Una tripla opportunità potrebbe trasformare le fortune dell’America Latina, dice il capo della banca

Ricevi aggiornamenti gratuiti sull’economia delle Americhe

Il capo della più grande banca di sviluppo dell’America Latina ha invitato i leader a trasformare le fortune economiche della regione cogliendo le opportunità per esportare energia verde, cibo e minerali essenziali.

Ilan Goldfajn, presidente della Banca interamericana di sviluppo, prevede di aumentare i prestiti di altri 20 miliardi di dollari nel prossimo decennio. Ritiene che ciò aiuterebbe la regione a trarre vantaggio dal passaggio all’energia pulita e da una mossa per avvicinare la produzione al mercato statunitense, e rispondere alle richieste dei cittadini per una migliore salute, istruzione e infrastrutture digitali.

“Questo è un punto di svolta”, ha detto Goldfajn al Financial Times in un’intervista durante una visita a Londra. “Questa non è solo una narrazione, c’è effettivamente un’opportunità da cogliere. . . parteciperemo a tutto ciò che possiamo fare in termini di energie rinnovabili, energia pulita, minerali puliti e cose del genere”.

Con due terzi delle riserve mondiali di litio e il 38% di rame, l’America Latina potrebbe svolgere un ruolo considerevole nel fornire al mondo le materie prime necessarie per passare ai veicoli elettrici e alle energie rinnovabili, ritiene Goldfajn.

Al momento, la Cina domina il mercato di molte delle terre rare e dei minerali essenziali per il processo, sollevando preoccupazioni tra le nazioni occidentali sulla sicurezza energetica.

L’America Latina ha anche una posizione di leadership nelle esportazioni alimentari globali, rendendola potenzialmente parte della soluzione ad alcune delle sfide più urgenti del mondo, ha affermato il presidente dell’IDB. Le esportazioni di cereali sono state duramente colpite dall’invasione russa dell’Ucraina.

See also  Il sindacato degli scrittori ratifica il contratto con gli studios di Hollywood: NPR

Tuttavia, Goldfajn ha anche avvertito che i governi della regione devono investire in una migliore istruzione, aumentare la produttività e garantire un clima stabile per gli investimenti per trarre pieno profitto.

Affinché la regione possa sfruttare la sua abbondante ed economica energia solare ed eolica per esportare idrogeno verde, Goldfajn ha affermato: “Devi organizzarti, devi pianificare, devi portare le risorse, devi avere lo stato di diritto, devi avere avere una regolamentazione”. Il Cile è stato un pioniere in questo ambito, con entusiasmo anche da parte del nuovo governo di sinistra del Brasile.

Goldfajn, ex capo della banca centrale brasiliana che ha lavorato anche presso Credit Suisse e ha diretto la divisione per l’emisfero occidentale del FMI, ha affermato che darà priorità ai risultati rispetto agli importi prestati.

Parlando di un ipotetico progetto di digitalizzazione da 500 milioni di dollari ha detto: “Lo approvi e lo sborsi e quando hai sborsato tutto sono tutti contenti. Ma ora vogliamo chiederci: ‘Dimmi quanti, poi come li misurerai, come eseguiremo il follow-up?’ Questa sarà la nostra misura di efficacia”.

Goldfajn ha anche sostenuto un maggiore coordinamento con altre banche multilaterali di sviluppo.

Alla fine di agosto l’IDB ha firmato una partnership quadriennale con la Banca Mondiale per collaborare nella lotta alla deforestazione amazzonica, aiutare i Caraibi a gestire i disastri climatici e migliorare l’accesso a Internet per le popolazioni più povere dell’America Latina.

“L’accordo con la Banca Mondiale è una svolta”, ha detto Goldfajn. “È il primo accordo in cui non firmiamo semplicemente una lettera di intenzioni dicendo ‘diventiamo amici’. In realtà abbiamo gruppi di lavoro e abbiamo firmato solo quando sono arrivati ​​con piani d’azione”.

See also  WeWork pratiche per fallimento: i resoconti

L’IDB sta discutendo patti di cooperazione simili con la banca di sviluppo dell’America Latina CAF e con il FMI, ma firmerà accordi solo una volta concordati risultati chiari, ha aggiunto.

Goldfajn è arrivato all’IDB in mezzo al tumulto dopo che il suo predecessore americano, Mauricio Claver-Carone, nominato da Trump, è stato licenziato lo scorso settembre. Da un’indagine esterna è emerso che l’ex lobbista cubano-americano aveva avuto una relazione intima non rivelata con un subordinato al quale aveva concesso due cospicui aumenti di stipendio. Claver-Carone aveva negato le accuse.

Goldfajn è stato eletto presidente lo scorso novembre con il sostegno degli Stati Uniti e quest’anno si è mosso rapidamente per mobilitare il personale dietro una nuova visione per la banca con sede a Washington.

Il suo team sta lavorando su una proposta formale ai 48 paesi azionisti per un aumento di capitale per il braccio di prestito del settore privato della IDB. È probabile che si aggiri tra i 3 e i 5 miliardi di dollari, anche se Goldfajn non ha confermato un importo specifico.

Tale proposta sarà avanzata alla prossima riunione annuale della banca nel marzo 2024, insieme a una nuova strategia settennale per l’IDB. Ciò concentrerà la banca sull’aiutare l’America Latina e i Caraibi ad adottare energia pulita e ad affrontare quelle che Goldfajn definisce le tre sfide della regione: governi a corto di soldi, popolazioni che premono duramente per migliori servizi pubblici e bassa crescita della regione.

Nuovi strumenti finanziari potrebbero aiutare. Questi potrebbero includere prestiti alle nazioni dei Caraibi che consentono la sospensione dei pagamenti in caso di disastro climatico, o prestiti verdi pionieristici come un bond sovrano dell’Uruguay da 1,5 miliardi di dollari lo scorso anno. L’IDB ha fornito assistenza tecnica sulla progettazione dello strumento, il cui tasso di interesse si riduce se vengono raggiunti gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra.

See also  Mercato azionario oggi: le azioni asiatiche seguono i guadagni di Wall Street in vista della decisione della Fed sui tassi di interesse

“Tutta la regione ha problemi con il cambiamento climatico”, ha detto Goldfajn. “Quindi c’è un’opportunità che la regione può cogliere, ovvero essere quella che investe nell’energia pulita, cambiando la situazione [energy] matrice, esportarne una parte.”

Ad esempio, cita un prestito IDB da 400 milioni di dollari concesso a giugno per aiutare il Cile a utilizzare la sua elettricità rinnovabile, economica e abbondante, per costruire un’industria di esportazione di idrogeno verde. “L’idrogeno verde è in forte espansione perché c’è molta domanda proveniente dall’Europa”, ha detto Goldfajn. “E questa è una regione che può produrlo in modo più pulito. . . Dobbiamo cogliere l’occasione”.

Leave a Comment