La banca comunitaria dell’Iowa diventa la quinta a fallire quest’anno

La Citizens Bank di Sac City, Iowa, ha fallito venerdì dopo che gli esaminatori “hanno identificato perdite significative sui prestiti che non erano state precedentemente identificate dalla banca”, ha annunciato la Divisione bancaria dell’Iowa.

Il crollo della banca da 66 milioni di dollari segna il quinto fallimento bancario quest’anno e deriva dai prestiti concessi all’industria degli autotrasporti commerciali, ha detto al Des Moines Register il sovrintendente bancario dell’Iowa Jeff Plagge.

Venerdì i regolatori statali hanno affermato che la banca aveva “una concentrazione di prestiti fuori dal territorio e fuori dallo stato verso un settore e ha subito pesanti perdite su alcuni di questi prestiti”.

Il Register ha riferito che la Federal Deposit Insurance Corp. in agosto ha ordinato alla banca di conferire a un consulente indipendente “piena autorità e discrezione per amministrare e servire il portafoglio prestiti della banca per autotrasporti commerciali”.

Venerdì la banca è entrata in amministrazione controllata dalla FDIC ed è stata poi acquistata per intero dalla Iowa Trust & Savings Bank, senza alcuna perdita per i depositanti.

Curt Hoff, professore di finanza alla Iowa State University, ha detto al Register che i rendiconti finanziari dei cittadini mostrano che circa la metà dei 59 milioni di dollari in depositi della banca superavano i 250.000 dollari e quindi non erano assicurati.

“Voglio dire che solo circa il 20-30% delle banche in Iowa hanno così tanti depositi non assicurati”, ha detto al Register.

I depositi non assicurati presso la Silicon Valley Bank e la First Republic Bank fanno impallidire quelli presso la Citizens. Le banche, i cui crolli hanno accelerato la crisi bancaria a marzo, avevano rispettivamente l’85% e il 64% dei depositi non assicurati.

See also  Polizze sulla vita di credito: Nuova storia di copertina: probabile limite massimo delle commissioni del 30% nelle polizze sulla vita di credito

Fondata nel 1929, la banca dell’Iowa è la più vecchia a fallire quest’anno. La seconda più grande, SVB, è stata fondata nel 1983.

Il partner del gruppo Klaros, Brian Graham, ha dichiarato a Banking Dive che il fallimento di Citizens è stato un “fallimento bancario vecchio stile derivante da perdite dovute a cattivi crediti sui prestiti”.

“Questo è diverso dai casi della primavera, come SVB e FRB, dove le banche fallirono nonostante avessero un credito intatto a causa di perdite non realizzate su obbligazioni a tasso fisso e prestiti derivanti da una cattiva gestione del rischio di tasso di interesse”, ha detto.

Il tema comune di questi fallimenti, ha affermato il direttore di Klaros Vince Curotto, “è il rischio significativo che le banche si assumono diventando eccessivamente concentrate e dipendenti da un unico settore bancario”.

Ciò che per SVB era l’industria tecnologica sostenuta da venture capital, per i cittadini era l’autotrasporto.

Le due filiali dei cittadini hanno riaperto lunedì sotto l’insegna Iowa Trust & Savings, ha affermato la FDIC.

Leave a Comment