L’Egitto consente le prime uscite da Gaza

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La televisione egiziana ha trasmesso immagini di persone che lasciano Gaza dopo un accordo per consentire ai feriti critici di uscire dall’enclave per la prima volta dall’inizio della guerra israeliana di Hamas tre settimane fa.

Le immagini televisive degli sfollati feriti che lasciano il lato palestinese del valico di frontiera di Rafah in ambulanza sono state trasmesse mercoledì mattina al termine dei negoziati che hanno coinvolto Egitto, Israele e Hamas. Non era immediatamente chiaro quanto velocemente avrebbero potuto passare in Egitto.

I diplomatici speravano anche che alcuni dei 6.000 cittadini stranieri intrappolati nella fascia costiera assediata sarebbero riusciti a partire attraverso il valico di Rafah tra Egitto e Gaza.

Il ministro degli Esteri britannico James Cleverly ha dichiarato sui social media che il valico di Rafah “probabilmente verrà aperto oggi per un primo gruppo di cittadini stranieri”.

L’accordo è stato mediato dal Qatar, un alleato occidentale che ospita l’ufficio politico di Hamas, secondo una persona informata dei colloqui.

Ashraf al-Qudra, portavoce del ministero della Sanità di Gaza, ha detto all’emittente statale egiziana al-Qahera News che è stato raggiunto un accordo affinché 81 feriti lascino Gaza per essere curati all’esterno, ma che “centinaia di migliaia. . . devo uscire.”

Ha aggiunto che il ministero sta cercando di inviare in Egitto pazienti che “sono casi pericolosi o complessi per i quali non esiste trattamento a Gaza e che possono essere trasportati”.

Wael Abo Omer, portavoce del valico di Rafah sul lato di Gaza, ha detto che mercoledì sarà aperto “perché un certo numero di feriti possano partire per continuare le cure negli ospedali egiziani”.

See also  L'esperto di finanza rivela come la tendenza virale del cash stuffing può aiutarti a rispettare un budget

Tre persone che hanno familiarità con la situazione hanno detto che i diplomatici stavano discutendo un piano per consentire a 500 cittadini stranieri di lasciare Gaza mercoledì e a 1.000 il giorno successivo, ma hanno avvertito che la situazione potrebbe cambiare.

Un portavoce del Dipartimento australiano degli affari esteri e del commercio ha detto che stava “comunicando con tutte le persone registrate presso di noi a Gaza sulle opzioni di partenza, anche per renderli consapevoli della possibilità dell’apertura del confine di Rafah il 1° novembre”.

I funzionari consolari al Cairo sono pronti a fornire sostegno agli australiani e ai loro familiari che entrano in Egitto, ha detto il portavoce.

I governi stranieri hanno lavorato con l’Egitto per garantire un passaggio sicuro da Gaza ai cittadini stranieri e ai palestinesi con doppia cittadinanza attraverso Rafah fin da quando Israele ha lanciato il bombardamento della striscia controllata da Hamas più di tre settimane fa in seguito all’attacco di Hamas contro Israele, che uccise più di 1.400 persone, secondo i funzionari israeliani.

Secondo funzionari palestinesi, i bombardamenti israeliani hanno ucciso più di 8.500 persone a Gaza e ne hanno ferite più di 21.500. Israele ha anche severamente limitato le forniture di elettricità, acqua, carburante e cibo a Gaza, spingendo i funzionari delle Nazioni Unite ad avvertire di una catastrofe umana nell’enclave.

Mercoledì mattina anche i servizi telefonici e internet a Gaza sono stati interrotti, con la società di telecomunicazioni Paltel che ha segnalato una “completa interruzione” dei servizi nell’enclave per la seconda volta dall’inizio della guerra.

Martedì, la Bolivia ha interrotto le relazioni diplomatiche con Israele e Cile e Colombia hanno richiamato i loro ambasciatori, dopo che un attacco israeliano al campo profughi di Jabalia ha ucciso dozzine di persone. Israele ha affermato che l’attacco aveva preso di mira un comandante di Hamas.

See also  Il ministero della Sanità gestito da Hamas pubblica un video all'interno dell'ospedale Al-Shifa mentre le forze israeliane circondano il nord di Gaza

Il segretario di stato americano Antony Blinken ha detto martedì che trovare un modo per aiutare i 500-600 cittadini americani intrappolati a Gaza ad andarsene è una priorità assoluta che continua ad essere soffocata da Hamas.

“Questo è qualcosa su cui lavoriamo ogni singolo giorno”, ha detto Blinken mentre testimoniava in un’audizione al Senato degli Stati Uniti a sostegno della richiesta di bilancio supplementare di 105 miliardi di dollari da parte del presidente Joe Biden per Israele e Ucraina. “Finora l’ostacolo è stato Hamas”.

I soccorritori cercano i sopravvissuti dopo l'attacco aereo israeliano a Jabalia, a Gaza

Itayi Viriri, portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, ha dichiarato al Financial Times che diversi Stati membri hanno contattato l’agenzia delle Nazioni Unite “chiedendo sostegno nell’evacuazione di centinaia di cittadini stranieri da Gaza”.

Reporting aggiuntivo di Nic Fildes a Sydney

Leave a Comment