Quando diminuiranno i tassi ipotecari?

Immagine-1428607625.jpg
I tassi ipotecari sono attualmente elevati, ma potrebbero stabilizzarsi già questa settimana.

Getty Images/iStockphoto


Potrebbe sembrare storia antica, ma nel recente passato c’è stato un periodo in cui i tassi di interesse ipotecari si aggiravano vicino ai minimi storici. Durante il culmine della pandemia nel 2020 e nel 2021, i tassi di interesse sono crollati, offrendo agli acquirenti di case un’opportunità storica di assicurarsi un tasso basso sul proprio mutuo. Anche i proprietari di case esistenti hanno potuto trarne vantaggio, assicurandosi tassi di rifinanziamento intorno al 3% o meno. Le cose però sono cambiate significativamente da quel momento.

Nel tentativo di contenere l’elevata inflazione, la Federal Reserve ha da allora aumentato più volte il tasso di interesse di riferimento, che ora si colloca in un range compreso tra il 5,25% e il 5,50%. Si tratta del livello più alto degli ultimi 22 anni. Di conseguenza, i tassi ipotecari sono aumentati a il livello più alto dal 2000. Ed è possibile che i tassi possano salire presto. La Federal Reserve si riunirà questa settimana per annunciare un rialzo dei tassi previsto mercoledì. Sebbene molti si aspettino che gli aumenti dei tassi vengano sospesi per questa tornata, essi potrebbero aumentare prima della fine del 2023.

“Siamo attenti ai segnali che indicano che l’economia potrebbe non raffreddarsi come previsto”, ha affermato il presidente della Federal Reserve Jerome Powell detto il mese scorso. “Siamo pronti ad aumentare ulteriormente i tassi, se opportuno, e intendiamo mantenere la politica monetaria a un livello restrittivo finché non saremo sicuri che l’inflazione si stia muovendo in modo sostenibile verso il nostro obiettivo”.

Cosa significa tutto ciò per i tassi ipotecari e quando i consumatori possono aspettarsi che scendano? Inizia esplorando le opzioni di tasso ipotecario qui per vedere a quale tasso potresti qualificarti.

Quando diminuiranno i tassi ipotecari?

Prima che i tassi di interesse ipotecari scendano, dovranno smettere di salire. Fortunatamente, questo è ciò che molti esperti prevedono per la riunione della Fed di questo mese. Se lo faranno, segnerà la seconda pausa negli aumenti negli ultimi mesi (la Fed non ha alzato il tasso di riferimento a giugno, O). Ciò avrà l’effetto di mantenere i tassi ipotecari relativamente stabili. Quando scenderanno, però, è più difficile prevederlo.

“Mentre la Fed continua a combattere l’inflazione e si avvicina all’obiettivo del 2%, i tassi ipotecari dovrebbero rispondere positivamente alla stabilizzazione e iniziare a diminuire lentamente all’inizio del 2024. La mia previsione è che vedremo tassi intorno al 6,5% nel primo trimestre del 2024 e al 5% nel quarto trimestre”, ha recentemente dichiarato Brian Shahwan, vicepresidente e banchiere ipotecario di William Raveis Mortgage Notizie della CBS.

“Guardando nella sfera di cristallo, vedo che i tassi ipotecari scenderanno nei prossimi sei-dodici mesi, con una certa volatilità che accompagnerà questa tendenza al ribasso”, ha detto Mike Hardy, socio amministratore di Churchill Mortgage. Notizie della CBS lo scorso mese. “Penso che i tassi a 30 anni saranno intorno al 5,25% e i tassi a 15 anni saranno intorno al 4,875% tra un anno.”

I tassi ipotecari dipendono dalle azioni della Federal Reserve (o dalla loro mancanza), che dipendono dai progressi verso la riduzione dell’inflazione. Fino a quando la lotta contro l’inflazione non sarà più controllata, è improbabile che la Fed allenti i tassi, ed è probabile che il prezzo del prestito rimanga elevato.

Non sei sicuro del tasso ipotecario a cui potresti beneficiare? Scoprilo qui adesso.

Dovresti accendere un mutuo adesso?

Con i tassi ipotecari odierni aggirandosi attorno al 7%, molti hanno scelto di sedersi in disparte. Rispetto ai tassi molto più bassi che avrebbero potuto essere garantiti solo pochi anni fa, alcuni ritengono che ora non sia il momento di ottenere un mutuo. Per altri, invece, potrebbe essere così. Ecco due ragioni per cui potrebbe valere ancora la pena agire adesso:

  • Le tariffe potrebbero aumentare ulteriormente: Certo, le tariffe odierne non rappresentano l’idea di un affare per la maggior parte degli acquirenti. Ma se i tassi aumentassero ulteriormente quest’anno o nel 2024, il tasso “alto” del 7% di oggi potrebbe essere l’alternativa “bassa” di domani. Pianifica la tua richiesta di mutuo di conseguenza.
  • Potresti perdere la casa dei tuoi sogni: Molti esperti suggeriscono un approccio “data il tasso, sposa la casa”. In altre parole, non lasciare che le tariffe odierne ti scoraggino la casa dei tuoi sogni va improvvisamente sul mercato. Compralo comunque e “data la tariffa” per ora. I tassi ipotecari prima o poi scenderanno, e tu puoi farlo rifinanziare al tasso più basso prevalente. Ma se aspetti, potresti perdere l’opportunità di possedere la casa dei tuoi sogni.

La linea di fondo

I tassi ipotecari potrebbero essere elevati ora, ma potrebbero non rimanere tali a lungo termine. Con una pausa nei rialzi dei tassi prevista per questa settimana, la sofferenza peggiore per i tassi ipotecari potrebbe essere passata. E anche se è improbabile che raggiungano presto l’intervallo 2020-2021, ciò non significa che gli acquirenti dovrebbero automaticamente scontare l’azione adesso. Ce ne sono molti convincenti motivi fare così. Inizia oggi esplorando le tue opzioni di tasso ipotecario per saperne di più.

See also  Lavorare in Europa: quali paesi hanno il maggior numero di posti di lavoro vacanti e quali ruoli sono più richiesti?

Leave a Comment