La Cina annuncia sanzioni penali per il furto di asset digitali, compresi gli NFT

Il governo cinese ha dichiarato ufficialmente che il furto di collezioni digitali, compresi gli NFT, sarà trattato legalmente come furto di proprietà, il che significa un cambiamento significativo nell’approccio della nazione alla regolamentazione delle risorse digitali.

Il 10 novembre, il governo cinese ha rilasciato una dichiarazione significativa sullo status giuridico delle collezioni digitali, compresi i token non fungibili (NFT), all’interno della sua giurisdizione. Questo annuncio segna una posizione notevole sui diritti di proprietà digitale e sulla criminalità informatica in una nazione nota per il suo severo contesto normativo.

La dichiarazione delineava tre prospettive sulla classificazione del furto di collezioni digitali. Le prime due visualizzazioni lo classificano come furto di dati o furto di proprietà digitale. Tuttavia, è il terzo punto di vista, che tratta le collezioni digitali sia come dati che come proprietà virtuale, a rientrare nella “co-reato”.

“Il furto di collezioni digitali viola la legge sulla tutela e gli interessi del reato di acquisizione illegale di dati del sistema informativo informatico.”

Questo approccio sottolinea la natura multiforme del furto di risorse digitali, che comporta sia l’intrusione nei sistemi informatici sia il furto di proprietà virtuale.

Sottolineando la duplice natura di tale furto, il comunicato chiarisce che il furto di una collezione digitale comporta l’accesso illecito al sistema che la ospita, costituendo quindi una violazione delle norme a tutela dei dati dei sistemi informatici e dei diritti di proprietà.

Il governo cinese etichetta le collezioni digitali come “proprietà virtuale della rete”, affermando il loro riconoscimento come proprietà in un contesto di diritto penale. Questa classificazione è cruciale, poiché implica che le collezioni digitali possono essere oggetto di reati contro il patrimonio.

See also  La SEC statunitense intensifica la battaglia legale contro Binance e il CEO Zhao Di Investing.com

Gli NFT, una tecnologia in gran parte sviluppata all’estero, utilizzano la blockchain per creare risorse digitali uniche e non replicabili con caratteristiche di archiviazione sicure e permanenti. Nonostante il divieto cinese del 2021 sulla maggior parte delle attività legate alle criptovalute, i recenti sviluppi suggeriscono un approccio sfumato nei confronti degli asset digitali come gli NFT.

È interessante notare che ci sono stati indicatori di un crescente interesse per gli NFT in Cina. Ad esempio, il 25 ottobre Xianyu di Alibaba ha rimosso le restrizioni sui termini di ricerca “token non fungibili” e “risorse digitali”. Inoltre, il 6 ottobre, il quotidiano statale China Daily ha annunciato l’intenzione di sviluppare la propria piattaforma NFT, impegnando 2,813 milioni di yuan, o $ 390.000, per la sua progettazione e implementazione.

Seguici su Google News

Leave a Comment