L’IPO di Instacart aumenta mentre la società di consegna di generi alimentari passa dal supermercato al mercato azionario

Instacart ha fatto il suo debutto in borsa.

Le azioni della società di consegna di generi alimentari sono aumentate di circa il 30% poco dopo aver iniziato le negoziazioni martedì sulla borsa Nasdaq con il simbolo “CART”.

Presso la sede centrale di Instacart a San Francisco, CEO Fidji Simo e altri dirigenti hanno celebrato l’IPO suonando una campana a forma di logo della carota dell’azienda. Hanno partecipato circa 1.000 dipendenti, ha affermato la società.

L’IPO è un passo tanto atteso per Instacart, fondata nel 2012. La società ha presentato istanza privata di IPO nel maggio 2022, ma ha ritardato tali piani lo scorso autunno quando i mercati erano in subbuglio a causa dei timori di recessione. Secondo Renaissance Capital, lo scorso anno ci sono state solo 71 IPO negli Stati Uniti, il numero più basso dal 2009.

Un logo Instacart e una pagina web Instacart sono mostrati in questa foto, a New York, mercoledì 6 settembre 2023. (AP Photo/Richard Drew)

Ma un mercato in ripresa sta vedendo più attività IPO quest’anno. La settimana scorsa, le azioni del produttore britannico di chip Arm Holdings è aumentato di quasi il 25% al loro debutto in borsa sul Nasdaq, la più grande IPO in quasi due anni.

Joe Endoso, presidente di Linqto, una piattaforma di investimento, ha affermato che una quotazione di successo da parte di Instacart potrebbe spingere altri __ soprattutto le società tecnologiche __ a prendere in considerazione le IPO nei prossimi mesi.

“I mercati finanziari globali sono pieni di ottimismo per una potenziale ripresa del mercato delle IPO”, ha affermato.

Instacart ha raccolto 660 milioni di dollari nella sua offerta pubblica iniziale, vendendo 22 milioni di azioni a $ 30 ciascuno. Il prezzo dell’IPO ha dato a Instacart un valore di mercato di circa 10 miliardi di dollari, significativamente inferiore al valore di 39 miliardi di dollari investito dopo un round di raccolta fondi nel 2021.

See also  Il Picture Show: NPR

Instacart fornisce consegna e ritiro dall’85% dei negozi di alimentari statunitensi, ovvero da più di 80.000 negozi, utilizzando una rete di 600.000 acquirenti freelance. Fornisce inoltre tecnologie in-store, come carrelli intelligenti ed etichette elettroniche per scaffali, e vende annunci pubblicitari online ad aziende alimentari e rivenditori.

Dice di avere 7,7 milioni di clienti attivi che spendono circa 317 dollari al mese sulla piattaforma.

In una lettera agli investitori all’inizio di questo mese, si afferma che la consegna di generi alimentari ha un enorme potenziale. Il mercato alimentare statunitense vale 1,1 dollari. trilioni di miliardi di dollari, ma solo il 12% delle vendite viene effettuato online. Ha detto che si aspetta che almeno raddoppierà nel tempo.

“Abbiamo dimostrato la nostra capacità di aiutare i nostri partner di vendita al dettaglio a promuovere una forte crescita e a rimanere competitivi in ​​un settore complesso e sempre più digitale”, ha scritto Simo, ex dirigente di Facebook che è diventato CEO di Instacart nel 2021. Simo è cresciuta in Francia ed è la figlia e nipote di pescatori.

Il mercato della consegna di generi alimentari ha registrato un boom all’inizio della pandemia. La crescita si è stabilizzata, ma il mercato è ancora circa quattro volte più grande rispetto al 2019, ha affermato David Bishop, partner e ricercatore capo di Brick Meets Click, una società di consulenza specializzata negli acquisti di generi alimentari online.

Anche questo mercato è sempre più competitivo. Instacart si trova ad affrontare una pressione crescente da parte di aziende tra cui Uber Eats e DoorDash, che hanno entrambe iniziato a consegnare generi alimentari nel 2020.

See also  Stablecoin: trasformare gli investimenti in criptovalute | Euronews

Secondo YipitData, una società di ricerche di mercato, ad agosto Instacart controllava il 70% del mercato statunitense delle consegne di generi alimentari a terzi. DoorDash controlla circa il 10%. Questa settimana, DoorDash ha aggiunto altri negozi di alimentari statunitensi alla sua offerta, tra cui Cub, Lowe’s Markets e Eataly.

Instacart deve anche affrontare la pressione degli stessi negozi di alimentari, che a volte si arrabbiano per i prezzi più alti che Instacart applica o per le regole sui prezzi che mette in atto per i negozi di alimentari che utilizzano il suo software per gestire i propri siti web.

Gli ordini Instacart possono costare ai consumatori dal 15% al ​​20% in più rispetto agli acquisti nei negozi a causa delle spese di consegna e dei ricarichi sui prodotti, ha affermato Bishop.

Alcuni negozi di alimentari hanno concluso collaborazioni con Instacart o hanno sviluppato la propria capacità di consegna. HEB, una catena del Texas, incoraggia i clienti a fare acquisti sul proprio sito, non su Instacart, se desiderano una consegna a un costo inferiore, ha affermato Bishop. Anche altri grandi negozi di alimentari, come Walmart e Target, effettuano le proprie consegne.

Bishop ha affermato che Instacart deve far sì che i propri clienti ritornino perché fa affidamento su di loro per vendere annunci.

“È sempre più difficile capire come Instacart possa riuscirci dal momento che i suoi concorrenti si stanno espandendo nel settore dei generi alimentari e i negozi di generi alimentari stanno esaminando più da vicino come migliorare la redditività della vendita online”, ha affermato.

L’inflazione dei prezzi alimentari negli ultimi due anni ha anche frenato la domanda di servizi di consegna a favore del ritiro all’esterno, che è meno costoso. Gli ordini di ritiro di generi alimentari negli Stati Uniti sono cresciuti del 3% raggiungendo i 10,5 miliardi di dollari nel periodo aprile-giugno di quest’anno rispetto allo stesso periodo di un anno fa, ha affermato Bishop. Gli ordini di consegna di generi alimentari sono cresciuti solo dell’1% a 7,8 miliardi di dollari.

See also  Le azioni UBS crollano mentre il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti indaga sull'evasione delle sanzioni russe

Anche gli ordini di Instacart hanno rallentato nella prima metà di quest’anno dopo essere cresciuti del 18% tra il 2021 e il 2022, ha affermato la società nella presentazione dell’IPO.

Tuttavia, i ricavi di Instacart sono aumentati del 31% raggiungendo 1,47 milioni di dollari nei primi sei mesi di quest’anno, in gran parte a causa dell’aumento delle commissioni pubblicitarie che riscuote da rivenditori e aziende alimentari. La società ha registrato un utile netto di 242 milioni di dollari nei primi sei mesi di quest’anno.

Tra i rialzisti sulle prospettive di Instacart c’è PepsiCo, che ha accettato di acquistare 175 milioni di dollari in azioni privilegiate convertibili in un collocamento privato.

Leave a Comment