La perdita postmedia si riduce nonostante il calo delle entrate

Contenuto dell’articolo

Postmedia Network Canada Corp. ha registrato una perdita netta più contenuta di 11 milioni di dollari nel quarto trimestre fiscale, nonostante un calo dei ricavi del 13,5%.

I ricavi per i tre mesi terminati il ​​31 agosto sono stati di 101,3 milioni di dollari, in calo rispetto ai 117 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. La società, che pubblica dozzine di giornali tra cui il Financial Post, il National Post e il Vancouver Sun, ha affermato che il calo è stato principalmente il risultato della diminuzione dei ricavi pubblicitari e di diffusione rispettivamente di 12,5 milioni di dollari e di 7,2 milioni di dollari. L’aumento del fatturato nel settore dei pacchi di Postmedia ha parzialmente compensato questo calo.

Contenuto dell’articolo

“Con la stragrande maggioranza delle entrate digitali che fluiscono verso piattaforme straniere, il settore dei media nazionali del Canada rimane sotto un’enorme pressione”, ha affermato il presidente e amministratore delegato di Postmedia Andrew MacLeod in un comunicato stampa che accompagna i risultati.

Storie correlate

Per l’intero anno fiscale 2023, Postmedia ha registrato ricavi per 448,5 milioni di dollari, con un calo del 2,1% rispetto al 2022. La sua perdita netta per l’intero anno è stata leggermente scesa a 72,6 milioni di dollari.

La società ha dichiarato di aver implementato un totale di 76 milioni di dollari di risparmi annualizzati per l’anno derivanti da riduzioni di costi quali licenziamenti, vendita di immobili e altre efficienze.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni mondiali crollano, i prezzi del petrolio si mescolano mentre gli investitori si preparano all’invasione di Gaza

Postmedia ha inoltre riscattato 22,6 milioni di dollari di debito di primo grado durante l’anno fiscale e ha riscattato altri 6,8 milioni di dollari dal 31 agosto, lasciandola con 17,7 milioni di dollari in sospeso, in calo rispetto ai 225 milioni iniziali emessi nell’ottobre 2016.

Aggiungi il nostro sito ai segnalibri e sostieni il nostro giornalismo: Non perdere le notizie economiche che devi sapere: aggiungi financialpost.com ai tuoi segnalibri e iscriviti qui alla nostra newsletter.

Condividi questo articolo sul tuo social network

Leave a Comment