I rendimenti dei titoli del Tesoro hanno toccato il massimo degli ultimi 16 anni prima della riunione della Fed

Ricevi aggiornamenti gratuiti sui mercati

I rendimenti statunitensi hanno toccato il massimo degli ultimi 16 anni prima della conclusione della riunione politica della Federal Reserve di mercoledì, in cui si prevede che la banca centrale manterrà i tassi stabili, ma potrebbe indicare la sua volontà di mantenere una politica monetaria più restrittiva più a lungo.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni di riferimento ha raggiunto il massimo della sessione del 4,371%, il livello più alto dall’inizio di novembre 2007. Anche il rendimento dei titoli del Tesoro a cinque anni ha raggiunto il massimo degli ultimi 16 anni pari al 4,524%, mentre il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni la nota ha toccato il massimo in due mesi del 5,114%.

I rendimenti dei titoli del Tesoro, che si muovono in modo inverso al prezzo, seguono le aspettative sui tassi di interesse e sull’inflazione. Il balzo di martedì ha indicato che i trader si aspettavano che il presidente della Fed Jay Powell segnalasse la volontà della banca centrale di mantenere i tassi di interesse più alti per un periodo più lungo.

Sebbene i funzionari della Fed abbiano segnalato di essere preoccupati per i rischi di un inasprimento eccessivo della politica monetaria, i dati contrastanti provenienti dagli Stati Uniti, compreso un recente aumento dell’inflazione principale, hanno complicato il lavoro della banca centrale. Nel “dot plot” della Fed – le sue proiezioni economiche e politiche per il prossimo anno – che sarà pubblicato domani, i funzionari potrebbero indicare che si aspettano di mantenere i tassi di interesse su livelli elevati più a lungo.

See also  Le relazioni USA-Venezuela sono a un punto critico: gli investitori scommettono su una possibile riduzione delle sanzioni

“I mercati si stanno preparando per una Fed aggressiva domani”, ha affermato Benjamin Jeffery, stratega dei tassi statunitensi presso BMO Capital Markets.

I mercati scontano una probabilità del 99% che i tassi di interesse rimangano invariati mercoledì, ma i trader hanno circa 50-50 probabilità sulla possibilità che i tassi vengano poi alzati entro la fine dell’anno.

Riflettendo la lotta che i banchieri centrali hanno ancora in mano per domare le pressioni sui prezzi, martedì il vice governatore della Banca del Canada ha affermato che la banca centrale è pronta a porre fine alla sua recente cosiddetta pausa sull’inasprimento della politica monetaria e ad “aumentare il tasso di interesse di riferimento”. ulteriormente se necessario”.

Regno Unito, Svizzera e Giappone sono tra gli altri paesi le cui banche centrali annunceranno le decisioni politiche questa settimana.

“L’inflazione si è rivelata subdola e i banchieri centrali si trovano in una posizione tutt’altro che semplice”, ha affermato Danni Hewson, responsabile dell’analisi finanziaria presso AJ Bell.

“Se ci si allontana troppo si rischia di danneggiare le rispettive economie. Non allontanarsi abbastanza e rischiano di spalancare la porta e far salire i prezzi”.

Gli ultimi dati sull’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti hanno rafforzato le preoccupazioni che gli ultimi sforzi della Fed per riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2% potrebbero richiedere più tempo del previsto. L’aumento dei costi energetici ha spinto l’aumento dell’indice generale dei prezzi al consumo al 3,7% in agosto, al di sopra delle previsioni degli economisti.

Una misura della forza del dollaro rispetto ad altre sei valute è scesa dello 0,1%.

Altrove, l’indice S&P 500 di Wall Street ha chiuso in ribasso dello 0,2%, con l’energia e l’industria che si classificano come i settori con le peggiori performance del benchmark. Anche il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è sceso dello 0,2%.

See also  Kari Lake annuncia la corsa al Senato dell'Arizona

I prezzi del petrolio hanno raggiunto i massimi della sessione prima della campana di apertura di New York martedì e hanno iniziato a ritirarsi, con i titoli statunitensi di petrolio e gas che successivamente hanno seguito il movimento al ribasso, mentre la regolare sessione di negoziazione di Wall Street continuava.

Il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, ha esteso i guadagni per la quarta sessione di negoziazione consecutiva, salendo sopra i 95 dollari per la prima volta da novembre. Questi guadagni iniziali si sono dissipati nel corso della sessione, lasciando il prezzo in ribasso dello 0,1% a 94,34 dollari al barile.

Anche il West Texas Intermediate, l’equivalente statunitense, ha toccato il massimo degli ultimi 10 mesi prima di scivolare per attestarsi in ribasso dello 0,3% a 91,20 dollari.

Il grafico a linee ($/barile) mostra che i prezzi del petrolio sono saliti a nuovi massimi per l'anno

I recenti aumenti dei prezzi sono stati stimolati dalla notizia all’inizio di questo mese secondo cui due dei principali produttori mondiali, l’Arabia Saudita e la Russia, estenderanno i tagli all’offerta fino alla fine dell’anno.

Gli investitori restano preoccupati che l’aumento dei prezzi del petrolio potrebbe ostacolare gli sforzi delle banche centrali per domare l’inflazione negli Stati Uniti e in Europa, rafforzando la tesi delle banche di mantenere i tassi di interesse più alti per un periodo più lungo, nonostante le indicazioni suggeriscano che la crescita economica globale stia rallentando.

“L’ultima impennata dei prezzi del petrolio è estremamente inutile, soprattutto perché l’inflazione era già al di sopra degli obiettivi del 2% delle banche centrali”, ha affermato Dario Perkins, amministratore delegato della macroeconomia globale presso TS Lombard. “Detto questo, è importante mantenere questi recenti sviluppi inflazionistici nel contesto. Non corriamo ancora il rischio di annullare 12 mesi di solidi progressi disinflazionistici – nemmeno lontanamente”.

See also  Gli abitanti di Gaza fuggono a sud per il secondo giorno mentre Israele “assedia” l'enclave

Altrove, l’indice regionale Stoxx Europe 600 ha chiuso in ribasso meno dello 0,1%, con movimenti positivi per i titoli immobiliari, finanziari ed energetici annullati dai cali per i gruppi sanitari e industriali. Il FTSE 100 di Londra è salito dello 0,1%, così come il CAC 40 della Francia.

L’indice di riferimento cinese CSI 300 è sceso dello 0,2%, mentre il Topix giapponese è salito dello 0,1% con la riapertura dei mercati dopo le festività.

Leave a Comment