, ha detto Lai ai giornalisti.

“Non voglio vedere mio padre morire in prigione. Ha 75 anni, è in prigione, rischia di morire. E’ molto preoccupante”, ha aggiunto.

Caoilfhionn Gallagher, un avvocato per i diritti umani con sede a Londra che guida il team legale internazionale di Lais, ha detto che il ministro degli Esteri James Cleverly e il primo ministro Rishi Sunak hanno rifiutato di incontrare Sebastien Lai nonostante le ripetute richieste.

“Stiamo assistendo a messaggi molto contrastanti da parte del governo nel suo insieme”, ha detto. “Pensiamo che ci sia un elemento del governo britannico che parla da entrambi i lati della bocca: da un lato dice qualcosa sul caso di Jimmy Lai e ci getta delle briciole di pane, e dall’altro lo tolgono spingendo il messaggio che tutto va come al solito.”

Lai ha detto di non aver ricevuto nuovi aggiornamenti dal governo britannico da quando Cleverly ha visitato Pechino il mese scorso e ha sollevato il caso di suo padre, tra gli altri argomenti, con le sue controparti cinesi.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street crolla dopo gli avvertimenti sui profitti, dati economici forti

Jimmy Lai è accusato di aver cospirato con altri per chiedere sanzioni internazionali o impegnarsi in attività ostili contro Hong Kong o la Cina. Affronta anche l’accusa di collusione con forze straniere per mettere in pericolo la sicurezza nazionale, e un’altra accusa di sedizione ai sensi di una legge dell’era coloniale che viene sempre più utilizzata anche per sottomettere l’opposizione.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

Il magnate e più di 260 altre persone, tra cui la maggior parte dei principali leader democratici della città, sono stati arrestati ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale come parte della repressione senza precedenti di Pechino contro l’opposizione della città.

Il suo processo è stato ritardato per mesi, in parte a causa di una disputa legale con le autorità di Hong Kong sulla possibilità o meno di assumere un veterano avvocato britannico per difenderlo. L’Alta Corte della città aveva precedentemente confermato la decisione del governo di vietare all’avvocato Timothy Owen di rappresentare Lai.

Sebastien non vede suo padre da tre anni, e ha visto il suo aspetto solo di recente, quando l’Associated Press ha pubblicato foto esclusive di lui mentre veniva portato fuori dalle guardie per l’esercizio quotidiano all’interno di una prigione di massima sicurezza.

“Una parte di me era felice perché è sempre lo stesso… (ma) mi ha anche ricordato la sua età”, ha detto. “Non si sa mai cosa succederà domani a quell’età.”

___

Segui la copertura dell’Asia-Pacifico di AP su https://apnews.com/hub/asia-pacific

Contenuto dell’articolo

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione vivace ma civile e incoraggia tutti i lettori a condividere le loro opinioni sui nostri articoli. I commenti potrebbero richiedere fino a un’ora per la moderazione prima di essere visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche via email: ora riceverai un’email se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento in un thread di commenti che segui o se un utente che segui commenta. Consulta le nostre Linee guida della community per ulteriori informazioni e dettagli su come modificare le impostazioni e-mail.

Unisciti alla conversazione

Leave a Comment