Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche guadagnano, guidate dalla Cina dopo che Pechino ha allentato le riserve bancarie richieste

TOKYO (AP) – Le azioni asiatiche sono avanzate venerdì, con solidi guadagni per i mercati cinesi dopo che la banca centrale ha allentato i requisiti di riserva per le banche per incoraggiare maggiori prestiti e sostenere il rallentamento dell’economia.

L’Hang Seng di Hong Kong è salito dell’1,3% a 18.280,11 e l’indice Shanghai Composite è salito dello 0,4%, a 3.138,94.

Giovedì scorso, la Banca popolare cinese ha dichiarato che taglierà le riserve obbligatorie per le banche di 0,25 punti percentuali a partire da venerdì, “al fine di consolidare le basi per la ripresa economica e mantenere una liquidità ragionevole e sufficiente”.

Ad ulteriore stimolo del sentiment, il governo ha riferito venerdì che la produzione industriale cinese è aumentata del 4,5% ad agosto rispetto all’anno precedente, rispetto al 3,7% di luglio. Ciò è visto come un segnale che l’economia potrebbe uscire dal malessere post-pandemia.

Il benchmark giapponese Nikkei 225 è salito dell’1,0% a 33.511,91. L’indice S&P/ASX 200 australiano è balzato dell’1,7% a 7.311,30. Il Kospi della Corea del Sud ha guadagnato lo 0,6% a 2.588,38.

SoftBank Group Corp., che possedeva al 100% la società di progettazione di chip Arm Holdings prima del suo debutto sul Nasdaq giovedì, è salita del 2,9% nelle contrattazioni mattutine di Tokyo.

Azioni di braccio sono balzati del 24,7% al loro debutto sul Nasdaq. La forte accoglienza potrebbe essere un segnale incoraggiante per il mercato delle IPO, che ha rallentato da quando il mercato azionario ha iniziato a crollare all’inizio dello scorso anno a causa dei timori di tassi di interesse più elevati.

“L’ottimismo sull’IPO di Arm e le ulteriori misure di stimolo della Cina hanno rafforzato il sentiment nei mercati azionari asiatici”, ha affermato Tina Teng, analista di mercato presso CMC Markets APAC e Canada.

See also  Come guardare la partita di oggi tra Maryland Terrapins e Ohio State Buckeyes: opzioni di live streaming, ora di inizio e altro

A Wall Street, l’indice S&P 500 è salito dello 0,8% a 4.505,10, registrando la giornata migliore in due settimane. Il Dow Jones Industrial Average ha registrato un rally dell’1% a 34.907,11, e il Nasdaq composite ha guadagnato lo 0,8% a 13.926,05.

Alcuni dei movimenti più forti si sono verificati nel mercato obbligazionario, dove i rendimenti dei titoli del Tesoro hanno oscillato su e giù più volte. Sebbene i rapporti abbiano rafforzato le speranze che l’economia statunitense eviterà una profonda recessione, la forza alla base di essi potrebbe anche aumentare la pressione al rialzo sull’inflazione.

Un rapporto ha detto Gli acquirenti statunitensi hanno speso di più presso i rivenditori il mese scorso rispetto a quanto previsto dagli economisti. Ciò riflette un mercato del lavoro straordinariamente resiliente, che ha resistito a un forte balzo dei tassi di interesse. Lo dice un rapporto separato giovedì mattina la scorsa settimana hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione meno lavoratori del previstoil che implica che il numero di licenziamenti rimane basso.

Un terzo rapporto ha detto i prezzi pagati a livello all’ingrosso sono aumentati il mese scorso più di quanto previsto dagli economisti. Ciò potrebbe essere un segnale scoraggiante per le famiglie se l’inflazione superiore alle attese venisse trasmessa agli acquirenti a livello di consumo.

Per cercare di riportare l’inflazione al livello obiettivo del 2%, la Federal Reserve ha aumentato drasticamente i tassi di interesse dall’inizio dello scorso anno. La speranza di Wall Street è che un rallentamento dell’inflazione dalla scorsa estate significhi che la Fed ha finito con i suoi rialzi dei tassi, che rallentano l’economia e danneggiano i prezzi degli investimenti.

See also  Mercato azionario oggi: Wall Street avanza per estendere la sua serie di vittorie consecutive a 8 giorni mentre il petrolio scende di nuovo

I rendimenti dei titoli del Tesoro sono inizialmente aumentati in seguito ai rapporti di giovedì sui timori che avrebbero potuto spingere la Fed ad aumentare nuovamente i tassi o almeno a mantenerli più alti per un periodo più lungo. Ma gli economisti hanno sottolineato che gran parte dell’accelerazione del mese scorso dell’inflazione all’ingrosso è dovuta all’aumento dei prezzi del carburante, che può cambiare direzione in modo brusco e rapido.

Ignorando questi e altri prezzi particolarmente volatili, le tendenze dell’inflazione sottostante nel rapporto di giovedì erano più vicine alle aspettative degli economisti.

I trader hanno ridimensionato le aspettative che la Fed alzi nuovamente i tassi quest’anno, anche se scommettono ancora su una probabilità di circa il 40%, secondo i dati del CME Group.

Le speranze che la Fed riesca ad alzare i tassi potrebbero essere eccessive, ha avvertito Mike Loewengart, responsabile della costruzione del portafoglio modello presso il Morgan Stanley Global Investment Office.

“È probabile che la Fed rimanga in attesa la prossima settimana, ma se l’economia continua a sorprendere al rialzo, tutte le scommesse sono perdute su cosa faranno dopo gli ultimi due incontri politici dell’anno”, ha detto.

Nel commercio energetico, il greggio americano di riferimento è salito di 57 centesimi a 90,73 dollari al barile. Il greggio è in rialzo da mesi mentre i paesi produttori di petrolio cercano di sostenere il suo prezzo riducendo le loro forniture. Il greggio Brent, lo standard internazionale, ha guadagnato 48 centesimi a 94,18 dollari al barile.

Nel commercio valutario, il dollaro USA è salito a 147,46 yen giapponesi da 147,42 yen. L’euro è costato 1,0642 dollari, poco cambiato da 1,0645 dollari.

See also  Consigli per risolvere i conflitti da parte dei pacificatori del mondo reale: colpi

___

Ha contribuito Stan Choe, scrittore di AP Business.

Leave a Comment