la banca retrofit deve affrontare i costi futuri di retribuzione e capitale

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Incontra la nuova Goldman Sachs. Dovrebbe assomigliare alla vecchia Goldman Sachs. Esisteranno alcune differenze notevoli. Ma gli investitori dovrebbero chiedersi quanto può essere redditizio il Goldman retrò.

Martedì Goldman ha riportato i risultati del terzo trimestre. Questi sono stati confusi da oneri aggiuntivi dovuti alla sua uscita dal credito al consumo insieme a quelli derivanti dalla continua epurazione di alcuni investimenti ad alto contenuto di capitale. Il rendimento annualizzato del capitale proprio dichiarato da Goldman per il trimestre è stato pari solo al 7,1%.

Ma escludendo queste spese una tantum, ha affermato la banca, il suo RoE avrebbe raggiunto il 10%. Inoltre, le sue due attività principali, i titoli istituzionali e la gestione del denaro, dovrebbero alla fine generare RoE “mid-teens” “attraverso il ciclo”.

La credibilità di tale promessa sarà messa alla prova nell’ambito di questo nuovo e semplificato modello Goldman. Un analista ha giustamente chiesto all’amministratore delegato David Solomon perché il rapporto retribuzione (rispetto al reddito) dell’azienda fosse aumentato mentre i ricavi complessivi erano aumentati. L’azienda mira a un rapporto di efficienza – con tutte le spese operative – del 60%, che sembra ambizioso.

Solomon ha notato in modo intrigante che Goldman rimane un marchio di carriera “aspirazionale”. Ogni analista junior deve superare centinaia di altri candidati. Ma ha ammesso che il mercato del lavoro per i migliori talenti rimane ristretto, suggerendo che Goldman deve lottare duramente per mantenere le sue stelle.

Sembra strano dato che Goldman ha perso migliaia di posti di lavoro quest’anno. Inoltre, diversi dirigenti di punta e produttori di pioggia nelle sue attività principali sono partiti per pascoli più verdi.

See also  Dolci della UCO Bank: la UCO Bank ritira la circolare sulla distribuzione dei pacchetti di dolci ai mutuatari dell'NPA

Le attività di trading proprietario e di investment banking di Goldman negli anni ’90 e 2000 potevano regolarmente produrre rendimenti azionari superiori al 30%. I modesti requisiti patrimoniali regolamentari hanno consentito gran parte di tale redditività.

Tutto è cambiato dopo la crisi finanziaria. La tendenza verso una regolamentazione rafforzata dovrebbe culminare con le regole più severe di Basilea III. Le grandi banche avvertono che potrebbero dover aumentare il loro capitale azionario del 25%, il che ha portato ad una furiosa campagna di opposizione.

I rivali di Goldman, tra cui JPMorgan e Bank of America, continuano a trarre vantaggio dalle loro attività di credito al consumo dipendenti dai tassi di interesse. Goldman può solo sperare di posizionarsi per una ripresa delle IPO e delle attività di fusione. Gli azionisti sperano di evitare una stretta derivante dall’aumento delle retribuzioni dei banchieri e dall’aumento del capitale regolamentare quando gli affari finalmente riprenderanno.

Lex consiglia la newsletter Due Diligence del FT, un briefing curato sul mondo delle fusioni e acquisizioni. Clic Qui iscriversi.

Leave a Comment