Le banche inaspriscono gli standard sui prestiti alle imprese di tutte le dimensioni: la Fed

Breve immersione:

  • Le banche durante il terzo trimestre hanno inasprito gli standard di credito per tutti i tipi di prestiti e per aziende di tutte le dimensioni, prolungando una tendenza che ha preceduto le turbolenze nel sistema bancario a marzo, ha detto lunedì la Federal Reserve. La domanda di prestiti è diminuita.
  • Nei prestiti commerciali e industriali, “l’inasprimento è stato segnalato soprattutto per i premi applicati sui prestiti più rischiosi, gli spread dei tassi di prestito sul costo dei fondi e i costi delle linee di credito, mentre quote nette significative o moderate di banche hanno segnalato un inasprimento di tutte le altre condizioni sui prestiti C&I”. alle imprese di tutte le dimensioni”, la banca centrale Detto, descrivendo i risultati della sua trimestrale Sondaggio d’opinione sul funzionario senior dei prestiti.
  • Le banche, nel descrivere le ragioni per inasprire gli standard di prestito, hanno spesso citato prospettive economiche oscure, ridotta tolleranza al rischio, peggioramento della qualità del credito, preoccupazioni sui costi di finanziamento e calo del valore delle garanzie dei clienti, ha affermato la Fed. Le banche hanno inoltre espresso preoccupazione per i deflussi di depositi, gli spostamenti della loro liquidità e i rischi derivanti dalla legislazione, dalla vigilanza o dagli standard contabili.

Informazioni sull’immersione:

Le banche hanno inasprito gli standard di prestito poiché la Fed, a partire da marzo 2022, ha aumentato il tasso di interesse di riferimento da quasi zero a un intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,5% – un massimo in 22 anni – nel più rapido ritiro delle misure accomodanti in 40 anni.

I politici, con l’obiettivo di ridurre l’inflazione al loro obiettivo del 2%, la scorsa settimana hanno mantenuto invariato il tasso dei fondi federali, segnalando al contempo la possibilità di un ulteriore aumento dei tassi.

See also  ICICI Bank: l'Alta Corte di Delhi chiede la risposta di ICICI Bank alla richiesta di Religare Finvest di annullare l'ordinanza DRAT

“È giusto dire che la domanda che ci poniamo è: ‘Dovremmo aumentare di più?'”, ha detto il presidente della Fed Jerome Powell durante una conferenza stampa mercoledì. “Siamo molto concentrati nel raggiungere la certezza di aver raggiunto una posizione di politica monetaria sufficientemente restrittiva: questo è davvero il nostro obiettivo.”

In risposta alla politica monetaria aggressiva, le istituzioni finanziarie negli Stati Uniti e altrove lo stanno facendo difficilmente allenterà il credito presto, secondo Moody’s Investors Service.

“Le banche centrali manterranno i tassi più alti più a lungo per tenere sotto controllo l’inflazione core, che aumenterà gradualmente i costi di finanziamento, rallenterà le economie e scoprirà sacche di rischio”, ha detto Moody’s.

Alla fine di settembre, i funzionari della Fed prevedevano un ulteriore aumento di un quarto di punto percentuale del tasso di interesse principale quest’anno.

Da allora, il mercato obbligazionario ha rafforzato la lotta all’inflazione della Fed, con tIl rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è salito di circa 0,4 punti percentuali al 4,7%. Il rendimento è il punto di riferimento per le obbligazioni societarie, i mutui e altri finanziamenti.

Anche se quest’anno la pressione sui prezzi si è allentata, secondo Moody’s, “lo shock inflazionistico prima o poi raggiungerà i consumatori e le aziende; combinato con tassi più alti, ciò indebolirà la qualità degli asset e anche la liquidità si restringerà”.

Le autorità di regolamentazione statunitensi il prossimo anno probabilmente stringeranno le viti sulle società finanziarie, ha affermato Moody’s, sottolineando che le autorità di vigilanza bancaria nel 2023 hanno già annunciato proposte che richiedono alle banche di detenere miliardi di dollari in più di capitale per ridurre il rischio.

See also  Migliore udienza iniziale dei debitori inadempienti, dicono le banche commerciali alla RBI

“La regolamentazione del settore finanziario verrà inasprita nel 2024, spinta dalle tensioni in alcune parti del settore bancario all’inizio di quest’anno e dagli avvertimenti delle autorità di regolamentazione sui rischi nella finanza basata sul mercato”, ha affermato Moody’s.

In effetti, il Consiglio di vigilanza sulla stabilità finanziaria rischi segnalati negli immobili commerciali mercati dopo una riunione venerdì.

“Le condizioni nei mercati CRE rimangono difficili a seguito del calo dei prezzi CRE e dell’aumento del costo del finanziamento”, secondo il consiglio, che comprende i principali regolatori finanziari federali e statali.

Le banche hanno inasprito gli standard per tutte le categorie di prestiti CRE durante il terzo trimestre, segnalando una domanda più debole da parte dei mutuatari, ha detto lunedì la Fed.

Le banche con asset inferiori a 100 miliardi di dollari, nel descrivere le ragioni di una riduzione dei prestiti, “hanno citato più frequentemente le preoccupazioni relative ai deflussi di depositi, ai costi di finanziamento, al deterioramento o al desiderio di migliorare le loro posizioni di liquidità e preoccupazioni circa il calo del valore di mercato delle attività a reddito fisso”. ha detto la Fed.

La banca centrale ha intervistato 62 banche nazionali e 19 filiali e agenzie statunitensi di banche straniere tra il 25 settembre e il 5 ottobre.

Leave a Comment