Le difficoltà di Metro mostrano come le attuali regole bancarie possano distorcere la concorrenza

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Alcune conseguenze indesiderate possono richiedere decenni prima che si avvertano in tutta la loro forza. Così è stato per il pacchetto globale di riforme sul capitale bancario introdotto nel 2004.

Un’ondata è stata osservata nelle recenti tribolazioni della Metro Bank, banca britannica di medie dimensioni. La banca è stata fondata da Vernon Hill, un imprenditore noto per la sua abilità nello spettacolo al dettaglio nel corteggiare i depositanti, a volte con l’aiuto di un cane. È anche il fondatore della Commerce Bank, acquisita dalla Toronto-Dominion Bank nel 2007 per 8,5 miliardi di dollari, e della piccola Republic First Bancorp con sede a Filadelfia, che ha sofferto le proprie difficoltà finanziarie.

Metro ha fatto domanda cinque anni fa per passare a un regime di capitale avanzato introdotto nell’ambito del cosiddetto pacchetto di riforme bancarie globali di Basilea II. Il quadro ha consentito alle banche sofisticate di utilizzare i propri modelli per valutare la rischiosità dei prestiti, piuttosto che utilizzare i punteggi di rischio standardizzati del libro delle regole bancarie. Tali valutazioni del rischio hanno poi confluito nei requisiti patrimoniali delle banche.

L’idea era che le banche avrebbero gestito meglio il rischio se avessero dovuto considerare e capitalizzare le probabili perdite, piuttosto che utilizzare uno strumento brusco che incoraggiasse i prestiti più rischiosi applicando lo stesso trattamento a un prestito ad alto rischio come a uno sicuro.

Nel 2018, quando Metro ha iniziato ad applicare i modelli interni, l’approccio era già caduto in disgrazia presso le autorità di regolamentazione globali, dopo che la crisi finanziaria aveva dimostrato che i modelli sofisticati facevano ben poco per isolare le banche da perdite impreviste e rovinose.

See also  Regola di ridimensionamento n. 2: se la tua banca sta tagliando posti di lavoro, pensa prima di pubblicare

Ma Metro è stata comunque fortemente incentivata a persistere con la sua applicazione. Anche se il mondo normativo globale si è rivoltato contro i modelli interni, i maggiori concorrenti di Metro possono ancora utilizzarli per accantonare in media meno della metà del capitale per un mutuo per la casa identico a quello che dovrebbe fare la cosiddetta banca sfidante.

Ma le ruote si sono staccate a metà settembre quando Metro, dopo aver descritto come il passaggio ai modelli interni avrebbe accelerato la sua crescita, ha ammesso che la sua richiesta è stata ritardata indefinitamente e potrebbe non essere mai approvata. Le azioni della banca hanno perso più del 50% in tre settimane, costringendola ad un aumento di capitale di 325 milioni di sterline e ad un rifinanziamento del debito di 600 milioni di sterline lo scorso fine settimana.

I modelli interni non avrebbero mai dovuto distorcere la concorrenza come hanno fatto nel mercato ipotecario del Regno Unito. Ma l’esperienza di Metro suggerisce che questa situazione non scomparirà presto.

Un membro di Metro afferma che la banca è stata frustrata nei suoi sforzi dalle lunghe attese per un feedback da parte della Prudential Regulatory Authority del Regno Unito. Aggiunge che, anche se i suoi modelli alla fine verranno approvati, ci saranno così tanti buffer aggiuntivi che il beneficio sarà molto inferiore a quello originariamente previsto. In altre parole, anche nella migliore delle ipotesi, il divario con le grandi banche del Regno Unito rimarrà. Metro ha dichiarato pubblicamente lunedì che potrebbe mettere in pausa l’applicazione.

Probabilmente Metro ha dovuto affrontare ostacoli particolarmente elevati a causa di uno scandalo del 2019 in cui si è scoperto che aveva applicato punteggi di rischio errati ai prestiti, un errore che ha fatto ben poco per mettere la banca nelle grazie del PRA. Ma altre banche hanno avuto frustrazioni simili riguardo ai loro modelli. Un altro sfidante ha recentemente abbandonato in privato il suo tentativo pluriennale di passare ai modelli interni perché i costi superavano i probabili benefici. I dirigenti senior di altre banche affermano di aver speso più tempo e denaro per le approvazioni per il passaggio alle modalità interne di quanto ne abbiano speso per le licenze bancarie.

See also  Bowman: I nuovi requisiti patrimoniali minacciano la stabilità finanziaria

La riluttanza delle autorità di regolamentazione del Regno Unito ad approvare rapidamente le offerte degli sfidanti deriva in parte dalla preoccupazione che le banche più piccole e nuove non possano dimostrare di poter prevedere le perdite sui prestiti meglio dei modelli standardizzati sviluppati da esperti globali.

E la lamentela di alcuni regolatori più in generale è che i modelli vengono utilizzati principalmente come un modo per ridurre i requisiti patrimoniali delle banche, facendo riferimento a vari studi, incluso questo documento del 2014, che puntava al gioco da parte delle banche.

Il prossimo pacchetto di riforme patrimoniali globali, soprannominato Basilea 3.1 dagli inglesi e Basilea finale dagli americani, riduce il potenziale di ciò fissando “soglie” per quanto bassi possono scendere i requisiti patrimoniali nelle linee di business e nelle banche in generale, indipendentemente da quale sia la situazione. dice il modello.

Gli Stati Uniti sono andati oltre, proponendo di vietare anche alle banche più grandi di utilizzare modelli interni per calcolare il rischio dei loro prestiti a partire dalla metà del 2025. Alcuni negli ambienti normativi si stanno tranquillamente chiedendo se il Regno Unito dovrebbe seguire l’esempio se vuole davvero promuovere la concorrenza nel settore bancario al dettaglio – il mandato secondario di lunga data della PRA.

Dopotutto, ci sono due modi per risolvere il problema della competitività che ha costretto gli sfidanti a intraprendere processi costosi e solitamente infruttuosi: abbassare il livello per tutti o alzarlo. A seguito delle recenti crisi bancarie, l’interesse per le prime non è elevato.

laura.noonan@ft.com

Leave a Comment