L’ex capo della FCA avverte dei rischi per gli investitori derivanti dal piano britannico di regolamentare le criptovalute

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’ex capo dell’autorità di regolamentazione finanziaria del Regno Unito ha attaccato i piani del governo per la supervisione dell’industria delle criptovalute, avvertendo che gli investitori rischierebbero di essere danneggiati se le criptovalute fossero etichettate come investimenti regolari.

Charles Randell, che ha lasciato la presidenza della Financial Conduct Authority lo scorso anno, ha affermato che l’approccio del governo porterebbe “la speculazione sulle criptovalute al dettaglio stabilmente nel mainstream” anche se la frode “è una caratteristica, non un bug” di gran parte del settore.

I suoi commenti sono arrivati ​​dopo che il governo ha svelato all’inizio di questa settimana i piani per regolamentare il settore delle criptovalute in modo simile agli investimenti finanziari tradizionali che richiederebbero che tutte le società crittografiche siano autorizzate dalla FCA.

Il settore “dovrebbe seguire gli standard attesi da attività simili di servizi finanziari esistenti, commisurati ai rischi che comportano”. La mossa aumenterebbe la protezione degli investitori, ha aggiunto.

Le richieste di regolamentazione delle criptovalute sono aumentate nell’ultimo anno, dopo che il crollo dell’exchange FTX ha portato a perdite per migliaia di investitori ordinari.

Ma Randell ha affermato che, secondo i piani, le criptovalute “sarebbero contrassegnate come un ‘investimento’; offerti sui mercati del Regno Unito sulla base di un documento che sarà ingannevolmente simile a un prospetto azionario, ma senza molte delle stesse regole”.

Il governo non è riuscito a “quantificare i danni ai consumatori che potrebbero derivare dal mantenere le criptovalute come investimento regolamentato”, ha aggiunto.

See also  RBI in vista della scadenza dello scambio

Il Tesoro ha citato il sostegno alla maggior parte delle sue proposte da parte della “grande maggioranza degli intervistati” in una consultazione all’inizio di quest’anno. Ma Randell, che ora è consulente presso lo studio legale Slaughter and May e commissario presso la Financial Inclusion Commission, ha affermato che il documento si basava “sul vecchio gioco dei numeri. . . quando la maggior parte degli intervistati è pronta a guadagnare promuovendo le criptovalute”.

Ha scritto su LinkedIn: “[The government] afferma che consentire questa “tecnologia” nello spazio commerciale porterà “benefici” non quantificati, tra cui posti di lavoro e tasse. Non vi è alcun tentativo di quantificare i danni per i consumatori che potrebbero derivare dal mantenere le criptovalute come investimento regolamentato.”

I ministri vogliono posizionare il Regno Unito come un “hub crittografico” globale. Il loro entusiasmo per un settore che ha visto crollare diverse aziende di alto profilo, con conseguenti ingenti perdite per gli investitori ordinari e istituzionali, ha portato allo scontro con la FCA.

Randall, che ha parlato delle pressioni che ha subito da parte dei ministri quando era alla FCA riguardo al suo approccio al settore delle criptovalute, ha detto che si aspetta che l’interferenza politica continui. Di conseguenza, ha valutato “basse” le possibilità della FCA di implementare qualsiasi nuova regolamentazione sulle criptovalute.

Ha detto: “Se tenta di far rispettare i requisiti che il ministro ha approvato, può, sulla base della recente esperienza, aspettarsi una lettera dal ministro che gli chiede di non farlo”.

Il mese scorso, il ministro della città Andrew Griffith ha esortato l’ente regolatore ad adottare un approccio più morbido nei confronti delle nuove regole sulla pubblicità delle criptovalute, esortando l’agenzia a esercitare “tolleranza”.

See also  Blockaid ottiene 33 milioni di dollari in finanziamenti di serie A per la sicurezza crittografica

Il governo, che ha dichiarato di voler presentare una legislazione per attuare le nuove regole sulle criptovalute all’inizio del 2024, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Leave a Comment