Quest’isola della Malesia offre infinite storie e ispirazioni. Chiedi a Tan Twan Eng: NPR

Il palazzo Cheong Fatt Tze a George Town, Penang. L’autore Tan Twan Eng dice che c’è una storia dietro ogni porta della città.

Matthew Williams-Ellis/Universal Images Group tramite Getty Images


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Matthew Williams-Ellis/Universal Images Group tramite Getty Images

Il palazzo Cheong Fatt Tze a George Town, Penang. L’autore Tan Twan Eng dice che c’è una storia dietro ogni porta della città.

Matthew Williams-Ellis/Universal Images Group tramite Getty Images

L’ultimo romanzo di Tan Twan Eng, La Casa delle Porte, è un’epopea che cambia decennio e che approfondisce la tragedia, la dissonanza culturale e la perdita di memoria.

Chi è lui? Twan Eng è un pluripremiato romanziere malese noto per Il dono della pioggia E Il Giardino delle Nebbie Serali, e per aver ambientato le sue storie nel suo paese d’origine.

  • Il suo ultimo romanzo è stato selezionato per il Booker Prize 2023.

Cosa sta succedendo? L’ultimo romanzo di Twan Eng, La Casa delle Porteè un’esplorazione storica di storie che condividono tutte il rischio di essere dimenticate.

  • Al centro del romanzo c’è l’isola di Penang, situata al largo della costa occidentale della Malesia, che Twang Eng chiama casa per una parte dell’anno.
  • La trama ruota attorno ad alcuni eventi storici accaduti all’inizio del XX secolo.
  • Intreccia le storie del rivoluzionario cinese Sun Yat-sen in visita a Penang contemporaneamente allo scrittore britannico W. Somerset Maugham, e il processo contro una donna britannica sposata accusata di aver ucciso il suo amante.

Cosa sta dicendo? Twan Eng si è unito Tutte le cose considerate conduttore Ari Shapiro per discutere l’ispirazione dietro il romanzo e la cura che ha dedicato all’eredità della vita reale dei suoi personaggi.

Cosa vuol dire passeggiare per le strade di George Town, la città principale di Penang.

Sembra davvero di camminare a Penang 100 anni fa. Lì ci sono le vecchie botteghe. Hanno i nomi originali delle strade. Molti commercianti e artigiani lavorano ancora lì, portando avanti il ​​lavoro che facevano i loro nonni. Molti stand gastronomici e venditori ambulanti continuano ancora la tradizione iniziata dai nonni. Quindi c’è un senso di atemporalità quando cammini per le strade di Penang. E l’unico modo per assorbire e apprezzare davvero Penang è camminare lì.

E perché costituisce un’ambientazione così stimolante per una storia:

È così ricco di storie. Sai, se cammini per le strade della città, ogni casa dietro le porte, ti chiedi: quali sono le storie lì? Storie di amore, morte, delusioni, paure e speranze. Ci sono così tante storie. Ogni strada ha una storia meravigliosa. È davvero una ricca miniera per qualsiasi autore scrivere su Penang.

Sull’argomento condividono tutte le sue trame:

L’unica cosa che avevano in comune era che questi eventi vengono lentamente dimenticati dai lettori di oggi, soprattutto da quelli più giovani. Ad esempio, del processo per l’omicidio di Ethel Proudlock a Kuala Lumpur, avvenuto quasi 100 anni fa, oggi quasi nessuno ne sa molto. E anch’io ne sono venuto a conoscenza per la prima volta La lettera, Il racconto di Somerset Maugham.

Per ulteriori informazioni sui libri, ascolta Considera questo su come gli autori stanno lottando contro i divieti sui libri.

See also  Société Générale dimezzerà l’esposizione al petrolio e al gas entro il 2025

E stando attento alle eredità della vita reale dei suoi personaggi:

Sto molto attento a offendere i loro discendenti. Beh, sai, in un certo senso, non voglio rendere le persone infelici o creare molti malintesi. Voglio presentare il personaggio come autentico e accurato. Quindi non mi limiterò a evidenziare le parti negative. Ma cerco anche di creare una giusta rappresentazione del personaggio.

Così quello che ora?

  • Twan Eng spera che il fatto che la sua storia sia raccontata principalmente dal punto di vista britannico possa far luce su come le prospettive coloniali abbiano plasmato le motivazioni dei suoi personaggi.
  • “Vediamo come si sentivano, come si sentivano moralmente superiori al popolo su cui governavano in quel periodo. E quella era una delle armi che usavano per giustificare il loro potere, perché: ‘Siamo moralmente superiori.'”

Saperne di più:

Leave a Comment