Le etichette di avvertenza in stile sigaretta potrebbero ridurre il consumo di carne?

Le immagini grafiche che avvertono dei pericoli del fumo hanno avuto un impatto nel persuadere i fumatori a smettere, ma lo stesso potrebbe funzionare per la carne?

ANNUNCIO

Sono presenti avvertenze sanitarie sui pacchetti di sigarette, comprese immagini grafiche di organi malati ha avuto un impatto sulla riduzione del numero dei fumatori nel mondo e sull’aumento della comprensione da parte delle persone dei rischi per la salute che ne derivano.

Ora i ricercatori suggeriscono che l’uso dello stesso stile di etichette di avvertenza potrebbe ridurre il consumo di carne delle persone. Il Parlamento Europeo, insieme a molti governi, stanno sostenendo una riduzione della quantità di carne consumata dai cittadini.

Mangiare troppa carne è associato a problemi di salute come l’aumento del rischio di alcuni tipi di cancro, e l’industria della carne contribuisce in grande misura al cambiamento climatico e alle emissioni di gas serra.

Uno studio condotto da un team dell’Università di Durham nel Regno Unito ha scoperto che l’uso di etichette di avvertenza, simili a quelle sui pacchetti di sigarette, potrebbe avere un impatto sulla riduzione del consumo di carne.

Pubblicando i loro risultati sulla rivista accademica Appetite, i ricercatori hanno testato una serie di etichette di avvertenza sui prodotti alimentari contenenti carne. Le etichette includevano un’immagine grafica accanto al testo, con qualche avvertimento sui danni al clima, alla salute e anche sul rischio di pandemie.

Un campione di 1.001 adulti che mangiano carne sono stati divisi in quattro gruppi e sono state mostrate immagini di pasti caldi che potresti acquistare in una mensa, come pasta al forno di carne, pasta al forno di pesce, pasta al forno di verdure o pasta al forno vegana. Avevano un’etichetta di avvertenza sanitaria, un’etichetta di avvertenza climatica, un’etichetta di avvertenza pandemica o nessuna etichetta.

See also  La Russia disprezza l’ultima serie di sanzioni statunitensi sulla guerra in Ucraina

È stato quindi chiesto loro di prendere 20 decisioni su diverse scelte di pasti, rispondendo a domande su quanto provocassero ansia e quanto credibili fossero le etichette.

I ricercatori hanno anche misurato le intenzioni future di acquistare e consumare i pasti, nonché quanto fossero attraenti i pasti.

Hanno scoperto che tutte le etichette erano efficaci nel scoraggiare le persone dallo scegliere la carne nei loro pasti.

“Raggiungere lo zero netto è una priorità per la nazione e il pianeta. Poiché è già stato dimostrato che le etichette di avvertenza riducono il fumo e il consumo di bevande zuccherate e alcolici, l’utilizzo di un’etichetta di avvertenza sui prodotti contenenti carne potrebbe aiutarci a raggiungere questo obiettivo se introdotta come politica nazionale”, ha affermato Jack Hughes, che ha condotto lo studio. come parte della sua ricerca di dottorato presso il dipartimento di psicologia dell’Università di Durham.

Le etichette hanno ridotto la selezione della carne dal 7 al 10% e i partecipanti sono risultati più favorevoli a quelli di allarme climatico, che hanno trovato più credibili.

Secondo un recente sondaggio di YouGov, il 72% della popolazione del Regno Unito si classifica come mangiatore di carne. Il Regno Unito ha fissato l’obiettivo di ridurre il consumo di carne del 30% entro il 2032 come parte della sua strategia alimentare nazionale.

L’autrice senior dello studio, la dott.ssa Milica Vasiljevic del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Durham, ha dichiarato: “Sappiamo già che mangiare molta carne, soprattutto rossa e lavorata, fa male alla salute e contribuisce alla morte per inquinamento e cambiamenti climatici. . Aggiungere etichette di avvertenza ai prodotti a base di carne potrebbe essere un modo per ridurre questi rischi per la salute e l’ambiente”.

See also  Joe Biden arriva in Israele mentre si diffonde la rabbia per l’esplosione dell’ospedale di Gaza

Leave a Comment