Lo scrittore norvegese Jon Fosse vince il Premio Nobel per la letteratura 2023: NPR

Una foto d’archivio di una medaglia Nobel esposta durante una cerimonia a New York nel 2020.

Angela Weiss/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Angela Weiss/AP


Una foto d’archivio di una medaglia Nobel esposta durante una cerimonia a New York nel 2020.

Angela Weiss/AP

Jon Fosse ha vinto il Premio Nobel per la letteratura 2023, “per le sue opere teatrali e la prosa innovative che danno voce all’indicibile”.

Il drammaturgo 64enne non è molto conosciuto al di fuori del suo paese d’origine, la Norvegia, dove è nato sulla costa occidentale nella città di Haugesund. Ma l’autore è celebrato a livello internazionale nei circoli letterari ed è stato definito “il drammaturgo vivente più prodotto”. Ha vinto prestigiosi premi europei ed è stato a lungo sovvenzionato interamente dal governo norvegese, con uno stipendio a vita e una residenza vicino al Palazzo Reale di Oslo. Nel 2007 è stato nominato Cavaliere dell’Ordine Nazionale al Merito francese.

Nella sua citazione, il comitato per il Nobel ha scritto: “La sua immensa opera, scritta in norvegese Nynorsk e che abbraccia una varietà di generi, consiste in una ricchezza di opere teatrali, romanzi, raccolte di poesie, saggi, libri per bambini e traduzioni. Mentre oggi è uno dei drammaturghi più rappresentati al mondo, è diventato sempre più riconosciuto anche per la sua prosa.”

L’autore è stato spesso definito “il nuovo Henrik Ibsen” e Mats Malm, segretario permanente dell’Accademia svedese, ha evocato Samuel Beckett mentre discuteva del “lavoro artistico sulla scia del modernismo” di Fosse durante il suo annuncio. Ma Damion Searls ha fatto un paragone diverso in un saggio del 2015 La Rassegna di Parigi.

“Pensa ai quattro statisti più anziani delle lettere norvegesi come a un po’ come i Beatles”, ha scritto. “Per Petterson è il solido, sempre affidabile Ringo; Dag Solstad è John, lo sperimentatore, l’uomo delle idee; Karl Ove Knausgaard è Paul, quello carino; e Fosse è George, quello tranquillo, mistico, spirituale, probabilmente il miglior artigiano di tutti loro.”

See also  La Moldavia vota alle elezioni locali mentre le autorità accusano la Russia di ingerenza

Il drammaturgo iniziò come romanziere e non si fece strada come scrittore teatrale fino all’età di quarant’anni. Og aldri skal vi skiljast (E non ci separeremo mai)

Il Comitato per il Nobel è stato criticato per la sua attenzione agli scrittori europei e anglosassoni; solo cinque scrittori di colore hanno ricevuto il premio negli ultimi vent’anni. Il premio dell’anno scorso è andato alla scrittrice francese Annie Ernaux, ora 83enne.

Leave a Comment