La proposta del Rocket Pool innesca un brusio negativo

Una recente ondata di sentiment negativo nei confronti del protocollo di staking decentralizzato Rocket Pool (RPL) ha lasciato perplessi gli osservatori dei dati.

Secondo il fornitore di analisi crittografiche Santiment, RPL ha registrato un picco nelle menzioni il 6 novembre, raggiungendo la vetta della classifica dei trend con il 40% del tono negativo di quelle chiacchiere.

Il vetriolo è in netto contrasto con le prospettive soleggiate per Ethereum (ETH), che nello stesso giorno ha raccolto oltre il 54% di sentiment positivo e il 29% di negativo.

La proposta del Rocket Pool innesca un brusio negativo - 1
Il valore sociale di Rocket Pool | Fonte: Santimento

Cos’è Rocket Pool e perché tanto odio?

Rocket Pool mira ad aprire lo staking di Ethereum agli utenti che non dispongono dei 32 ETH necessari per eseguire un nodo di validazione solista. Utilizzando un sistema di staking tokenizzato chiamato rETH, gli utenti possono puntare con un minimo di 0,01 ETH e guadagnare premi di staking.

Il protocollo consente inoltre agli operatori dei nodi di guadagnare rendimenti più elevati rispetto al solo staking, prelevando una percentuale dei premi dai depositi degli utenti. Rocket Pool enfatizza la governance decentralizzata e le operazioni trustless in linea con i principi guida di Ethereum.

L’ultima controversia deriva dalla Proposta Rocket Pool 30 (RPIP-30), attualmente in fase di votazione da parte della comunità. RPIP-30 rivedrebbe i programmi di emissione RPL per allineare meglio gli incentivi. La modifica più controversa è un nuovo processo di ritiro in due fasi che blocca RPL per 28 giorni prima che possa essere rimosso dal protocollo.

Mentre i sostenitori sostengono che ciò scoraggerà gli attacchi alla governance, i critici ritengono che la mossa sia antitetica all’etica di Rocket Pool. I detrattori temono inoltre che il cambiamento possa intrappolare gli asset e arricchire i primi investitori a scapito dei nuovi arrivati.

See also  Sensex cade di 900 punti, precipita per il sesto giorno consecutivo; Ora sotto i 64.000

Jasper, sostenitore della comunità di Rocket Pool, ha spiegato che sostiene il cambiamento.

Lui ulteriormente citato ricercatori di Nethermind che sostengono che gli operatori dei nodi sono sensibili al tasso percentuale annuale (APR) di Rocket Pool, soprattutto quando la garanzia è fissata al 10%. Per questo motivo, i ricercatori hanno suggerito un TAEG del 15%.

Con la chiusura della votazione prevista per il 17 novembre, i prossimi giorni si riveleranno decisivi per Rocket Pool. Ma indipendentemente dall’esito, l’acceso dibattito evidenzia i crescenti problemi di governance che Ethereum deve affrontare nella sua graduale transizione alla proof-of-stake.

Seguici su Google News

Leave a Comment